Dal Cammino di Santiago di Compostela al Great Himalaya Trail, passando per il difficilissimo GR20 d’Europa: i sentieri nel mondo sono migliaia. Che sia un’alta montagna, un deserto o una fitta foresta, l’uomo si è sempre fatto strada tracciando lunghi percorsi in ogni continente. Spesso questi sono rimasti nella storia, diventando simbolo di pellegrinaggio o avventura. Tali meraviglie si trovano ovunque, anche in Italia. E oggi, grazie al Ministero dei beni culturali, è possibile conoscerli tutti. Come? Con l’Atlante dei cammini d’Italia!

La Via Francigena: uno dei sentieri dell' Atlante dei cammini d'Italia

Atlante dei cammini d’Italia: pellegrinaggio italico

È stato messo ufficialmente online lo scorso 4 novembre il primo Atlante dei cammini d’Italia (consultabile qui). Si tratta di una raccolta dei sentieri più importanti di tutta la Penisola. Migliaia di chilometri di strade poco conosciute, ma utilizzate per secoli prima dell’avvento dei moderni mezzi di trasporto. Una vera e propria mappa che ci permetterà di programmare intensi viaggi nel cuore dello Stivale, da percorrere ovviamente a piedi proprio come una volta. Dalla Via Francigena battuta dai fedeli quando volevano recarsi a Roma, fino ad alcune sezioni dello storico Grand Tour, che per secoli ha assistito al passaggio dei personaggi più importanti della storia mondiale. C’è poi il Cammino di Dante che attraversa tutti i più famosi centri dove il poeta visse o il Sentiero della Pace, che ripercorre luoghi e memorie della Grande Guerra. Per ora i sentieri sono 44, ma nei prossimi mesi ne verranno aggiunti altri, con l’obiettivo di coprire tutto il Paese.

I percorsi si snodano lungo tutto lo stivale

L’anno dei cammini d’Italia

Il 2016 è stato, per il Ministro dei beni e attività culturali Dario Franceschini, l’anno dei cammini d’Italia. Questo ha spinto il MiBACT ad individuare e valorizzare tutti i sentieri più iconici del Belpaese. Insomma, la famosa rete delle strade storiche, paesaggistiche, religiose e culturali che hanno reso l’Italia paese simbolo del pellegrinaggio. Ma quanti sono i sentieri degni di nota? Si parla di oltre seimila chilometri di strade che si snodano da Nord a Sud, isole comprese. Molte di queste si sono perse nel tempo, sostituite da vie più comode e moderne, altre invece mantengono ancora la loro fama come la Via Appia. Tuttavia ora, grazie al lavoro svolto dal Ministero, dalle regioni, dall’ANCI e da vari enti locali, sarà possibile conoscerle tutte e rivivere le sensazioni provate dai pellegrini di un tempo.

Una sezione del Sentiero degli Dei

Gabriele Roberti

Autore: Gabriele Roberti

Affascinato da sempre dal Lato Oscuro della Forza, abbandona in tenera età l’idea di diventare un Sith. Da quel momento ha iniziato a dedicarsi ad altro: gli studi, il lavoro, le ragazze e i tornei a Fifa. Dopo la laurea in lettere ha iniziato a scrivere senza sosta, arrivando a vedersi pubblicato su vari siti e blog come italiani.it.
Sogna un viaggio in estremo oriente, e di provare almeno una volta tutte le cucine del pianeta. In attesa ovviamente di una chiamata da Lord Fener…

Summary
Atlante dei cammini d'Italia: il Belpaese visto dai sentieri
Article Name
Atlante dei cammini d'Italia: il Belpaese visto dai sentieri
Description
i sentieri nel mondo sono migliaia. Che sia un'alta montagna, un deserto o una fitta foresta, l'uomo si è sempre fatto strada tracciando lunghi percorsi in ogni continente. Spesso questi sono rimasti nella storia, diventando simbolo di pellegrinaggio o avventura. Tali meraviglie si trovano ovunque, anche in Italia. E oggi, grazie al Ministero dei beni culturali, è possibile conoscerli tutti. Come? Con l'Atlante dei cammini d'Italia!
Author
Publisher Name
Italiani.it
Publisher Logo
Atlante dei cammini d’Italia: il Belpaese visto dai sentieri ultima modifica: 2017-11-22T09:30:13+00:00 da Gabriele Roberti

Commenti

commenti