notification icon
App italiani.it
Tutto il meglio di italiani.it sul tuo telefono
Installa

Cuore di Napoli è un insieme di sinergie che hanno sottolineato l’unione del popolo napoletano. A seguire la crescita degli ideali preposti da #Cuoredinapoli sono non solo i cittadini. Anche dall’esterno delle mura, sono stati notati  calore e la passione per il progetto. La realizzazione di questo movimento ha fatto in modo da avvicinare molti curiosi che poi si sono ritrovati a far parte del nucleo, del Cuore dell’iniziativa.
Il Team di Cuore di Napoli si è messo a disposizione per spiegare ai lettori di italiani.it il sistema organizzativo mirato a includere tutti gli innamorati di Napoli. Tutti coloro che vogliono dare un contributo seppur simbolico alla realtà napoletana.

Cos’è Cuore di Napoli?

#CUOREDINAPOLI è un contenitore di significati complessi ed eterogenei, strettamente connessi all’esperienza della relazione. È una piattaforma di condivisione e di comunicazione che produce uno scambio di esperienze e di energie. È così in grado di modificare profondamente l’animo e il sentire dei soggetti coinvolti. È il punto di partenza ideale, sul piano simbolico, per costruire un percorso di appartenenza comune.
#CUOREDINAPOLI è, dunque, un segno che unifica il flusso artistico e generativo, amplificando il senso di riappropriazione del territorio e della città.

Qual è l’obiettivo del progetto?

Il Corso di Nuove Tecnologie dell’Arte dell’Accademia di Belle Arti di Napoli. In collaborazione con  l’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, la Municipalità 4 del Comune di Napoli. Assieme ad associazioni e a privati che agiscono nel territorio attorno a Porta Capuana, il 13 maggio 2017  ha realizzato un nuovo progetto. Questo sviluppa i temi della relazione e dell’opera come processo, sintesi conclusiva del lavoro svolto nei tre mesi precedenti in quell’area urbana.
Sono state organizzate esibizioni musicali, ovvero cori gospel e ‘a cappella’, murge e buskers. I gruppi, aderendo spontaneamente al progetto, hanno contribuito a consolidare lo spirito relazionale dell’opera.

Napoli partecipa a #Cuoredinapoli

Il Cuore contraddistingue e dimostra la presenza dell’associazione

“Cuore”, grande scultura pixellata, pulsante e bifacciale. Segno distintivo anche della vasta campagna di comunicazione virale e tradizionale che è stata realizzata in più di due mesi di lavoro. è stato posizionato sull’imponente torre di Porta Capuana, diventando segno dell’evento e simbolo di accoglienza.
La disseminazione del segno, attraverso la partecipazione attiva delle persone, consente a chiunque di determinare un flusso rigenerativo. è capace di intercettare le pluralità culturali e di trasformarle in proposte estetiche e creative. L’azione di #CUOREDINAPOLI è mirata, infatti, al coinvolgimento attivo di tutti i soggetti, necessario per la costruzione di un senso di appartenenza al territorio comune.

Che tipo di contributo si vuole portare alla città?

Il territorio è stato assunto come campo di azione in cui realizzare una diffusa “scultura antropologica  relazionale”. Si articola all’interno del percorso urbano  e che  vive delle relazioni tra i vari soggetti che contribuiscono costantemente ad alimentarle. Attraverso Dispositivi Estetici Acceleranti (DEA), installazioni interattive con cui il pubblico ha potuto contribuire alla costruzione di un’immensa opera collettiva. Diventando attore e spettatore al tempo stesso. L’intera comunità, coinvolta attivamente, ha risposto a molteplici sollecitazioni. Hanno esibito drappi rossi all’esterno delle facciate dei palazzi e ‘vestendo a festa’ le vetrine dei propri esercizi commerciali.

Quante persone contribuiscono alle iniziative di Cuore di Napoli?

Tutti gli studenti del Corso di Nuove Tecnologie dell’Arte dell’Accademia di Belle Arti di Napoli partecipano al progetto, in modo trasversale dal primo anno di triennio all’ultimo anno di biennio. Si tratta dunque di circa centocinquanta studenti  impegnati contemporaneamente sullo stesso progetto.
Però, perché il progetto abbia un suo effettivo sviluppo, vengono coinvolte tutte le persone che ‘abitano’ il territorio.

