notification icon
App italiani.it
Tutto il meglio di italiani.it sul tuo telefono
Installa

Ottime notizie in arrivo per tutti i viaggiatori europei che desiderano recarsi negli Stati Uniti. Il coordinatore del team per la lotta al Covid-19 della Casa Bianca, Jeff Zients, ha infatti annunciato che dal prossimo novembre il “travel ban” non sarà più valido per i visitatori provenienti dai paesi dell’Unione europa, Gran Bretagna, Brasile, Cina, India, Sud Africa e Iran. Fra poche settimane sarà quindi possibile tornare a viaggiare negli U.S.A. senza problemi (o quasi). Non si tratta infatti di un “via libera” per tutti, ma per poter entrare in territorio statunitense si dovrà essere in possesso di un requisito fondamentale. I viaggiatori dovranno dimostrare di essere stati vaccinati con doppia dose. Oltre questa certificazione, i turisti che intendono visitare gli Stati Uniti dovranno anche presentare all’imbarco il certificato di un test Covid-19 negativo, effettuato entro 72 ore dal volo.

Che cos’è il travel ban degli Stati Uniti

Il travel ban è una misura introdotta dall’ex presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, a marzo 2020. L’amministrazione statunitense ha pensato di chiudere le frontiere per evitare possibili contagi attraverso viaggiatori provenienti da 33 paesi diversi (tra cui tutti i 27 paesi dell’Ue). Anche il nuovo presidente Joe Biden, dopo il suo arrivo alla Casa Bianca, ha deciso di mantenere il ban. Nell’ultimo periodo sono stati in molti a chiedere il ritiro di questa misura, considerata “ingiusta”, dal momento che l’Europa è il continente con più vaccinati al mondo. Proprio in polemica con il travel ban, il vicepresidente della Commissione Europea, Margaritis Schinas, a inizio settembre ha annullato la sua visita negli Stati Uniti, prevista per la per la settimana successiva. Anche se questo problema sembra essere finalmente stato risolto, le autorità statunitensi dovranno ancora chiarire alcune questioni prima del 1 novembre.

Travel ban - vicepresidente della Commissione Europea, Margaritis Schinas, durante un discorso al Parlamento europeo
Foto: © European Parliament – Wikimedia Commons (CC BY 2.0)

Il nodo AstraZeneca

Uno dei problemi principali dell’addio al travel ban riguarda proprio i vaccini. È vero che gli Stati Uniti accetteranno tutti gli europei “completamente vaccinati”, ma non tutti i vaccini approvati in Europa sono stati approvati anche negli U.S.A. È il caso di VaxZevria, il tanto discusso vaccino di AstraZeneca. Ad oggi, infatti, la Food and Drugs Administration (FdA) ha approvato soltanto i vaccini Pfizer, Moderna e Johnson&Johnson. Considerando che una parte degli europei ha ricevuto la doppia vaccinazione proprio con AstraZeneca, bisognerà capire se anche questi visitatori verranno accettati in territorio statunitense. Su questo argomento si dovrà pronunciare nei prossimi giorni il Centers for Disease Control e Prevention, ovvero l’agenzia federale del Dipartimento della salute U.S.A. È davvero la fine del travel ban o questo sarà ancora valido per alcuni viaggiatori? Che ne sarà degli italiani negli U.S.A. che desiderano tornare a visitare il nostro paese senza problemi? Presto sapremo la risposta.

Travel ban: da novembre gli europei possono viaggiare in U.S.A. ultima modifica: 2021-09-21T11:00:00+02:00 da Antonello Ciccarello

Commenti

Subscribe
Notificami
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
2
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x