Sei scudetti in fila, record per la Juventus di Allegri

Come si vincono sei scudetti consecutivi? Innanzitutto si scelgono due allenatori giovani e bravi, seppur con stili diversi, ma con la stessa fame di vittorie. Si aggiungono poi giocatori di talento e di carattere, disposti a sacrificarsi per il gruppo. Si completa alla fine con una società quadrata, ben strutturata, con obiettivi chiari e comprovate capacità manageriali. 88 punti bastano per ottenere il sesto scudetto consecutivo, rendendo così vano l’inseguimento di Roma e Napoli. Un capolavoro targato Allegri, culminato nella scelta del nuovo modulo 4231 con ben quattro attaccanti in campo. Decisivo lo spostamento di Mandzukic come ala sinistra. Il croato (che non sorride mai) ha messo in mostra passione, umiltà e forza da guerriero. Dopo la vittoria in Coppa Italia ed in attesa della finale di Champions League, i bianconeri possono festeggiare il loro 33° tricolore. Determinante il successo in casa contro il Crotone ancora in piena lotta salvezza.

Ultima prova di orgoglio rossoblu, il Genoa si salva in casa

SimeoneAlla fine arrivò la salvezza, arrivata dopo un girone di ritorno da dimenticare: sono solo 13 i punti ottenuti in 18 partite, una media da retrocessione. Sembrava una crisi senza fine, invece è arrivato il colpo di coda del Genoa, ai danni di un Torino ormai in vacanza. Juric prova a schierare i suoi con un 3421, con Rigoni e Palladino dietro al Cholito Simeone. Il Torino risponde con 3 trequartisti dietro il solito Belotti. Come prevedibile è il Genoa a fare la partita. Al 32′ Rigoni si fionda sulla punizione di Veloso e segna il primo goal. Dopo alcune occasioni mancate è il turno di Simeone, che insacca di tacco una respinta corta di Hart. Per il figlio dell’allenatore dell’Atletico Madrid, il primo anno di Serie A è da incorniciare: ben 12 le reti fatte sinora. Inutile il goal di Lijajic, su calcio di punizione deviato dalla barriera rossoblu.

 

Le altre partite

Gli anticipi del sabato hanno portato fortuna a Roma e Napoli, vittoriose entrambe contro il Chievo e la Fiorentina, ormai fuori dalla possibile qualificazione in Europa League. Domenica prossima sapremo quale delle due formazioni sarà costretta a passare dai preliminari di Champions League. La Lazio, già sicura del suo piazzamento, si lascia sorprendere in casa dall’Inter, mentre l’Atalanta regola la pratica Empoli con un goal del solito Gomez. L’Empoli rimane l’unica squadra a rischio Serie B. Al momento il terzultimo posto è del Crotone, ma per i toscani diventa fondamentale vincere l’ultima partita. Rinasce il Milan, vittorioso contro un Bologna ormai salvo da tempo. Grazie a questa vittoria i rossoneri sono certi della qualificazione al terzo turno di Europa League. Sampdoria e Udinese si spartiscono i punti, mentre il Sassuolo rifila sei goal al malcapitato Cagliari. Dal sapore di Serie B lo scontro tra Pescara e Palermo, vinto dai biancazzurri.

37° giornata di serie A

Chievo 3 – 5 Roma (15′ Castro, 37′, 86′ Inglese; 28′, 58′ El Shaarawy, 42′, 76′ Salah, 83′ Dzeko)
Napoli 4 – 1 Fiorentina (8′ Koulibaly, 36′ Insigne, 57′, 64′ Mertens; 60′ Ilicic)
Empoli 0 – 1 Atalanta (13′ Gomez)
Genoa 2 – 1 Torino (32′ Rigoni, 54′ Simeone; 89′ Ljajic)
Juventus 3 – 0 Crotone (12′ Mandzukic, 39′ Dybala, 83′ Sandro)
Milan 3 – 0 Bologna (69′ Deulofeu, 73′ Honda, 91′ Lapadula)
Sassuolo 6 – 2 Cagliari (7′ Magnanelli, 12′ Berardi, 13′ Politano, 34′ Borriello (A), 56′ Iemmello, 90′ Matri; 25′ Sau, 60′ Ionita)
Udinese 1 – 1 Sampdoria (5′ Thereau; 64′ Muriel)
Lazio 1 – 3 Inter (18′ Keita; 31′ Andreolli, 37′ Hoedt (A), 74′ Eder)
Pescara 2 – 0 Palermo (15′ Muric, 87′ Mitrita)

La Classifica di Serie A

Juventus 88
Roma 84
Napoli 83
Lazio 70
Atalanta 69
Milan 63
Fiorentina 59
Inter 59
Torino 50
Sampdoria 48
Sassuolo 46
Udinese 45
Cagliari 44
Chievo 43
Bologna 41
Genoa 36
Empoli 32
Crotone 31
Palermo** 23
Pescara** 17
** retrocessa in Serie B

Autore: Riccardo Contini

Amministratore contabile nella vita, appassionato di calcio nel tempo libero. Ha frequentato corsi di match analysis e talent scout, oltre ad aver ottenuto il patentino da allenatore giovanile. Attualmente allenatore di una squadra di bimbi di 5 anni e giocatore entusiasta di Football Manager.

E sono sei! Juventus campione d’Italia: la 37° giornata di Serie A ultima modifica: 2017-05-23T18:00:05+00:00 da Riccardo Contini

Commenti

commenti