Nasce il conservatorio popolare a Napoli, un progetto che fonde arte e inclusione sociale. Una scuola gratuita aperta ai musicisti, prodotta dalla Onlus Forgat e realizzata dall’associazione Il canto di Virgilio alla Domus Ars di Napoli. La musica come elemento d’aggregazione e come forma di comunicazione. La musica, arte sublime, capace di salvare il cuore e di abbattere qualsiasi barriera. E ancora… la musica per combattere il disagio sociale, economico e quello generato dalle disabilità. Conservatorio popolare a Napoli si propone tutto questo e molto altro ancora.

Conservatorio popolare a Napoli - veduta
Napoli e musica, un connubio perfetto

Conservatorio popolare a Napoli: musica per giovani orchestre

La musica è vita. È l’arte immortale, sogno febbrile condiviso e rumore dell’anima. La musica è un linguaggio universale, attraversa le epoche e suscita mille emozioni. Una via di fuga, una scorciatoia e bellezza salvifica. Napoli e la musica si avviluppano in un dolce abbraccio da sempre. Tra i vicoli, mercati e marciapiedi. “Napule è mill culure”, incontro di idee, di creativi e di integrazione. La musica napoletana possiede una storia millenaria. La sua lingua è uno splendido vocabolario da cui gli artisti hanno largamente attinto e si sono lasciati ispirare. Napoli, la terra di Giovanni Paisiello, di Domenico Cimarosa, di Giovanni Battista Pergolesi e di Niccolò Jommelli. Luogo di formazione ed esperienza di Gaetano Donizetti e di Vincenzo Bellini.

Conservatorio popolare a Napoli - Scuola di musica, Napoli
Domus Ars, Centro di Cultura.

Il progetto “Musica per giovani orchestre/Conservatorio Popolare” prende vita proprio nella splendida Napoli. In questa terra variopinta e dalla grande tradizione musicale, Forgat Onlus getta le basi per una nuova e appassionante esperienza.
L’obiettivo, come spiega il presidente Giuseppe Cafarella, è quello del superamento del disagio nelle sue varie forme e pone la musica al centro del nuovo progetto. «Il superamento del disagio economico, sociale e di quello generato dalla disabilità attraverso opportunità formative d’eccellenza e professionalizzanti è la mission dell’Associazione. Dopo l’esperienza positiva, negli anni scorsi, dell’iniziativa di inclusione sociale e di alta formazione teatrale con la scuola elementare del teatro diretta dal regista Davide Iodice abbiamo deciso di concentrarci su un nuovo progetto dove protagonista è la musica. Giovani con disagio economico, sociale o con disabilità fisica o intellettiva potranno frequentare gratuitamente questo conservatorio».

Uscita del bando e info utili

Il bando di partecipazione sarà disponibile a partire dal 1 settembre 2018 sul sito internet di Forgat Onlus. Il progetto è rivolto ai musicisti, agli allievi musicisti e coristi di età compresa tra i 18 e i 35 con disagio economico o di altro genere. Il corso sarà articolato in tre anni. Il primo ciclo avrà inizio ad ottobre 2018 e si completerà nel mese di giugno del 2019. L’obiettivo è quello di realizzare una scuola di alta formazione musicale gratuita. Il corpo docenti sarà formato da direttori d’orchestra, da direttori artistici, da musicisti, coristi e maestranze di altissimo livello; in particolare, il compositore e musicista Carlo Faiello e il musicista Enzo Amato. I corsi avranno luogo alla Domus Ars, nel cuore della città.
Per ulteriori info: Centro di Cultura Domus Ars musicapergiovaniorchestre@gmail.com 081 3425603 3388615640 Via Santa Chiara 10c – Napoli www.domusars.it

Cristina Gatto

Autore: Cristina Gatto

Mi chiamano Chinaski e come il Perozzi di Amici miei, ho quasi dimenticato che il mio nome è Cristina. Ho una passione viscerale per il cinema e per la musica, colleziono vinili e oltre i libri leggo parecchi fumetti. Amo i gatti (nomen omen). Cos’altro aggiungere? Non pedalo perché non ho voluto la bicicletta, sono irriverente, sempre pronta alla battuta, dotata di autoironia (l’altezza l’avevano terminata) e come Luciano Bianciardi spesso mi domando “chissà se riuscirò a trovare la strada di Itaca, un giorno?”

Conservatorio popolare a Napoli: nasce la prima scuola gratuita e solidale ultima modifica: 2018-08-31T09:00:25+00:00 da Cristina Gatto

Commenti