Attraverso un normalissimo smartphone è possibile monitorare l’andamento di alcune malattie croniche

L’ultima parola però deve essere sempre del medico.
La tecnologia fa rapidi progressi. Oggi è possibile tenere sotto controllo, addirittura minuto per minuto, l’andamento di malattie e di disturbi molto comuni.  Senza doversi recare in un ambulatorio specialistico. Si tratta di una comodità che viene offerta da specifiche app da installare sullo smartphone.  Queste app sono in grado di elaborare informazioni che consideriamo necessarie per la nostra salute. In alcuni casi possono addirittura fornire consigli personalizzati sugli stili di vita più corretti per ogni condizione.
Le app non possono assolutamente sostituire il medico.  Permettono però di stilare grafici o resoconti elaborati da mostrare allo specialista.

Quali app permettono di monitorare l’andamento di alcune malattie croniche?

S.O.S Mal di testa. L’app HeadApp, scaricabile solo su iPhone ed iPad, è stata creata da specialisti internazionali. Su di essa si possono registrare i giorni e gli orari in cui il mal di testa si manifesta. Il tipo di dolore, la sua localizzazione ed anche quanto dura la crisi.
Tutti i dati risultano inseriti in modalità anonima. Vi è anche la possibilità di salvarli sul cloud, letteralmente “nuvola”, una sorta di disco rigido online che permette di consulare i dati anche su altri dispositivi.
Da pochi mesi è stata anche lanciata l’app iMalditesta, promossa dal gruppo farmaceutico Angelini. Un app scaricabile sia da iOS sia da Android. Anch’ essa funziona come un diario in cui registrare frequenza, intensità o localizzazione del dolore.
Le informazioni inserite vengono anche messe in relazione a quelle che sono proprie abitudini alimentari, alle ore di sonno o al livello di stress, per individuare possibili strategie di comportamento virtuoso da condividere con il medico.

In caso di Diabete?

In Italia sono circa 4 miliardi le persone affette da diabete. Più di due milioni faticano a mantenere entro limiti accettabili il livello di glucosio nel sangue.
Con l’app MySugar, scaricabile da iOS e da Android, si può tenere monitorato questo valore. I controlli da fare prima e dopo i pasti, a partire dalla colazione, vengono sollecitati da un segnale lanciato proprio dallo smartphone. E non solo: la stessa funzione di avviso si attiva ogni tre o quattro ore, cioè in corrispondenza di possibili attacchi di ipoglicemia.

Inoltre si possono inviare i dati al medico curante sotto forma di grafici o tabelle, in modalità multi display. Essi possono essere  visualizzati per alcune settimane o mesi. Accanto alle classiche funzioni, che comprendono la registrazione in rubrica di numeri utili come il 118 o il centro di assistenza più vicino, l’app MySugar presenta funzioni ulteriori a pagamento. Come ad esempio suggerimenti specifici e dettagliati sul fronte dell’alimentazione.
Prima di utilizzare questo tipo di app, si consiglia di controllare che sia compatibile con i diversi glucometri in vendita sul mercato.

http://www.healthline.com/health/diabetes/top-iphone-android-apps

Autore: Rossana Nardacci

Laurea Magistrale in Informazione, Editoria e Giornalismo presso L’Università Roma Tre.
Corso di Social Media Marketing&Social Listening presso Bloo Srl di Pescara abilitante alla professione di Social Media Manager, professione che svolgo attualmente collaborando con diverse web agency. Mi occupo principalmente di Content Marketing e Social Media Marketing per aziende e liberi professionisti, redigo testi Seo Oriented e curo le strategie per blog aziendali.
Sono Docente di corsi di Social Media Marketing per aziende e futuri professionisti

Il medico a portata di App. Ma cosa significa? ultima modifica: 2017-01-09T20:56:55+00:00 da Rossana Nardacci

Commenti

commenti