notification icon
App italiani.it
Tutto il meglio di italiani.it sul tuo telefono
Installa

“Se ci vacciniamo ne usciamo”, lo rimarca il generale Francesco Paolo Figliuolo riguardo ai modi e ai tempi su come affrontare l’emergenza sanitaria. “Il piano non cambia, a fine mese dobbiamo arrivare a 500mila dosi giornaliere. Da oggi l’inoculazione del vaccino Astrazeneca è aperta alla categoria compresa fra i 60-79 anni, mentre gli under 60 che hanno già ricevuto la prima dose, riceveranno anche la seconda. L’Ema – ha sottolineato il generale – ha detto che AstraZeneca è un vaccino sicuro e spero che la vicenda si concluda così”. Queste le dichiarazioni del generale Figliuolo, commissario per l’emergenza Covid.

teste figliuolo se ci vacciniamo ne usciamo

Mentre la macchina organizzativa della campagna vaccinale cerca di essere sempre più efficiente, continua il monitoraggio sui dati riguardanti la diffusione della pandemia in Italia. A tal proposito il ministero della Salute fa sapere che, nelle ultime 24 ore, si sono registrati 17.221 nuovi casi positivi (ieri 13.708). I nuovi decessi sono 487 (ieri 627); i dimessi guariti sono 20.229 (ieri 20.927). Complessivamente i casi positivi sono 544.330 (ieri 547.837). I tamponi effettuati sono 362.152 (ieri 339.939); in terapia intensiva sono ricoverati 3.663 pazienti Covid. Inoltre rimangono in isolamento domiciliare 511.816 persone contagiate dal virus.

Figliuolo: “Se ci vacciniamo ne usciamo”

“Tra questo trimestre e il prossimo arriveranno 30 milioni di dosi Astrazeneca, che potranno essere destinate, quindi, anche alla platea degli over 60 fino ai 79 anni che è di circa 13 milioni e 275 mila utenti”. Lo sottolinea Figliuolo che aggiunge: “Di questi 2 milioni e 270mila ha già ricevuto la prima dose. Appena completeremo gli over 80 e i fragili apriremo la vaccinazione alle classi produttive. I nostri territori hanno sofferto, ora dobbiamo riportare il made in Italy nel mondo, dobbiamo riaprirci”.

generale figliuolo se ci vacciniamo ne usciamo
Il generale Francesco Paolo Figliuolo

Su Astrazeneca raccomandazioni aggiornate

Pronta la nuova circolare con cui il ministero della Salute ha aggiornato le raccomandazioni sul vaccino Vaxzevria di Astrazeneca. La circolare inviata a regioni, istituzioni ed associazioni, ribadisce che il vaccino è approvato dai 18 anni d’età. “Sulla base delle attuali evidenze, tenuto conto del basso rischio di reazioni avverse di tipo tromboembolico a fronte dell’elevata mortalità da Covid-19 nelle fasce di età più avanzate – si legge nella circolare – è raccomandato un suo uso preferenziale nelle persone sopra i 60 anni. Chi ha già ricevuto una prima dose Vaxzevria, può completare il ciclo col medesimo vaccino”.

vaccino astrazeneca

La Commissione tecnico scientifica (Cts) dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) rileva che “al momento non sono stati identificati analoghi segnali di rischio di eventi trombotici per i vaccini a Mrna. Non è invece ancora possibile esprimere un giudizio in merito ad altri vaccini che utilizzano piattaforme vaccinali virali”. È quanto si legge nel parere della Cts allegato alla circolare del ministero della Salute sull’aggiornamento delle raccomandazioni riguardo al vaccino Astrazeneca. La Cts sottolinea inoltre che il bilancio beneficio/rischio del vaccino si conferma “complessivamente positivo”.

Covid, Figliuolo: “Se ci vacciniamo ne usciamo” ultima modifica: 2021-04-08T18:02:11+02:00 da Maria Scaramuzzino

Commenti

Subscribe
Notificami
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
2
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x