Monza la Ferrari vince: il fanciullo ha sconfitto il gigante! Un Davide (Leclerc) contro Golia (Hamilton). L’attesa è durata 9 anni dall’ultima vittoria in rosso, di Fernando Alonso nel circuito brianzolo. L’attesa di una vittoria a Monza si è fatta sentire. È pesata come un macigno per noi tifosi della Ferrari. Ma ieri, il 21enne monegasco Charles Leclerc ha infiammato di nuovo i nostri cuori assopiti dalle continue batoste delle macchine argentate. E non nascondiamolo da un’ Hamilton strepitoso fino ad ora. Il ragazzo rosso, ci ha fatto cantare gioiosamente tutti insieme il nostro inno nazionale; come da tempo a Monza non si sentiva.

Monza - Leclerc tiene in mano la coppa

Dopo la vittoria a Spa, la più importante ora a Monza nella carriera di Charles Leclerc

Vale 10 volte di più! Ha dichiaro il predestinato Charles , intervistato da tutti i giornalisti presenti. Vincere qui a Monza era il mio sogno fin da bambino! Le urla di gioia, il ringraziamento alla squadra fino alle lacrime ne sono testimoni. Uno sfinimento tale da non riuscire a scendere dalla macchina da parte del giovane pilota alla fine del Gran Premio, testimoniano la grandezza di questo ragazzo. Tenace e coraggioso per nulla intimidito da un Hamilton che fino a quando le sue gomme hanno resistito è rimasto incollato alla Ferrari numero 16.

monza - momento del sorpasso di Leclerc

Una pressione costante dal primo al 43 giro, in cui Hamilton per fortuna diciamo ora, va lungo e passa il testimone al compagno Bottas nel tentativo a questo punto disperato di superare il più giovane pilota in rosso della storia a vincere con una Ferrari nel G.P. precedente, a Spa. Ma nulla ha potuto contro, la voglia il desiderio di entrare nella storia dell’automobilismo di Charles Leclerc. Monza infatti è il 3 circuito al mondo, dopo Brookland e Indianapolis e una vittoria qui ti porta nell’olimpo dei migliori piloti della storia.

La Ferrari vince a Monza: il fanciullo ha sconfitto il gigante! Il predestinato vince nel tempio della velocità

Il predestinato, così è definito dagli esperti dell’ambiente questo giovane già campione della GP3 2016 e della formula 2 nel 2017. Lui, non teme niente e nessuno. Oggi a Hamilton ha impartito una dura lezione, non è più solo lui “The Hammer ” Leclerc ha corso 53 giri da pole con una macchina complessivamente inferiore alla Mercedes che sicuramente, vincerà titolo costruttori e con Hamilton il titolo piloti. Ma da oggi non sarà più così scontato vincere facile per lui.

Monza la marea rossa

Il popolo rosso ha il suo nuovo idolo

Vettel di fatto con questa gara lascia la leadership della squadra a Charles Leclerc. Una gara incolore la sua. Si gira all’Ascari ed entra in contatto con Stroll: chiude 13esimo e sconta pure 10 secondi di penalità. Del 4 volte campione del mondo non si intravede, purtroppo neanche la più lontana ombra al momento.

Monza il sorpasso di Leclerc du Vettel

La “marea rossacon il record di 200 mila presenze in tutto l’arco del weekend ha gioito per il suo nuovo idolo. Il giovane Charles, ha ringraziato subito dopo avere tagliato il traguardo in italiano, del supporto dei tifosi italiani e un boato immenso di applausi lo ha investito. Con il suo massimo compiacimento, sa di essere entrato nel cuore di noi, della tifoseria rossa.

Il podio, l’ordine di arrivo e la nuova classifica piloti vede Vettel superato da Leclerc

In ordine di arrivo quindi: 1 C. Leclerc Ferrari 1:15:26.665 – 2 V. Bottas Mercedes +0.835s – 3 L. Hamilton Mercedes +35.199s – 4 D. Ricciardo Renault +45.515s – 5 N. Hulkenberg Renault + 58.165s. Nella classifica piloti comanda sempre Hamilton davanti a Bottas, Leclerc, vincitore a Monza, è davanti a Vettel in terza posizione. Nei costruttori scatto in avanti della Renault che ora è quinta dopo Mercedes, Ferrari, Red Bull e McLaren.

Monza il podio

Se sarà una inversione di tendenza del campionato di F1 da tutti auspicata, lo sapremo il 22 settembre al Gran Premio di Singapore circuito completamente diverso da Monza. Noi comunque abbiamo vissuto ieri una giornata indimenticabile, in cui ora abbiamo la certezza di avere il nostro eroe rosso per la nostra nazionale rossa.

Doati Marco

Autore: Doati Marco

Molta osservazione e poco ragionamento conducono alla verità, molto ragionamento e poca osservazione conducono all’errore. (Alex Carrel)
Monza la Ferrari vince : il fanciullo ha sconfitto il gigante! ultima modifica: 2019-09-09T09:14:45+02:00 da Doati Marco

Commenti