Il Sud Italia: patria del “libro sospeso”

il libro sospeso, ecco che gli amanti della letteratura trovano un nuovo e originalissimo escamotage per mettersi in contatto fra loro. Ogni attimo è prezioso per coloro che amano leggere e sanno ascoltare i pensieri degli autori e di chi come loro ha un debole per i libri. Lo scambio di libri rappresenta un gesto di fiducia nei confronti del prossimo che si ritrova a sfogliarlo. Ciò  dimostra inoltre un forte senso di altruismo perché, si sa, è sempre difficile separarsi da un libro. In pochi sanno invece che questa catena nasce proprio dal cuore dell’Italia. Parte dalla provincia di Salerno per estendersi in tutta l’Italia. È dunque dal sud che si muove il primo passo. Sempre di più sono i luoghi che aderiscono a quest’iniziativa con piacere generando un vortice di cultura e curiosità.

Il fascino del libro

Cedere un libro significa donare anche una parte di se stessi per condividerla e mettere in moto una serie di stimoli mentali creando una rete di comunicazione invisibile. Una sorta di rete telepatica, per chi accoglie l’iniziativa.Ogni location è produttiva e si può ben prestare per creare il legame fra i lettori. Il tutto nasce nelle librerie. I clienti dopo aver accuratamente scelto un libro di proprio interesse possono lasciarlo vicino alla cassa per il cliente successivo. Nel giro di poco tempo lo scambio si sposta nei caffè letterari, o di fianco ai giornali nei comunissimi bar, persino nei mezzi di trasporto pubblico è possibile allietare il proprio viaggio con un dono da parte di qualche lettore che volontariamente ha deciso di lasciare lì, “sospesa”, una storia che condurrà altrove.

Il messaggio…

Si considera questo un metodo non solo per farsi ascoltare, ma anche per consigliare a degli sconosciuti un tema inaspettato. Un libro trovato è considerato come un vero e proprio messaggio nella bottiglia per te! Una richiesta di sincronizzarsi tutti sulla stessa frequenza. Ampliare il proprio bagaglio culturale fermarsi a leggere concedendosi un attimo di relax ed empatia col resto del mondo che si vuole mettere in contatto con te fra le pagine del tuo lavoro e durante la tua storia di vita.
Un “libro sospeso” è un contributo vero e proprio per la società. Un invito a fermarsi per ascoltare chi ci sta intorno approfittando dei luoghi più comodi e convivali.
Ecco che adesso saprete che non potete voltare lo sguardo di fronte a un libro che sta aspettando solo di essere sfogliato da voi.

Francesca D’Elia

Francesca D'Elia

Autore: Francesca D’Elia

Francesca D’Elia. Studentessa presso la facoltà di editoria e pubblicistica in Salerno. Attratta dalla scoperta del nuovo e dal confronto con persone di diverse etnie e culture, sempre alla ricerca di incredibili storie e fantastiche personalità. Amante della natura, dei suoi suoni e dei suoi colori. Segno zodiacale: bilancia.

libro sospeso: per chi ama leggere e non solo ultima modifica: 2016-10-20T12:29:06+00:00 da Francesca D'Elia