Fusione tra Turchia e Italia

L’Italia ha sempre avuto un occhio molto attento sugli artisti. Con Ferzan Ozpetek in questo caso l’Italia è stata in grado di coltivare un uomo, un fenomeno, proveniente dalla Turchia.
La formazione di Ferzan Ozpetek è in parte italiana, visto il suo percorso di apprendimento a Roma. Iscrittosi alla facoltà di Storia del cinema alla Sapienza ha da lì messo radici in Italia. Questo gli ha consentito di farsi conoscere dai più noti e sensibili personaggi nel mondo dello spettacolo. Al tempo stesso l’opportunità di insediarsi nel panorama italiano gli ha dato modo di far nascere sul posto molte preziosissime creazioni.

La fusione culturale che è avvenuta dalle sue origini, Istanbul, che lo ha visto nascere nel ’59. Il percorso di crescita e di studio in Italia, nel ’76, ha forgiato una delle figure più stimate tra registi, sceneggiatori, scrittori e particolarmente ammirato dagli attori.
Chi si pone di fronte alle opere di Ozpetek sa già che l’attenzione da dedicargli dovrà essere del tutto diversa.

Stefano Accorsi – Le fate ignoranti

Catturare la sensibilità degli uomini e proporla sul grande schermo

Considerando l’ampia cultura, suggerita anche da un fattore genetico, Ferzan Ozpetek nei suoi scenari riesce a inserire molti aspetti dell’essere umano. Con delicatezza, esponendo debolezze e punti di forza egli fa emergere le sfumature che possono risiedere in un sistema di riflessioni complesse.

I personaggi dei suoi film sono sempre dal carattere molto definito, sotto tutti i punti di vista. Questa è una qualità rara e non palpabile spesso in altri ambiti, con altri registi seppur altrettanto bravi e all’altezza. Riuscire a stabilire per ogni personaggio le proprie abitudine, il proprio carattere, le proprie problematiche. Questo è qualcosa che ogni volta rende lo spettatore immerso nelle dinamiche della scena.
Lo spettatore è coinvolto ed emotivamente partecipe, riuscendo a identificarsi talvolta o, ancor meglio, a sviluppare una crescente empatia e compassione per quei personaggi. Sì, sicuramente personaggi di fantasia, ma dei quali è completamente condivisibile il lato umano nel quale ci si immerge. Si nota in ogni attore un uomo e non solo una persona che sta svolgendo il proprio lavoro.

Magnifica Presenza
Magnifica Presenza

…solo alcune delle pellicole più toccanti

È evidente che tale sensibilità debba in qualche modo catturare anche l’animo di chi recita per Ozpetek e per i suoi scenari così drammaticamente realistici. Sono tante le componenti che hanno fatto in modo da collocare Ferzan Ozpetek in una categoria diversa tra i registi e gli sceneggiatori.
Il legame che ha Ozpetek con l’Italia è evidente e molto forte. Emerge nella maggior parte delle pellicole, così come vengono fuori molti aspetti della sua patria.

Volendone citare solo alcune… come “Le fate ignoranti”. Film durante il quale Ferzan Ozpetek ha accompagnato i suoi spettatori per mano guidandoli in una realtà drammatica. Al tempo stesso dipinge un’aura da speranza e rinascita.
“Saturno Contro”, una pellicola avvolta dal mistero che spiega le dinamiche di quella che comunemente chiamiamo “casualità” suggerendo una chiave di lettura più affascinante. “Magnifica Presenza” un film che in modo molto sottile pone in scena un tema presente e che molti ignorano. Manifesta la presenza di spiriti legati a questa terra talvolta alle prese con questioni irrisolte nella vita da esseri incarnati.

Rosso Istanbul
Rosso Istanbul

“Napoli velata”: in attesa di sapere di più del prossimo capolavoro

Questo fa onore a noi italiani, al punto da seguirlo nella sua ultima pellicola, dopo “Harem Suare” girato in Turchia. Con la sua sensibilità ci ha condotto fino ad Istanbul con “Rosso Istanbul” dove lui ha proiettato una sostanziosa parte del suo essere sul grande schermo.
E di ritorno in Italia, Ferzan Ozpetek ha ricominciato dall’accogliente e calda Napoli per il suo nuovo progetto.

Il set è sparso in questi giorni nella città Partenopea per la prossima pellicola “Napoli velata”.
Si attendono indiscrezioni, anticipazioni e scorci di notizie in vista di un capolavoro che vedrà, con gli occhi di particolarissimo regista, una città magica e dalla storia significativa come Napoli.
La pressione è tanta ma gli italiani hanno fiducia nell’operato di Ferzan. Sanno che Ozpetek saprà rendere omaggio alla città Partenopea che spesso lo ha accolto e ispirato.

Francesca Shissandra

Autore: Francesca Shissandra

Francesca D’Elia. Studentessa presso la facoltà di editoria e pubblicistica in Salerno. Attratta dalla scoperta del nuovo e dal confronto con persone di diverse etnie e culture, sempre alla ricerca di incredibili storie e fantastiche personalità. Amante della natura, dei suoi suoni e dei suoi colori. Segno zodiacale: bilancia.

Ferzan Ozpetek: work in progress per “Napoli Velata” ultima modifica: 2017-05-29T06:51:02+01:00 da Francesca Shissandra

Commenti