notification icon
App italiani.it
Tutto il meglio di italiani.it sul tuo telefono
Installa

Da una passione da condividere in rete ad un vero e proprio lavoro

Da una passione da condividere in rete ad un vero e proprio lavoro
Una passione può diventare un lavoro

Raccontare un viaggio avventuroso, far conoscere un luogo fuori dai soliti circuiti, dispensare dritte per itinerari a misura di famiglia.

Secondo un sondaggio, il 69% degli Italiani lascerebbe il lavorare per girare il mondo.  Per molti è un sogno, alcune donne invece l’hanno fatta. Come? Raccontando i loro viaggi in rete sono diventate travel blogger, una delle professioni più in voga del momento. Con il post, il video, la foto e l’hashtag giusto sono in grado dio dispensare consigli sui luoghi di vacanza più interessanti.

Tre donne travel blogger

Milena, Claudia e Diana sono tre donne travel blogger che hanno trasformato una grande passione per il viaggio ad un vero e proprio lavoro.

Diana e l’esperienza di viaggiatrice solitaria

Diana e l’esperienza di viaggiatrice solitaria
“Io viaggio sola e ve lo racconto”

Diana, 34 anni, Social Media Manager, ha fondato un blog per donne che viaggiano da sole. Nel blog racconta alle donne le sue esperienze di viaggiatrice solitaria. Conta circa 5 mila utenti al mese.

Le sue amiche le chiedevano consigli per viaggiare da sole. Così nel 2014 ha iniziato a raccontare sul web le sue avventure. Diana ha seguito un corso online sul giornalismo di viaggio ed un master in marketing del turismo e social media. Dalla sua esperienza di viaggiatrice solitaria, è riuscita a farne un lavoro. Affianca al blog l’attività di Social Media Manager per aziende del settore turistico. I guadagni derivano dalle pubblicità sul sito e dai progetti promozionali con tour operator, enti del turismo e strutture ricettive.

Una community per genitori globetrotter

Una community per genitori globetrotter
Una community di viaggi per famiglie

Milena, 40 anni, Social Media Manager per un ente pubblico, ha fondato una community viaggi per famiglie.

Si tratta di una community di genitori che condividono esperienze di viaggio. Dalla vacanza fai da te al pacchetto extra lusso. Nel 2016 ha superato un milione e mezzo di visite.

L’idea di Milena è nata nel 2011. Per raccontare i viaggi della sua famiglia ad amici e parenti ha deciso di portare avanti questa idea. Il successo inaspettato ha spinta la travel blogger a strutturarsi in modo professionale. Oggi è riuscita a farne un lavoro, mantenendo sempre il suo di esperta di comunicazione per un ente pubblico ma trasformandolo in part-time. Il suo guadagno proviene dalla partecipazione a progetti di promozione territoriale o dalla attività di testimonial di marchi di abbigliamento o accessori.

Un blog dedicato a chi ama il surf e lo yoga

Un blog dedicato a chi ama il surf e lo yoga
Un blog dedicato a chi ama il surf e lo yoga

Claudia, 27 anni, giornalista ed insegnate di yoga, ha fondato un travel blog . Si rivolge agli appassionati di surf e yoga che amano viaggiare.

Il blog è stato aperto 6 anni fa mentre la giovane travel blogger frequentavo un corso di web design. Il titolo, Vander, si ispira alla parola tedesca Wanderlust, che significa passione per il viaggio e la vita nomade.

Claudia è riuscita a farne un lavoro. Combina l’attività di blogging a quella di giornalista ed insegnante di yoga in resort di tutto il mondo.

 

 

 

Rossana Nardacci

Autore: Rossana Nardacci

Laurea Magistrale in Informazione, Editoria e Giornalismo presso L’Università Roma Tre.
Corso di Social Media Marketing&Social Listening presso Bloo Srl di Pescara abilitante alla professione di Social Media Manager, professione che svolgo attualmente collaborando con diverse web agency. Mi occupo principalmente di Content Marketing e Social Media Marketing per aziende e liberi professionisti, redigo testi Seo Oriented e curo le strategie per blog aziendali.
Sono Docente di corsi di Social Media Marketing per aziende e futuri professionisti

Alla scoperta del mondo con 3 donne travel blogger ultima modifica: 2017-08-18T09:32:29+02:00 da Rossana Nardacci

Commenti