notification icon
App italiani.it
Tutto il meglio di italiani.it sul tuo telefono
Installa

Influx come flusso di persone, di menti, di idee, di energie, di speranze, di vite italiane

Influx è il titolo del primo documentario  sulla vita degli Italiani a Londra realizzato da Luca Vullo, un regista italiano che ha indagato e documentato personalmente sul tema dell’emigrazione italiana.

Col tempo si è ritrovato egli stesso a fare la valigia, a trapiantarsi in un altro Paese e vivere in una città scelta da migliaia suoi connazionali che ogni giorno incontrava, ascoltava, conosceva. E cominciò a realizzare di fare parte di un influx appunto. Una nuova emigrazione. Un’emigrazione contemporanea, fresca, giovane e di massa caratterizzata dalla speranza e dalla ricerca di un futuro migliore. Queste sono le ragioni che spingono qualsiasi migrante a lasciare la propria casa e sfidare l’incerto.

Perché questo influx di persone lascia l’Italia per raggiungere Londra?

Il periodo che stiamo vivendo è un momento storico contemporaneo particolare per l’emigrazione italiana, la quale è in spaventoso aumento. Mentre l’Inghilterra pensa a strategie per limitare gli ingressi. Perché allora questo influx di idee e menti valide lascia l’Italia per raggiungere Londra?

E’ il desiderio di avere una seconda chance? Influx indaga sul fenomeno, fotografa la realtà di questo preciso momento e cerca di dare delle risposte.

Mezzo milione di vite che si sono imbarcati in un’avventura che vale una vita. La loro. Vite che scorrono sotto il cielo grigio di una città in cui piove molto ma che spesso dà le opportunità rimaste orfane di prospettive nella madre patria.

Perché questo influx di persone lascia l’Italia per raggiungere Londra?

Influx: una fotografia del Belpaese a Londra

I protagonisti del documentario sono gli Italiani sia davanti che dietro le telecamere. Italiani che hanno vissuto a Londra, che ci vivono attualmente o che stanno per arrivare. Italiani che hanno messo su famiglia a Londra senza mai rinunciare alla loro italianità.

L’obiettivo principale di Influx è quello di fare una fotografia dell’Italia a Londra. Di capire i motivi per cui gli Italiani si sono trasferiti a Londra o per cui stanno pensando di farlo.

Co-protagonista del documentario è Londra stessa. Il tutto è ambientato in questa città in cui micro e macrocosmo italiano si muovono. Inoltre team, sponsor e partner culturali sono esclusivamente Italiani.

Influx è un progetto indipendente di cui Luca Vallo è autore, regista e produttore insieme ad EmProduction ed Ondemotive,  entrambe realtà da lui create.  Per la sua valenza sociale e culturale, avrà il patrocinio culturale di Consolato Generale, Ambasciata ed Istituto Italiano di Cultura.

Influx: una fotografia del Belpaese a Londra

Chi sono questi “Italiani di Londra”?

Gli Italiani sono un popolo difficilmente catalogabile. Siamo un mondo vasto, variegato, vario che fa sentire il proprio tono di voce sia in positivo che in negativo. Un popolo mai banale al quale all’Estero vengono riconosciute tante qualità in termini di plus. Sappiamo inventarci, reinventarci e trovare diverse soluzioni a vari problemi. Siamo una nazione che non si limita a fare da spettatore ma fa sentire la sua presenza. Una volta varcati i confini, riscopre l’importanza del senso di comunità, del patriottismo e del desiderio di stringersi e ritrovarsi in un’atmosfera più italiana.

http://www.influxlondon.com/il-progetto

Rossana Nardacci

Autore: Rossana Nardacci

Laurea Magistrale in Informazione, Editoria e Giornalismo presso L’Università Roma Tre.
Corso di Social Media Marketing&Social Listening presso Bloo Srl di Pescara abilitante alla professione di Social Media Manager, professione che svolgo attualmente collaborando con diverse web agency. Mi occupo principalmente di Content Marketing e Social Media Marketing per aziende e liberi professionisti, redigo testi Seo Oriented e curo le strategie per blog aziendali.
Sono Docente di corsi di Social Media Marketing per aziende e futuri professionisti

Influx: il primo documentario sulla vita degli Italiani a Londra ultima modifica: 2017-02-22T16:42:41+01:00 da Rossana Nardacci

Commenti