Il prossimo campionato di Formula 1 sarà un po’ più italiano. Il motivo? Dopo oltre 30 anni di assenza c’è il ritorno di una delle case automobilistiche che hanno fatto la storia di questo sport: l’Alfa Romeo. Una gradita sorpresa per tutti gli amanti delle corse, che già si sfregano le mani per possibili duelli con le altre scuderie italiane in gara, ovvero la Ferrari e la Toro Rosso.

Il ritorno in Formula 1

Con una cerimonia in grande stile lo scorso 2 dicembre, presso il Museo Storico Alfa Romeo di Arese (Milano), è stata presentata la nuova monoposto. Un piccolo gioiello che ha già fatto innamorare tutti, in primis il CEO del gruppo FCA Sergio Marchionne, che ha definito l’evento come un qualcosa di storico.
Dietro questa vettura bianca e rossa, in verità, si cela il lavoro non solo degli ingegneri della casa del biscione, ma anche quello della Sauber. Questo è infatti il risultato della partnership tra l’Alfa Romeo e la scuderia svizzera. I due marchi hanno lavorato a stretto contatto negli ultimi anni per realizzare un qualcosa capace di risollevare la stessa Sauber (arrivata ultima lo scorso campionato) e consentire, contemporaneamente, il ritorno dell’Alfa tra i grandi delle corse.

la nuova monoposto

Dalla stagione 2020, se le cose dovessero andare come tutti sperano, la casa milanese potrà poi gareggiare da sola, con una scuderia tutta sua. Proprio come il campionato del 1950, il primo della storia della Formula 1, che vide l’Alfa Romeo trionfare ed affermarsi nel panorama mondiale delle corse. Una tradizione di successi che ha portato, tra gli anni Cinquanta e gli Ottanta, decine di trofei nella sua bacheca. Ed ora il suo grande ritorno, con i piloti Marcus Ericsson e Charles Leclerc a guidare il nuovo bolide italo-svizzero.

una tradizione vincente

Dall’Alfa Romeo alla Maserati: i progetti italiani per i prossimi campionati

Il ritorno dell’Alfa Romeo in Formula 1 non è stata l’unica novità dell’evento di Arese. Marchionne ha dichiarato che la Maserati potrebbe – si tratta ancora di un’ipotesi – approdare prossimamente nella Formula E. Si tratta del campionato per supercar elettriche e che, almeno per il momento, non vede alcuna scuderia italiana parteciparvi. Ha inoltre aggiunto che anche la Ferrari potrebbe in futuro iscriversi con un’auto tutta sua. Sono solo idee però, quindi per adesso limitiamoci ad ammirare il rientro dell’Alfa Romeo nel prossimo campionato di Formula 1.

La tappa romana del campionato di Formula E con il Colosseo alle spalle
La tappa romana del campionato di Formula E
Gabriele Roberti

Autore: Gabriele Roberti

Affascinato da sempre dal Lato Oscuro della Forza, abbandona in tenera età l’idea di diventare un Sith. Da quel momento ha iniziato a dedicarsi ad altro: gli studi, il lavoro, le ragazze e i tornei a Fifa. Dopo la laurea in lettere ha iniziato a scrivere senza sosta, arrivando a vedersi pubblicato su vari siti e blog come italiani.it.
Sogna un viaggio in estremo oriente, e di provare almeno una volta tutte le cucine del pianeta. In attesa ovviamente di una chiamata da Lord Fener…

L’Alfa Romeo in pista nel 2018 con la Sauber! ultima modifica: 2017-12-12T09:30:09+00:00 da Gabriele Roberti

Commenti

commenti