notification icon
App italiani.it
Tutto il meglio di italiani.it sul tuo telefono
Installa

Storia, cultura e, naturalmente, tanto turismo grazie alla rinomata spiaggia e i locali della movida notturna e non. Tutto questo è Civitanova Marche, uno dei luoghi più interessanti del litorale marchigiano. Conosciuta soprattutto come località marittima, Civitanova Marche non si limita soltanto alla spiaggia, ma è invece un luogo tutto da scoprire. Alla Città bassa, dallo “stile rivierasco”, che si contraddistingue per lo splendido lungomare, si “contrappone” Civitanova Alta, di impronta prettamente medievale, in cui si respira appieno la storia antica di questa città, che inizia già dall’epoca pre-romana. Dal punto di vista artistico, la città offre infine diversi teatri, musei e monumenti di interesse storico da poter visitare.

Storia della città

Cluana, antico nome latino di Civitanova Marche, è stata fondata in epoca pre-romana (circa VIII secolo a.C.). Il territorio è stato comunque abitato sin dai tempi del Paleolitico. Il suo nome deriva dal fiume Chienti (ovvero Cluentum), poco distante dalla città. Si tratta della zona più vicina alla costa. La Città alta sorgerà più avanti (circa I secolo a.C.) e prenderà il nome di Cluentensis Vicus. Le due città, nel corso dei secoli, sono teatri di guerre e invasioni (tra cui quelle barbariche). In questo periodo verrà costruita la chiesa di San Marone, martire del II secolo d.C., che diverrà patrono della città. L’edificio verrà comunque distrutto e ricostruito più volte. Nel corso del medioevo Civitanova Marche, divenuto ormai comune, verrà inglobato nella Marca di Fermo. Passerà poi sotto il dominio della Chiesa e di altri signori, come i Malatesta da Rimini e gli Sforza da Milano.

Chiesa di San Marone - Civitanova Marche
Foto: © Marco Perticarini – Wikimedia Commons (CC BY 3.0).

Verso la metà del Quattrocento, proprio gli Sforza fanno costruire la cinta muraria della città nella parte alta e la fortezza al porto. Nel 1551 la città diviene parte dello Stato della Chiesa. Papa Giulio III la donerà poi in feudo a Giuliano Cesarini. Alla fine del Cinquecento Civitanova Marche diverrà poi ducato grazie a papa Sisto V. Il feudo rimarrà della famiglia Cesarini-Sforza fino al 1817. Questi secoli sono di grande prosperità per la città, che si amplia sempre di più. Si distinguono due parti: la Città alta e Porto Civitanova. Queste si separeranno nel 1913, ma si riuniranno nel 1938 sotto l’attuale nome di Civitanova Marche.

Cosa vedere a Civitanova Marche

Una delle costruzioni più antiche presenti nella Città alta è la cinta muraria. Come già accennato queste vennero costruite per volere degli Sforza. Questa è costituita da quattro porte (Sant’Angelo, S.Paolo, Mercato, Mercato e Girone) e delinea il perimetro della città medievale. In piazza della Libertà si trova il Palazzo Ducale (costruito nel XVI secolo su un precedente edificio del XII secolo), in stile neoclassico. Al suo interno è possibile ammirare gli affreschi del pittore Pellegrino Pellegrini (detto Tibaldi), risalenti al Cinquecento. Poco distante si trova il Palazzo della Delegazione Comunale. Venne realizzato nella seconda metà dell’Ottocento dai fratelli Basile su progetto dell’ingegnere Guglielmo Prosperi. Nell’atrio si può notare una lapide romana in cui è inciso il vecchio nome della città alta, ovvero Cluentensis Vicus.

Civitanova Marche di notte
Foto: © Enrico Pighetti – Wikimedia Commons (CC BY-SA 2.0)

Tra la città Alta e il porto si trova Villa Conti, una villa in stile liberty con giardino all’italiana costruita nel 1910. La proprietà comprende anche una piccola torre e una cappella, che riproduce la chiesa dei cappuccini di Macerata. Poco distante da Villa Conti, si trova Villa Eugenia. Si tratta di un edificio d’età napoleonica di metà Ottocento, che prende il nome dall’imperatrice Eugenia Maria di Montijo de Guzman, moglie di Napoleone III, che ne rimarrà proprietà fino alla morte nel 1920. Nella parte bassa si può visitare il santuario di San Marone Martire, apostolo del Piceno. Si trova nell’omonimo quartiere, dove avvenne il martirio del santo patrono e al suo interno sono custodite sue reliquie. La chiesa subì diversi restauri durante gli anni. Il più importante di questo avvenuto nel 1890 su progetto dell’architetto Giuseppe Sacconi (lo stesso del Vittoriano di Roma). Tuttavia in quel luogo è attestata la costruzione di un’antica chiesa di impianto romanico edificata nel IX secolo.

Eventi principali

Il periodo migliore per visitare Civitanova Marche è sicuramente l’estate, in modo da poter approfittare anche delle spiagge e della movida del periodo. L’evento principale della città si svolge proprio in estate, nel mese di giugno. Si tratta della Fiera del Mare, in cui il lungomare di Civitanova si riempie di bancherelle in cui è possibile gustare i piatti tipici della zona. A livello religioso, altro evento importante è sicuramente la festa del patrono San Marone Martire, che si svolge ogni 16 agosto. In questo giorno i fedeli accompagnano le reliquie del santo in una processione in mare, con decine di barche a seguito.

Cosa mangiare a Civitanova Marche

Come molti paesi del litorale adriatico, anche a Civitanova Marche non mancano le specialità di pesce. I tre piatti caratteristici sono sicuramente i “Furbi con l’abbiti” (ovvero i polpi con le biete), lo “sgombro al vino rosso” e, infine, il “brodetto alla civitanovese”. Quest’ultimo (molto apprezzato dai locali e non), è una zuppa di pesce, nato come piatto povero preparato dai pescatori con i resti del pesce di giornata.

Civitanova è una città che ha molto da offrire ai visitatori che non si fermano soltanto alla spiaggia o al lungomare, ma che sono anche in cerca di arte, cultura e storia. Se si sta pensando di visitare le Marche, Civitanova è sicuramente una dalle mete da non perdere, soprattutto durante la Festa del Mare o la particolare festa di San Marone.

Foto di copertina: “Civitanova Marche Alta (MC)” by www.turismo.marche.it is licensed under CC BY-NC-SA 2.0.

Civitanova Marche: città tutta da scoprire, tra mare e collina ultima modifica: 2021-10-19T09:00:00+02:00 da Antonello Ciccarello

Commenti

Subscribe
Notificami
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x