Camminando nella piccola Svizzera

Questa località sembra sospesa nel tempo. Castiglione della Pescaia, un borgo piccolo e dolce in provincia di Grosseto. La chiamano “la piccola Svizzera”, probabilmente perché posa tranquilla, con il suo incrocio di vicoli caratteristici. Castiglione della Pescaia dà l’impressione di affiancare la costa più che esserne parte. Lungo la strada che porta alle spiagge ci sono tanti piccoli pescherecci, alcuni dei quali si vedono allontanare verso il mare aperto.
Questa oltre che essere una località di mare rappresenta anche un piccolo borgo con diverse testimonianze del passaggio storico.
Dalle chiese a ruderi, Castiglione della Pescaia ha molto da illustrare, seppure non sia stata una località influente nella storia. Ma la sua posizione ha fatto sì che questa fosse spesso valutata dai toscani, che la chiamavano da prima Castelione, e successivamente Pescaja. L’associazione dei due appellativi differenti ha dato poi l’origine all’attuale nome.
La sabbia sottile, l’acqua bassa. Castiglione della Pescaia è silenziosa e adatta ai fine settimana di relax.

Castiglione della Pescaia
Castiglione della Pescaia

Lo spirito di Castiglione: il luogo di pace

Dal fare gentile e cordiale, gli abitanti accolgono i turisti mostrando la semplicità di cui Castelione va fiera.
Consapevoli di essere parte di un territorio molto mite, offre possibilità di mangiare in tipici ristorantini locali. Deliziose piccole e composte osterie che girando un po’ nel paese si ritrovano.
Il castello di Castiglione della Pescaia sovrasta il paese e concede la vista spettacolare. Da lì tutti i tetti delle case, il folto polmone verde fino alle rive e al mare che pian piano si estende nell’intero Tirreno. Infatti nel X secolo prima che fosse eretto il castello vi era solo una torre, la Torre Pisana un forte che si preoccupava di tenere sotto controllo l’area castiglionese.
Dalla costruzione dei pisani si è poi resa la necessità di costruire altre due torri vicine. Una crescita di questo castello molto lenta. Solo due secoli dopo, nel rinascimento, sarà costruito il resto del Castello, con poi successivi lavori di restauro nel Settecento.

castiglione della pescaia
castiglione della pescaia

Tradizione e monumenti

Camminando lentamente si può arrivare a godere del panorama che il Castello offre, sentendosi un po’ parte di quello scenario immensamente bello, ma a misura d’uomo.
Non è l’unica attrattiva storica di Castiglione. L’argomentazione monumentale ruota intorno alle strutture sacre. Chiese, abbazie e reperti religiosi che grazie alla loro conservazione fanno in modo da salvaguardare i tratti del passato che hanno caratterizzato Castiglione della Pescaia.
Vale la pena trattenersi per qualche giorno, poter visitare i diversi siti archeologici presenti. E perché no fare un salto all’isolotto di Castiglione della Pescaia, Isolotto dello Sparviero.
Inoltre le feste tradizionali sono molto coinvolgenti! Il Palio Marinaro è una regata che si svolge su barche a remi e offre modo di creare una competizione fra i cinque rioni presenti.
Ogni prima domenica di settembre c’è la corsa dei ciuchi, la sfida di quattro contrade che occupa il borgo.
Se invece sarete lì per l’ultimo fine settimana di agosto non potete perdervi il torneo a Vetulonia di Palle eh!

Autore: Francesca Shissandra

Francesca D’Elia. Studentessa presso la facoltà di editoria e pubblicistica in Salerno. Attratta dalla scoperta del nuovo e dal confronto con persone di diverse etnie e culture, sempre alla ricerca di incredibili storie e fantastiche personalità. Amante della natura, dei suoi suoni e dei suoi colori. Segno zodiacale: bilancia.

Castiglione della Pescaia: dolcissima Toscana ultima modifica: 2017-08-10T09:12:26+00:00 da Francesca Shissandra

Commenti

commenti