È stata la mano di Dio” di Paolo Sorrentino ha ottenuto la candidatura ufficiale agli Oscar 2022 come miglior film straniero. Ad annunciare tutte le nomination sono stati gli attori Tracee Ellis Ross e Leslie Jordan, durante una diretta streaming sul sito ufficiale Oscars.org. Grande soddisfazione da parte di Paolo Sorrentino, che si è detto “felicissimo di questa nomination”. L’ultimo capolavoro del regista napoletano è entrato nella magica cinquina e si dovrà “scontrare” con altre apprezzatissime pellicole del panorama internazionale. I film concorrenti sono infatti: “Lunana, a Yak in the Classroom” del regista butanese Pawo Choyning Dorji, “La peggiore persona del mondo”, del norvegese Joaquim Trier, “Flee”, del danese Jonas Poher Rasmussen e “Drive My Car” del giapponese Ryûsuke Hamaguch (considerata da molti bookmaker la più quotata per la vittoria finale, dal momento che è anche candidato come miglior film nella categoria generale).

Oscar 2022 - Filippo Scotti, Tony Servillo e Teresa Saponangelo in una scena tratta da "È stata la mano di Dio"
Foto: © Netflix

Naturalmente “È stata la mano di Dio” non sarà l’unica traccia di italianità presente alla 94esima edizione della Notte degli Oscar. Altre nomination sono infatti state assegnate a Massimo Cantini Parrini, per la categoria miglior costumi (nel film “Cyrano”) e al lungometraggio DisneyLuca” di Enrico Casarosa, come miglior film animato.

“È stata la mano di Dio” agli Oscar 2022: le altre candidature e premi

La nomination al premio Oscar come miglior film internazionale è solo l’ennesimo riconoscimento per questa pellicola, acclamata da critica e pubblico come un capolavoro. Uscito al cinema lo scorso 24 novembre e poi su Netflix il 15 dicembre, “È stata la mano di Dio” ha ottenuto diverse candidature. La pellicola di Sorrentino ha ricevuto la nomination come miglior film straniero per l’anno 2022 ai Golden Globe, ai BAFTA, ai BFCA (Broadcast Film Critics Association Awards), al Palm Springs International Film Festival, ai Satellite Award e non solo. Nel 2021 è stato invece candidata come miglior film agli European Film Award, al London Film Festival, in corsa per il Leone d’Oro alla 78esima Mostra internazionale del cinema di Venezia, aggiudicandosi poi il Leone d’Argento Gran Premio della Giuria. Il protagonista Filippo Scotti, ha inoltre vinto il Premio Mastroianni come miglior attore emergente.

Sorrentino è molto legato a questo film, perché parla della sua giovinezza, della Napoli di Maradona e, soprattutto, della tragica scomparsa dei suoi genitori. Il regista ha commentato la nomination definendola un “motivo d’orgoglio, in quanto riconoscimento prestigioso ai temi del film, come l’ironia, la libertà, la tolleranza, il dolore, la spensieratezza, la volontà, il futuro, Napoli e sua madre”. La cerimonia di premiazione si terrà il prossimo 27 marzo al Dolby Theatre di Los Angeles. La speranza per Sorrentino è quella di poter replicare il successo ottenuto con “La grande bellezza” nel 2014. Il regista napoletano riuscirà ad aggiudicarsi la seconda statuetta hollywoodiana? Anche se “È stata la mano di Dio” è meno favorita rispetto alle pellicole concorrenti (“Drive My Car” in primis), questo capolavoro di Sorrentino può riservare ancora sorprese ed aspirare ad essere tra le protagoniste della prossima Notte degli Oscar.

Foto di copertina: © The Hand of God (pagina Facebook).

“È stata la mano di Dio” in nomination agli Oscar 2022 ultima modifica: 2022-02-09T09:00:00+01:00 da Antonello Ciccarello

Commenti

Subscribe
Notificami
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x