Ricorre oggi la Giornata mondiale del libro 2018. 

Il 23 aprile si celebra la Giornata mondiale del libro 2018: lettori e autori sono in festa.

L’evento, nato in Catalogna nei primi anni del ‘900, ha poi ottenuto un riconoscimento internazionale nel 1996 così da trasformare la “festa del libro e delle rose” spagnola in una giornata patrocinata dall’UNESCO.

Giornata mondiale del libro 2018, libro e rosaE se ti stai chiedendo cosa c’entrino le rose con i libri, ecco svelato il mistero:

In Catalogna il 23 aprile è il giorno di San Giorgio e, secondo la tradizione, per l’occasione ogni uomo dà in dono una rosa alla sua donna. L’usanza non si è perduta nel corso degli anni e, anzi, proprio a tal proposito, i librai di quella regione spagnola regalano ancora oggi una rosa per ogni testo venduto.

La Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore è un tributo mondiale ai libri e ha l’obiettivo di incoraggiare tutti a scoprire il piacere della lettura, ma anche della scrittura, della pubblicazione di libri e della protezione della proprietà intellettuale tramite il copyright. Vuole, infatti, indurre a riflettere sull’attuale situazione degli autori e dell’editoria, sottolineandone i problemi e le difficoltà.

Curiosità

In Italia questa giornata coincide con l’inizio del Maggio dei Libri, la campagna nazionale del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Nata nel 2011 ha lo scopo di evidenziare il valore sociale della lettura e la sua importanza come strumento di crescita culturale, personale e collettiva.

Dal 23 aprile al 31 maggio numerose saranno le iniziative atte a coinvolgere tutti in occasioni di lettura e condivisione mediante l’hashtag ufficiale #MaggiodeiLibri.

Giornata mondiale del libro 2018, la locandina ufficiale de il Maggio dei Libri
Locandina ufficiale de Il Maggio dei Libri

Ti presento allora 5 buoni motivi per celebrare l’evento con un buon libro (e una rosa)!

Leggere significa…

1) …non essere mai soli

I genitori ti insegnano ad amare, ridere e correre. Ma solo entrando in contatto con i libri, si scopre di avere le ali.
(Helen Hayes)

Libri fisici o ebook non ha importanza. Il potere dei libri sta nel farti sentire al sicuro e in compagnia dei personaggi in esso contenuti. Un lettore lo sa bene: basta un libro in borsa e tutto assume un altro significato. Non esiste la solitudine quando si è con un libro. Anzi, grazie alla lettura si possono vivere nuove avventure e si può scoprire di “avere le ali”!

2) …sconfiggere l’ignoranza

Ogni volta che si legge un buon libro, in qualche parte del mondo, una porta si apre per lasciare entrare più luce.
(Vera Nazarian)

Leggere è avere la possibilità di guardare il mondo con occhi nuovi, con una consapevolezza maggiore su quella che è la realtà dei fatti. In un mondo in cui i dati ISTAT sulla lettura assumono tratti sempre più tragici, mi preme sottolineare la grande capacità che ha la lettura nell’allontanare le tenebre dell’ignoranza. Con un buon libro possiamo aprire porte e mondi prima inimmaginabili, guardare le cose da tutti i punti possibili per creare un nostro pensiero critico su ciò che accade.

In un mondo ormai invaso dalle fake news, leggere ed informarsi rappresentano l’unica soluzione concreta per sconfiggere la cattiva – e pericolosa – trasmissione di notizie non verificate diffusa soprattutto sui social network.

3) …dimenticare ansie e malumori

Non ho avuto mai un dolore che un’ora di lettura non abbia dissipato.
(Charles Montesquieu)

Tra le pagine di un libro si nasconde la felicità: è sufficiente aprire un libro per sentirsi meglio e dimenticare – almeno per un momento – le ansie e i malumori della vita quotidiana. E allora quale medicina migliore di una buona lettura? Immagino già un sorriso che pian piano si stampa sui nostri visi… tu no?

Giornata mondiale del libro 2018, libro e rosa

4) …conoscere meglio se stessi

Quando finisci un libro e lo chiudi, dentro c’è una pagina in più. La tua.
(Fabrizio Caramagna)

È inevitabile: ogni volta che si finisce di leggere un libro qualcosa in noi è cambiato. La storia, le ambientazioni, i sentimenti trasmessi tramite le parole scritte nere su bianco lasciano una traccia quasi indelebile. Anche le storie più diverse rispetto alla vita di ciascuno di noi contribuiscono a svelare qualcosa in più su quello che siamo. E spesso sono proprio i personaggi dei libri che più si discostano dall’idea di noi stessi a rivelarci alcuni tratti nascosti della nostra personalità.

5) …viaggiare con la mente

Un buon libro dovrebbe lasciare decisamente esausti al termine. Si vivono diverse vite durante la lettura.
(William Styron)

Un libro deve farci viaggiare e portarci ovunque con la fantasia. Questo è un potere che hanno davvero in pochi! I luoghi che la lettura ci permette di raggiungere sono infiniti, così come le avventure vissute all’interno dei vari volumi della letteratura.

Leggere vuol dire anche vivere intensamente le storie raccontate in una sorta di simbiosi con i personaggi. Così possiamo essere con:

  • Renzo quando sposò Lucia;
  • Sandokan nelle foreste della Malesia;
  • Harry Potter tra i corridoi di Hogwarts;
  • Bilbo Baggins mentre fuma la sua enorme pipa di legno insieme a Gandalf;
  • il Piccolo Principe e la sua rosa;
  • ecc. ecc.

Giornata mondiale del libro 2018, libro e rosa

Queste sono solo cinque tra i davvero tantissimi motivi per cui il libro è un compagno di vita straordinario che può migliorare la nostra vita. E tu ne hai altri?

Sabrina Furia

Autore: Sabrina Furia

Divoratrice di libri, viaggiatrice seriale e ottimista senza speranza. Amante della scrittura e della fotografia, dove mi lasci non mi trovi!

Giornata mondiale del libro 2018: 5 ragioni per celebrarla con un buon libro (e una rosa) ultima modifica: 2018-04-23T15:52:23+00:00 da Sabrina Furia

Commenti