Valle D’Aosta, la perfetta regione per chi desidera riposarsi, passeggiare e conoscere la cultura. Le varie tradizioni vengono custodite e tramandate di generazione in generazione. Impossibile non cedere alle tentazioni della gola grazie alle specialità gastronomiche.

La Val D’Ayas è composta dalle frazioni di Antagnod, Champoluc, Franchey, Saint-Jacques e Crest. Proprio ai piedi del Monte Rosa, aperta e soleggiata. L’’ideale per goderne la vista e percepirne la forza, la possenza, la bellezza. I paesaggi sono veramente vari. Dai castagneti e faggeti, sino alle conifere, alle rocce ed ai ghiacciai. Le passeggiate a fine estate o in autunno sono quelle ideali se vuoi regalarti una pace rigenerante. Scorci incantevoli valorizzati dalle diverse sfumature di colore dei boschi, che iniziano a tingersi di giallo oro e di rosso. 

Il Grande Sentiero Walser: un itinerario sulle tracce di una civiltà di frontiera

Il Grande Sentiero Walser è un percorso trasversale alla Valtournenche, alla Val d’Ayas e alla Valle di Gressoney. Segue le tracce del popolo Walser che, a partire dal XII secolo, colonizzò la Valle D’Aosta.

Una serie di pannelli interpretativi aiutano a riconoscere e ricostruire i segni della cultura che s’incontra sul territorio. Affrontando il sentiero, si ripercorre la via intrapresa dai Vallesani, che tra il XII e  il XIV secolo migrarono in cerca di nuove terre.

Il cammino unisce idealmente i centri di cultura Walser, viaggiando nell’ampio mondo della cultura alpina in Valle D’Aosta e rappresentando un’idea efficace di come fosse la montagna nei secoli passati e cosa significasse abitarla, spesso ad altitudini impervie.

I castelli nella Valle D’Aosta: Il Castello di Graines

I primi castelli in Valle D’Aosta, sorsero tra l’inizio dell’XI ed il XII secolo, spesso su fortificazioni precedenti. Non di rado erano costituiti da un torrione o donjon, cinto da mura. E’ il caso del Castello di Graines, uno dei più suggestivi della Regione. Sorge su un alto promontorio roccioso, dal quale domina l’abitato di Brusson e gran parte della Val d’Ayas. Si tratta di una posizione decisamente strategica. Ideale dal punto di vista difensivo e la posizione sopraelevata gli permetteva di controllare il territorio circostante.

Graines è un tipico esempio di castello primitivo in Valle D’Aosta. Composto essenzialmente da un’ampia cinta muraria di forma irregolare per adattarsi alla natura del terreno. Esso racchiudeva all’interno una grande torre quadrata ed una piccola cappella, le uniche di cui sia rimasta traccia. Oltre ad essere l’abitazione del signore, il Castello rappresentava l’ultimo baluardo della difesa. 

Il Castello di Graines: tra leggende e romanzi

Proprio in Valle D’Aosta, secondo una leggenda, sotto i resti del castello vi è sepolto un grande tesoro. Una notte una misteriosa voce apparve in sogno ad un pastore indicandogli il punto esatto in cui scavare per trovare il tesoro. Fu avvertito però di allontanarsi prima che all’alba il gallo cantasse per la terza volta. La notte successiva il pastore seguì le indicazioni e scoprì trovò il tesoro. Abbagliato dalle ricchezze perse però la cognizione del tempo e troppo tardi si accorse del canto del gallo. Rimase così intrappolato insieme al tesoro. 

Rossana Nardacci

Autore: Rossana Nardacci

Laurea Magistrale in Informazione, Editoria e Comunicazione presso L’Università Roma Tre.
Corso di Social Media Marketing&Social Listening presso Bloo Srl di Pescara abilitante alla professione di Social Media Manager, professione che svolgo attualmente collaborando con diverse web agency. Mi occupo principalmente di Content Marketing e Social Media Marketing per aziende e liberi professionisti, redigo testi Seo Oriented e curo le strategie per blog aziendali.
Sono Docente di corsi di Social Media Marketing per aziende e futuri professionisti

Valle D’Aosta, tra paesaggi mozzafiato e castelli incantati ultima modifica: 2016-11-09T15:11:58+00:00 da Rossana Nardacci