In quali modi Cuore di Napoli è presente sul suolo?

Determinante per la realizzazione di #CUOREDINAPOLI è l’azione legata alla comunicazione web e cartacea. Assieme ai flyer sono distribuiti alcuni dispositivi estetici con i quali chiunque può fare parte del flusso creativo relazionale.
Inoltre la comunicazione sui social network assicura un’informazione costante e continuativa in rete. Attirando l’attenzione del pubblico web su #CUOREDINAPOLI garantiscono così presenze diverse e inaspettate sul territorio.

Sempre sul territorio, il segno è disseminato anche attraverso i dispositivi estetici aggreganti (DEA), installazioni site-specific. Pensate per far integrare due o più persone mettendole in relazione tra loro. Tutte le installazioni, sia quelle progettate per rispondere alle sollecitazioni sonore sia quelle che si attivano a contatto con il pubblico, sono dispositivi interattivi. Prevedono la collaborazione tra più persone nella convinzione che l’insieme di più individui fa ‘funzionare’ meglio le cose.

cuore di napoli porta capuana
cuore di napoli porta capuana

Come nasce l’idea di Cuore di Napoli?

Il progetto #CUOREDINAPOLI ha origini nel Festival del Bacio. Iniziativa realizzata dal Corso di Nuove Tecnologie dell’Arte dell’Accademia di Belle Arti di Napoli a Sant’Agata de Goti (BN) nel 2012 e nel 2013 e a Napoli nel 2014 e nel 2015.
Già nelle ultime edizioni del Festival del Bacio #CUOREDINAPOLI è diventato il segno riconoscibile. In modo virale è stato diffuso attraverso i social e attraverso la comunicazione cartacea. Nel tempo è diventato un segno riconoscibile per la città che identifica in esso un ‘sentimento’ comune, con il quale costruire un territorio che corrisponde a un ‘bene’ comune.

Quali sono le difficoltà che più frequentemente ritrovate nel napoletano?

Napoli è una città molto eterogenea e stratificata che però ha dei tratti comuni ovunque. Da studiosi, ci siamo avvicinati ad un territorio complicato. In alcuni momenti difficile come quello della zona intorno a Porta Capuana, facendo analisi mirate alla comprensione del luogo.
Una parte consistente del nostro lavoro ha preso forma nei video dedicati ad alcune parole chiave che per noi. Sono il comune denominatore della “napoletanità” e che riguardano il carattere del napoletano. La sua storia, le sue abitudini, le sue contraddizioni e le sue tradizioni, anche culinarie.
Da studiosi, quindi, ci poniamo il problema di comprendere la natura del territorio nel quale agiamo. Nello specifico il quartiere, le strade, le persone che sono diverse sebbene spesso accomunate da alcune caratteristiche distintive della cultura e delle tradizioni.

(link: https://www.youtube.com/playlist?list=PLOTK7Nnc2FFQAv5EfCDh5SL3GksiCOw34)

Napoli è una delle città più belle e accoglienti. Sicuramente i cittadini rispondo in modo positivo alle proposte dell’associazione Cuore di Napoli.

La città accoglie sempre con entusiasmo le nostre proposte perché non sono “calate dall’alto”. Ma corrispondono alla reale sensibilità del posto e delle persone. L’opera non è dell’artista singolo, ma dell’artista plurale che contiene in sè la partecipazione e la relazione delle persone. L’opera pertanto è il processo culturale che si attiva.

https://www.facebook.com/nuovetecnologiearte/

Francesca Shissandra

Autore: Francesca Shissandra

Francesca D’Elia. Studentessa presso la facoltà di editoria e pubblicistica in Salerno. Attratta dalla scoperta del nuovo e dal confronto con persone di diverse etnie e culture, sempre alla ricerca di incredibili storie e fantastiche personalità. Amante della natura, dei suoi suoni e dei suoi colori. Segno zodiacale: bilancia.

#CuorediNapoli: l’innovazione che coinvolge i napoletani ultima modifica: 2017-06-30T07:33:54+02:00 da Francesca Shissandra

Commenti