notification icon
App italiani.it
Tutto il meglio di italiani.it sul tuo telefono
Installa

Lo sapevate che il miglior oncologo del mondo per la cura del cancro al polmone è italiano? Ebbene sì un primato importante per la medicina della nostra penisola, un riconoscimento internazionale per un’eccellenza. Di chi stiamo parlando? Del medico napoletano Cesare Gridelli che lavora all’ospedale Moscati di Avellino. Quando la sanità spesso al centro delle cronache nazionali non per notizie positive, stavolta invece lo è. E tra l’altro non è la prima volta che il medico partenopeo riceve un riconoscimento internazionale.

Cesare Gridelli nella classifica internazionale

A stabilire che il medico napoletano è il migliore oncologo del mondo per la cura del cancro ai polmoni, è una ricerca dell’Expertscape. Quest’ultima è un’associazione californiana di Palo Alto, nata proprio per occuparsi dei migliori specialisti mondiali. Infatti proprio Expertscape ha condotto un’analisi in occasione del mese dedicato alla prevenzione del tumore al polmone. Ha messo a confronto le ricerche e le pubblicazioni di alcuni medici candidati negli ultimi 10 anni.

ospedale cotugno

Ha poi stilato una classifica in base all’importanza delle riviste scientifiche, le citazioni avute dalle pubblicazioni, le linee guida. Ne è così venuto il risultato finale in base al punteggio accumulato. Gridelli è il primo, seguito da Frances Shepherd del Margareth hospital di Toronto, e da Mark Socinsky dell’università di Pittsburgh. “Sono davvero orgoglioso di questo risultato – ha commentato Gridelli alla stampa – è una testimonianza di come anche nel bistrattato sud si può costruire qualcosa”.

Gridelli, un medico impegnato da anni nella cura e nella ricerca

Cesare Gridelli ha una lunga carriera e ha già ottenuto grandi riconoscimenti. E’ nato a Napoli il 24 marzo del 1961. Come riporta il suo profilo sul web si è laureato in Medicina e Chirurgia nel 1985. Ha poi preso la specializzazione in Oncologia e in Medicina Interna all’Università “Federico II” di Napoli. Dal 2001 è Direttore dell’Unità operativa a Struttura complessa di Oncologia Medica dell’Azienda Ospedaliera “Moscati” di Avellino”. E poi direttore del Dipartimento di Onco-Ematologia dell’azienda. Da anni svolge ricerca clinica sul cancro del polmone. E’ stato coordinatore di studi clinici ed effettuato studi nel paziente anziano. E’ autore di più di 750 pubblicazioni su riviste italiane e straniere. Tra i riconoscimenti il premio alle Scienze Biomediche della associazione “Sebetia Ter”, premio alle Scienze Mediche “ Lucio Colletti”. E poi a novembre 2013 è arrivato il primo riconoscimento dall’agenzia statunitense Expertscape. Confermato anche quest’anno.

I suoi consigli per la prevenzione

Sembra scontato ma non lo è affatto. Intervistato, Gridelli ha ribadito come alla base di una buona prevenzione dalle malattie ci sia una corretta alimentazione. Difatti ha affermato che l’alimentazione non corretta è responsabile “del 20 per cento di tutti i tumori, più nello specifico quelli al polmone sono causati per l’80% dal fumo di tabacco”. Da qui la convinzione che occorre investire molto nella prevenzione e ad effettuare controlli sulla salute. Crede nel suo lavoro e in ciò che conduce con il suo gruppo di ricerca. E il suo impegno non si ferma. Difatti ha anche avviato una ricerca sui farmaci biomolecolari. E chissà che i traguardi e i riconoscimenti a livello internazionale non aumentino.  

#l’Italianelcuore

Cesare Gridelli: un’eccellenza italiana nel settore della sanità ultima modifica: 2020-04-20T09:04:23+02:00 da Federica Puglisi

Commenti