Il Centro di Alimentazione Consapevole dedica un incontro al mese ai più piccoli con la Sanamerenda. Un momento pensato per trascorrere qualche ora di gioco e di chiacchiere, accompagnati da cibo sano.

Ritenendo che il modo migliore per educare i più piccoli ad una sana e corretta alimentazione sia mangiare giocando, la Sanamerenda è un’occasione per fornire ai bambini gli strumenti per imparare a conoscere gli alimenti e i vari gruppi alimentari, la stagionalità di frutta e verdura, così come la loro importanza in una dieta equilibrata, il ruolo fondamentale che riveste l’attività fisica ed il consumo di acqua a scapito di quello delle bevande gasate e/o zuccherate. Saranno, inoltre, guidati nella scelta degli alimenti più salutari, privilegiando i cibi naturali e fatti in casa, al fine di diventare piccoli consumatori e produttori consapevoli.

Da qui la proposta di un progetto di educazione alimentare nelle scuole che nasce proprio dall’osservazione di un numero sempre più elevato di bambini sovrappeso o obesi. Anche i dati statistici dimostrano come l’obesità infantile, in particolare nei paesi occidentali, sia un problema in crescita e di notevole rilevanza sanitaria e sociale. In particolare, nella regione Campania, un bambino su due (49%) è in sovrappeso o obeso. Le cause di questa vera e propria “epidemia” di obesità sono da ricercarsi soprattutto nelle scorrette abitudini alimentari e nella sedentarietà. Chi, come noi, tenta di fare educazione alimentare ai bambini sa che il reale problema è educare i genitori. Allora perché non fare l’operazione inversa? Chiedere, cioè, ai bambini di diventare educatori?

A tale scopo i laboratori sono organizzati in maniera tale da fornire agli studenti gli strumenti per la messa in pratica dei principi di una sana e corretta alimentazione da trasmettere ai propri genitori, responsabili della loro alimentazione. Nel progetto di educazione all’alimentazione consapevole i bambini e gli adolescenti sono visti come educatori , come agenti di cambiamento, non solo nei confronti degli adulti, ma anche dei coetanei . Dal punto di vista metodologico tutti i laboratori privilegiano pratiche di peer education, giudicata anche dalla letteratura scientifica una delle strategie formative più efficaci per attivare tra i bambini e tra gli adolescenti il passaggio di conoscenze e di esperienze, per sviluppare modi di fare positivi e per far crescere la responsabilità nei confronti della propria salute e la necessità di proteggerla.

Sanamerenda: giochi e chiacchiere accompagnati da cibo sano. ultima modifica: 2016-12-01T11:30:10+00:00 da Redazione