notification icon
App italiani.it
Tutto il meglio di italiani.it sul tuo telefono
Installa

La grande maison francese Dior ha scelto Lecce, in Puglia, per presentare la collezione Cruise 2021. Sfilata a Piazza Duomo, rigorosamente a porte chiuse per rispettare le disposizioni anti-covid, ma trasmessa online, registrando numeri da capogiro. La scelta della Puglia non è casuale. La direttrice artistica delle collezioni donna, Maria Grazia Chiuri, ha voluto omaggiare la terra di suo padre. Quella che le ha dato i natali e dove ha coltivato l’amore per l’artigianato locale. Una sfilata quindi molto particolare quella del 22 luglio e non solo perché avvenuta sotto le tradizionali luminarie e a ritmo di pizzica (Il video di Dior).

Dior - Lecce
Lecce

Questo meraviglioso spettacolo ha racchiuso il cuore di questa terra magica: il Salento con la sua cultura e col suo artigianato. Abili mani hanno disegnato e ricamato le pregiate stoffe della maison. Non parliamo solo e semplicemente di moda ma di arte nel suo senso più pieno. Arte che affonda le radici in una terra fatta di mare, sole, vento e magia. Chiuri è stata brava nel portare in scena tutto questo e regalarci Dior sotto una nuova veste: non più classici fiori da giardino ma sugli abiti l’esplosione della selvaggia natura pugliese. Incantevole tributo all’Italia, luogo di inesauribile fonte d’ispirazione e ardente passione per Christian Dior sin dal 1947.

Sedici milioni di spettatori per Dior

Lecce è molto più di una semplice destinazione turistica: è la città dell’architettura baroccasu uno sfondo caldo, soleggiato e tipicamente estivo. È qui che ha preso vita il fashion show di Dior. L’evento è stato un gran successo.

Dior
Piazza Duomo concessa per la sfilata dall’Arcivescovo monsignor Michele Seccia

La diretta ha registrato 11 milioni di visualizzazioni sui canali social; 5,5 milioni lo hanno visto on-demand con un forte seguito nel continente asiatico. Grande soddisfazione del sindaco di Lecce, Carlo Salvemini. “Il ringraziamento va alla nostra città che ha dimostrato di poter essere sede di una manifestazione di dimensione mondiale”. Tra gli ospiti Chiara Ferragni con Fedez, l’attrice Stefania Rocca con il marito Carlo Capasa, presidente della Camera nazionale della moda, oltre al magnate del gruppo Lvmh, Bernard Arnault, che possiede il brand Dior. Il tutto sulle note dell’orchestra della Notte della Taranta, diretta da Paolo Buonvino, accompagnata dalla voce di Giuliano Sangiorgi dei Negramaro

Nei tessuti Dior, l’abilità degli artigiani leccesi

La collezione è un tributo all’artigianato locale. L’arte della tessitura, lo splendore delle luminarie, il ruolo centrale della danza tra misticismo e magia.

Dior
Chiara Ferragni a Lecce

La maison Dior ha reso omaggio alla natura e agli straordinari paesaggi della Puglia. La direttrice artistica ha voluto esplorare i valori Dior da un nuovo punto di vista. Per far questo, racconta Chiuri, ha interpellato l’artista Pietro Ruffo che “per vedere come si poteva reinterpretare la donna Dior con dei fiori diversi da quelli solitamente usati dalla maison francese”.

Dior
I fiori disegnati da Paolo Ruffo sulla borsa Dior

I fiori della Puglia sono quelli campestri, molto colorati. Per la collezione Cruise 2021, Ruffo ha realizzato più di 250 illustrazioni in tre mesi. I suoi incantevoli disegni sbocciano su una serie di modelli, arricchiti dalla maestria degli atelier Dior. Un invito a viaggiare che richiama la bellezza immortale degli indomiti paesaggi pugliesi.

Tombolo e telai per reinterpretare Dior

La Chiuri afferma che era molto affascinata dall’antichissima tecnica del tombolo. Molto diffusa nel leccese. “E’ un lavoro di una tale bellezza e di fragilità rara. Più che un ricamo lo definirei un pezzo d’arte”.

lavori artigianali
Artigiani leccesi al lavoro

Sono stati impegnati i tessuti della Fondazione Le Costantine. Il singolare motto di questo luogo straordinario, “Amando e Cantando”, è ricamato su una serie di gonne che ne richiamano l’eccellenza. La sede della Fondazione ospita i preziosi telai con cui prendono vita questi tessuti grazie all’uso di tecniche ancestrali.

Luminarie ed emancipazione

Maria Grazia Chiuri ha voluto portare “in scena” anche le celebri luminarie che esaltano e sublimano le piazze nelle feste patronali.

statua di un santo
Luminarie

Reinterpretate da Marinella Senatore che ha aggiunto al lavoro degli artigiani locali, i Fratelli Parisi, delle frasi a sostegno dell’empowerment femminile che mostrano come sia necessario il lavoro di tutti per poter aspirare a un risultato migliore. Un interessante dialogo tra moda, maestria artigianale e arte militante contemporanea. “Importante – conclude la direttrice artistica Chiuri – prendere coscienza di quanto valore c’è nella craftmanship in Puglia e quanto sia importante, per le nuove generazioni, non perderlo, ma reinvestire in tutto questo”.

(Foto Official Web Site Christian Dior)

Dior sfila a Lecce sotto le luminarie a ritmo di pizzica ultima modifica: 2020-07-26T09:30:00+02:00 da Raffaella Natale

Commenti