La prima donna laureata al mondo era veneziana

1678 a Padova: l’anno della prima laureata al mondo. Uno dei traguardi più importanti per le donne.
Il primo passo l’ha compiuto Elena Lucrezia Cornaro. Un segno forte. Una voce femminile imponente nella società del 1600. E’ un privilegio per l’Italia ricordare un’icona simile. Colei che con modestia ha creduto nelle sue possibilità e si è fatta spazio in un mondo di uomini. Nonostante le opposizioni del cardinale Gregorio Barborigo, ella riuscì a iscriversi all’università, alla facoltà di teologia. Coerentemente con le sue scelte di vita che l’hanno vista già giovanissima in un convento. Elena Lucrezia prese i voti a soli diciannove anni come oblata benedettina. Decidendo così di approfondire la sua vita accostando studi di teologia e filosofia. Con molta umiltà Elena Lucrezia Cornaro decise di intraprendere i suoi studi. Ciò rese Elena Lucrezia un modello, da considerarsi oggi un esempio per i suoi valori e la sua tenacia.

La famiglia di Elena Lucrezia

A sostegno del sogno della figlia c’è suo padre. Un uomo sui generis. Visto anche il supporto che egli stesso ha offerto alla figlia per vederla realizzata nel suo sogno. Ottenere una laurea e un’indipendenza culturale.
Elena Lucrezia nasce da una buona famiglia seppure sotto gli occhi critici degli abitanti. Critici perché suo padre sceglie di sposare una donna dal rango inferiore rispetto al suo. Così da creare già il primo “scandalo” familiare. Già questo poteva non deporre bene per la crescita culturale di Elena Lucrezia. Perdippiù era ancora assurdo pensare che una donna di chiesa potesse intraprendere un percorso formativo con i migliori insegnanti del momento.

La cultura nelle mani di una donna

I suoi studi si sono svolti tra l’Accademia dei Ricoverati di Padova, degli Infecondi di Roma, degli Intronati di Siena, degli Erranti di Brescia, l’Accademia dei Donodei e dei Pacifici di Venezia.
Divenne così l’unica donna erudita in Italia, con padronanza e conoscenza approfondita del greco e del latino con un’autonomia intellettiva e culturale. La possibilità poter provvedere ad un percorso di studi era un’impresa mai pensata nell’Italia del tardo 1600.
Spostandosi in diversi luoghi dell’Italia per poter assecondare la sua sete d’istruzione la sua fama diventa mondiale diventando un personaggio capace di suscitare curiosità persino nelle sfere nobiliari estere.

I luoghi che ricordano Elena Lucrezia Cornaro Piscopia

La città di Padova da onore alla giovane veneziana oggi ricordandola con una statua all’interno dell’università.
Ma il nome di Elena Lucrezia Cornaro Piscopia ha fatto realmente il giro del mondo diventando una figura da prendere come esempio. La donna che con umiltà e cultura si è insediata in una società maschilista superando le difficoltà con leggerezza e caparbietà. Per quasto anche una biblioteca del Vassar College di New York ha una vetrata che la vede illustrata, e una biblioteca comunale a Cipro prende il nome di Elena Lucrezia Cornaro Piscopia.
Ma la giovane veneziana non ha solo sfondato i confini dell’Italia: sul pianeta Venere il cratere Piscopia prende proprio il nome dalla prima donna laureata nel mondo. Venere, il simbolo della donna per eccellenza che ha in sé un cratere della prima donna rivoluzionaria nel mondo, ovviamente made in Italy.

Autore: Francesca D’Elia

Francesca D’Elia. Studentessa presso la facoltà di editoria e pubblicistica in Salerno. Attratta dalla scoperta del nuovo e dal confronto con persone di diverse etnie e culture, sempre alla ricerca di incredibili storie e fantastiche personalità. Amante della natura, dei suoi suoni e dei suoi colori. Segno zodiacale: bilancia.

Elena Lucrezia Cornaro Piscopia: prima donna laureata al mondo ultima modifica: 2017-01-03T20:00:48+00:00 da Francesca D'Elia

Commenti

commenti