Sport italiano in lutto per la scomparsa di uno dei suoi più grandi atleti. È morto infatti Enzo Maiorca, soprannominato il signore degli abissi per i suoi record nelle immersioni in apnea. Una figura di grande rilievo non solo per la sua disciplina, ma per tutto lo sport italiano. Merito di una carriera di altissimo livello che gli ha permesso di conquistare numerosi record.

Enzo Maiorca: il pioniere delle immersioni

Quando ci capita di assistere a qualche gara di apnea, le domande più comuni sono sulla difficoltà di tale disciplina. Oggi il pericolo è calcolato, ma soprattutto gli atleti sono ben a conoscenza degli effetti e dei rischi. Enzo Maiorca, invece, è stato uno dei primi a praticare l’apnea come sport, scoprendo sulla propria pelle i tanti rischi all’epoca sconosciuti. Un vero e proprio pioniere per questa disciplina insomma.
Nato a Siracusa nel 1931, Enzo Maiorca si innamora ben presto delle immersioni. Nel 1960 centra il suo primo record toccando i -45 metri. Nello stesso anno aggiorna il primato arrivando a -49. Da quell’anno inizia a collezionare record su record fino all’incredibile profondità di -101 metri. Impresa ancora più grande considerati i 56 anni dell’atleta all’epoca.

Dalla paura del mare ai record di profondità

In un’intervista Enzo Maiorca confidò alle telecamere di avere paura del mare da piccolo. Nonostante questa paura iniziale, tuttavia, l’atleta siciliano è riuscito a costruire i suoi successi proprio nelle profondità del Mediterraneo. Una carriera sportiva durata svariati decenni, condita da dualismi storici come quello con Amerigo Santarelli o Jacques Mayol. Quest’ultima rivalità ha ispirato il regista francese Luc Besson a realizzare il film Le Grand Bleu nel 1988. Pellicola che ottenne grande successo sia in Francia che all’estero.
Nel 1974 Enzo Maiorca si rese celebre per un episodio verificatosi durante un suo tentativo di record. La RAI trasmetteva l’evento in diretta e un suo operatore si portò in profondità per riprendere l’atleta. Durante la discesa, a nemmeno 20 metri, Enzo Maiorca andò a sbattere contro il cameraman, obbligando il siciliano ad una veloce risalita. Appena riemerso non risparmiò insulti e bestemmie in diretta nazionale. Forse una reazione cruda, ma non del tutto ingiustificata vista l’importanza del record personale.

Gabriele Roberti

Autore: Gabriele Roberti

Laureato in lettere, fa della scrittura, dei racconti e dei viaggi le sue grandi passioni. Ama girare il mondo, soprattutto attraverso il cibo, e scoprire curiosità e aneddoti di ogni paese. Sogna un lungo viaggio in estremo oriente e poter raccontare, a modo suo, le proprie avventure. Scrive per diversi siti e blog, tra cui www.italiani.it, riportando storie e notizie che riguardano gli italiani nel mondo.

Enzo Maiorca: il signore degli abissi che ha infranto ogni record ultima modifica: 2016-11-14T12:22:16+00:00 da Gabriele Roberti