notification icon
App italiani.it
Tutto il meglio di italiani.it sul tuo telefono
Installa
primo piano di Fabio

Sono Fabio, ho trentacinque anni.

Sono tecnico di radiologia all’ospedale Annunziata di Cosenza. Lavoro come i colleghi senza spendere tante parole, in prima linea, faccia a faccia con il virus.

Vivo tra lavoro e casa.

Quando smonto ho paura di aprire la porta di casa. Ho paura di infettare i miei, che sono oggi la mia vita e la mia speranza.

È una brutta sensazione pensare di infettare la propria e vita e la propria speranza, e poi a causa di un lavoro che mi sembra così necessario, così importante per il bene degli altri.

Davvero il bene degli altri può essere tanto pericoloso?

Sono del Sud e a Sud mi hanno insegnato che quando c’è bisogno devi aiutare. Non chiedere, fai. Aiuta.

Allora in questo periodo io faccio.

C’è una cosa bella però, in questi giorni non belli: tra colleghi ci siamo uniti tantissimo. Mai come prima. E questa unione nuova, più complice, alla fine mi fa amare ancora di più il mio lavoro.

Primo Levi ha scritto che L’amare il proprio lavoro (che purtroppo è privilegio di pochi) costituisce la migliore approssimazione concreta alla felicità sulla terra.

Allora forse sono un privilegiato. E magari mi sto approssimando alla felicità. O alla tranquillità perlomeno. Che è una merce rara di questi tempi.

Mi faccio aiutare dalla musica in questo. Da Vasco specialmente. Che magari dopo Primo Levi può sembrare un riferimento meno nobile.

E invece è lui il mio vero terapeuta. A casa quando torno mi butto sul letto, chiudo gli occhi e ascolto. Con un respiro butto fuori la giornata e mi riempio di senso.

È allora che capisco che dopotutto sono fortunato. Penso a chi un lavoro non ce l’ha o, peggio ancora, sa che probabilmente lo perderà. 

Amare il proprio lavoro è amarsi.

E io di questo amore, oggi, sono grato.

“Amare il proprio lavoro è amarsi.” Fabio ultima modifica: 2020-05-21T17:00:00+02:00 da Redazione

Commenti