Dal 6 al 26 agosto le folli notti pugliesi

Il cuore dell’estate è celebrato con un evento ventennale. La Notte della Taranta. Dal 1998 il simbolo dell’estate italiana. Il caldo, la musica, le spiagge e i cocktail non sono gli unici elementi che rendono imperdibile la nottata più bella del mese di agosto.
La musica tradizionale salentina attira le persone come se fossero ipnotizzate dal flusso musicale. Si, il Salento con la sua magia fa sempre parlare di sé e garantisce il divertimento.

Il Festival salentino nasce nel 1998 per ritrovare nel corso del tempo nuovi sapori, nuovi spunti e metodi sempre efficaci per rendere ogni anno speciale.
Il Festival è itinerante. Comincia il 6 agosto Corigliano d’Otranto per sciogliersi in diciotto tappe sparse nel panorama pugliese per terminare il 26 agosto a Melpignano.

Nonostante l’appuntamento nell’ultimo mese estivo questo in qualche modo è un evento che pilota la stagione. Tutta l’attesa sembra ruotare intorno alla Notte della Taranta.

Salento
Salento

Notte della Taranta, collaborazione di diverse culture

Anche quest’anno un programma molto dettagliato e pronto a soddisfare i gusti di tutti i turisti, escursionisti divertiti dal girovagare delle date pugliesi.
Ciò che ha di significativo la Notte della Taranta non è racchiuso solo nel divertimento sfrenato. Ma la fusione di più culture che accade nel periodo finale del festival. Quando la tradizione salentina si mescola con quella di altre civiltà formando una potente sinergia fra popoli.

Nonostante siano ben vent’anni che l’organizzazione eccelle nella gestione del festival, è solo da dieci che esiste a tutti gli effetti l’etichetta della Notte della Taranta. Così da definire al meglio quale sia il taglio dell’evento e come migliorarne la struttura anno dopo anno. Concentrare tante realtà in agosto significa interfacciarsi con le diversità proposte dalla cultura pugliese. Valori che vanno dalla produzione della propria musica, dei propri cibi, alla valorizzazione del territorio.

Pizzica
Pizzica

I tantissimi spettatori della Notte della Taranta

Proponendo sempre nuovi escamotage per avvicinare le persone, connazionali o turisti dall’estero, a ritrovare un legame fra la propria personalità e la Puglia.
è comunque cosa ben nota che a calcare i palchi della Notte della Taranta sono sempre stati artisti molto ricercati. Dall’estro originale, questo ha fatto in modo da coinvolgere l’Italia intera.

Variopinti spettacoli anche quest’anno coinvolgeranno gli spettatori nell’arco dell’ultima corsa estiva prima di ritornare alle ordinarie faccende. Sarà anche questo il motivo per cui ci si dedica completamente a questo finale estivo della Notte della Taranta!

Ogni anno la quantità di giovani che come fiumi in piena si recano alla volta della Puglia è impressionante. Difatti negli ultimi dieci anni gli spettatori non sono mai scesi al di sotto dei centomila. Nessuno rinuncia alla festa più calda del Sud!

http://www.lanottedellataranta.it/it/k2-user-groups/il-festival/tappe-2016

Francesca Shissandra

Autore: Francesca Shissandra

Francesca D’Elia. Studentessa presso la facoltà di editoria e pubblicistica in Salerno. Attratta dalla scoperta del nuovo e dal confronto con persone di diverse etnie e culture, sempre alla ricerca di incredibili storie e fantastiche personalità. Amante della natura, dei suoi suoni e dei suoi colori. Segno zodiacale: bilancia.

Notte della Taranta: il Salento che balla ultima modifica: 2017-07-31T08:34:17+00:00 da Francesca Shissandra

Commenti

commenti