notification icon
App italiani.it
Tutto il meglio di italiani.it sul tuo telefono
Installa

Oggi, 13 aprile, ci arrivano dati confortanti dalla Protezione Civile.

La diffusione

La notizia più incoraggiante di oggi è proprio il brusco rallentamento della crescita del virus. Oggi il numero di persone risultate positive è di 3.153, mentre ieri se ne registravano ben 4092 (939 in più di oggi). Un grande calo che conferma il buon trend osservato negli ultimi giorni. Il numero di tamponi effettuato è di 36.717, numero inferiore rispetto agli ultimi giorni, ma che nelle scorse settimane sarebbe stato considerato alto.

Altri dati importanti

Un’altra buona notizia arriva dagli attualmente positivi giornalieri, oggi il dato registrato sugli attualmente positivi è 1.363, ben 621 in meno rispetto a quanti registrati ieri. Lieve calo anche nel dato delle guarigioni, con 1.224 guariti, numero che resta stabile e da considerare molto incoraggiante. Cala ancora la variazione percentuale giornaliera, ovvero come varia la crescita in termini percentuali dei casi totali giorno per giorno, si passa dal 2.69% di ieri al 2.02% di oggi.

La situazione negli ospedali

Si registra, per il decimo giorno di fila, un calo nel numero totale di pazienti ricoverati in terapia intensiva, con ben 83 pazienti in meno rispetto a ieri. Cresce, però, anche se lievemente, il numero di pazienti ricoverati con sintomi, con 176 pazienti in un più sul numero totale rispetto a ieri.

Restiamo a casa

Questi dati incoraggianti non devono assolutamente far abbassare l’attenzione e il rispetto delle regole imposte. Questi cali dimostrano che le misure prese stanno funzionando, ma non si deve assolutamente pensare che il problema sia risolto. Allentare la presa adesso significherebbe rischiare di rovinare i sacrifici fatti fino ad oggi. Restiamo a casa e continuiamo così!

Chi non ce l’ha fatta

Purtroppo, oggi si registra un aumento nel dato dei decessi, con 566 deceduti.

Scende il numero dei contagiati e dei pazienti in terapia intensiva! ultima modifica: 2020-04-13T18:41:21+02:00 da Emanuele Ferlaino

Commenti