Pasqua non è solo uova di cioccolato e colomba, mangiati alla fine di un pasto abbonadante e ipercalorico di solito passato in famiglia, seguito da una barbeque o una scampagnata il giorno successivo. Ogni Paese ha le sue tradizioni. Vediamo quali sono i modi di trascorrere Pasqua nel mondo.

Vuoi andare in giro per l’Europa a cercare tradizioni pasquali curiose? Ecco 5 mete last minute per te.

Pasqua nel mondo
Il coniglio sta alla Pasqua come Babbo sta al Natale. Il coniglio pasquale è colui che porta le uova ai bambini nei Paesi anglosassoni.

Pasqua nel mondo: la caccia alle uova

Tradizione diffusa in Gran Bretagna, negli Stati Uniti e in generale nei Paesi anglosassoni, la caccia alle uova è pensata soprattutto per i bambini. Può essere organizzata dalla famiglia, dal vicinato, dalla scuola, dalla chiesa o dalla cittadina in cui si vive. Prevede che una certa quantità di uova, vere o di plastica o di cioccolato siano nascoste all’interno di un’area predefinita, di solito all’aperto. Si tratta di uova decorate e colorate. I bambini le cercano e le raccolgono e alla fine della caccia ci sono diversi premi. Per chi ne ha raccolte di più, per chi ha trovato la più grossa, premi di consolazione e così via. Perché le uova? Perché sono un simbolo di fertilità a rinascita. Ed è per questo che sono così diffuse in una festa che celebra, paganamente, l’arrivo della primavera e il rifiorire dei campi.

Pasqua nel mondo: le streghe di Pasqua

In Finlandia è tradizione che i bambini, e le bambine soprattutto, si vestano da piccola streghe, con abiti di recupero, facce sporche, cappellacci e rami di salice in mano. Girano di casa in casa e promettono di allontanare gli spiriti malvagi in cambio di un dolcetto. Che di solito è un ovetto di cioccolato. In alcune aree del Paese questo rito non avviene il giorno di Pasqua, ma la domenica delle Palme. Nelle regioni occidentali ogni villaggio accende un falò per cacciare con il fuoco gli spriti malvagi.

Pasqua nel mondo: attenzione al lunedì

La Polonia è una nazione ancora molto legata ai riti religiosi. Per cui andare in chiesa fa parte della tradizione del periodo pasquale. Molte famiglie fanno ancora benedire il cibo che serviranno in tavola durante le celebrazioni, portando piccole porzioni di cibo durante la messa. Il vero divertimento inizia invece il lunedì di Pasquetta. In questo giorno i ragazzi inseguono le ragazze con secchi, pistole d’acqua e qualsiasi altro strumento che permetta loro di inzupparle. Ma non temere, la tradizione vuole che chi viene bagnata si sposerà entro l’anno.

Qualcosa di simile succede in Ungheria. Qui si usa di solito uno spruzzo di profumo o acqua profumata e si chiede in cambio un bacio.

Pasqua nel mondo
In molti Paesi dell’Est Europa è tradizione a Pasquetta inseguire le ragazze con secchi e pistole ad acqua.

Pasqua nel mondo: l’omelette da record

A Haux, una cittadina vicina a Bordeaux, in Francia, è tradizione da circa 30 anni cucinare una omelette gigante. La frittata record può contenere fino a 4.500 uova e sfamare oltre mille persone. Anche se si tratta di un rito nato di recente, molti preferiscono attribuirne l’origine a Napoleone. Si narra infatti che il futuro imperatore di Francia fosse passato da Haux e avesse mangiato una omelette. Impressionato dalla sua bontà ne avrebbe ordinata una gigante per il giorno dopo in modo da sfamare tutto il suo esercito. L’omelette da record si prepara a Pasquetta.

Pasqua nel mondo: fuori il vecchio

Il giorno di Pasqua a Corfu, Grecia, si butta il vecchio e si fa posto al nuovo. È infatti tradizione gettare dalla finestra oggetti di terracotta. In particolare pentole, vasi e altre strumenti da cucina, direttamente in strada. Tutto inizia con il suono delle campane, che dà il via a questo rito collettivo. Pare che la sua origine risalga ai Veneziani, che però erano solito gettare il vecchio il primo giorno dell’anno. A Corfu si è scelto il giorno di Pasqua perché era la data più importante del calendario. Oltre che il simbolo dell’arrivo della bella stagione.

Pasqua nel mondo: altri fatti curiosi

Nel villaggio medievale di Verges, in Spagna, il Giovedì Santo è tempo di processione. Si tratta della “danza della morte”, cui si partecipa vestiti da scheletri.

In Australia il coniglio pasquale, una sorta di Babbo Natale della Pasqua tipico dei Paesi anglosassoni, è sostituito dal bilby pasquale. Il bilby è un roditore, francamente brutto visto che assomiglia a un topo. Ma il coniglio da quelle parti ha fama di essere un distruttore dei campi e dei raccolti, per cui gli preferiscono questo animale locale.

In Norvegia i romanzi gialli e i thriller, molto letti a Pasqua quando si ha più tempo per godersi un libro in pace, hanno delle vere edizioni dedicate. Fin dagli anni Venti, esistono infatti i Paaskekrimmen, pubblicati per l’occasione.

Autore: Giulia Gagliardi

Scrivere, scrivere e scrivere. Questa l’ambizione: vivere della propria penna. Nel frattempo studia digital marketing, lavora come freelance per riviste e siti web, collabora con le aziende occupandosi di comunicazione e ufficio stampa e accudisce un piccolo scrittore in erba. Vive nella ridente campagna inglese.

Pasqua nel mondo: le tradizioni pasquali negli altri Paesi ultima modifica: 2017-04-14T07:58:39+00:00 da Giulia Gagliardi

Commenti

commenti