L’Eurovision 2022 di Torino si avvicina e Mahmood e Blanco sono sicuramente tra i favoriti per la vittoria, accanto agli ucraini della Kalush Orchestra. Per attenersi alle regole della competizione canora, il duo nostrano dovrà proporre una “versione censurata” della loro Brividi, vincitrice dell’ultima edizione del Festival di Sanremo. Non si tratta della stessa censura toccata ai Måneskin all’Eurovision 2021, costretti a cambiare il testo della loro “Zitti e buoni” per evitare le parolacce non consentite dal regolamento (“Vi conviene toccarvi i c****oni” con “Vi conviene non fare più errori” e “Non sa di che c**zo parla” con “Non sa di che cosa parla”), ma di un semplice taglio al testo. Sempre da regolamento dell’Eurovision Song Contest, infatti, ogni brano (o la performance degli artisti sul palco) non può durare più di 3 minuti. Brividi, con i suoi 3.20 minuti, ha quindi subito un taglio nel ritornello.

La versione originale del testo di Mahmood e Blanco prevede:

«Nudo con i brividi, a volte non so esprimermi / e ti vorrei amare, ma sbaglio sempre / e ti vorrei rubare un cielo di perle/e pagherei per andar via / accetterei anche una bugia / e ti vorrei amare ma sbaglio sempre / e mi vengono i brividi, brividi, brividi».

Nella versione riadattata per l’Eurovision 2022 di Torino, verrà invece eliminata l’ultima parte della strofa:

«Nudo con i brividi, a volte non so esprimermi / e ti vorrei amare, ma sbaglio sempre / e ti vorrei rubare un cielo di perle / e mi vengono i brividi, brividi, brividi».

Non è comunque la prima volta che Mahmood è costretto a tagliare la sua canzone per attenersi alle regole dell’EBU. Per partecipare all’Eurovision Song Contest 2019 di Tel Aviv il cantautore ha infatti dovuto ridurre la durata della sua “Soldi” (classificatasi poi al secondo posto).

Eurovision 2022 di Torino: il running order delle semifinali

A poco più di un mese dall’inizio della kermesse canora europea, in programma dal 10 al 14 maggio al PalaOlimpico di Torino, gli organizzatori hanno già svelato l’ordine di uscita dei 35 artisti che si esibiranno nella prima e nella seconda semifinale (10 -12 maggio). L’Albania sarà la prima ad esibirsi sul palco dell’Eurovision 2022 di Torino. Seguiranno poi Lettonia, Lituania, Svizzera, Slovenia, Ucraina, Bulgaria, Olanda, Moldavia, Portogallo, Croazia, Danimarca, Austria, Islanda, Grecia, Norvegia e Armenia. Il running order della seconda semifinale prevede invece in prima posizione la Finlandia. Toccherà poi a Israele, Serbia, Azerbaigian, Georgia, Malta, San Marino, Australia, Cipro, Irlanda, Macedonia del Nord, Estonia, Romania, Polonia, Montenegro, Belgio, Svezia e Repubblica Ceca. Il 12 maggio è inoltre una serata “speciale”, perché si esibirà un altro italiano, Achille Lauro con la sua “Stripper”, come rappresentante di San Marino.

Il prossimo 14 maggio, giorno della finale si sfideranno 25 paesi. Si tratta dei 20 qualificati dalle due semifinali (10 + 10) e i 5 paesi che parteciperanno direttamente alla serata finale. Questi sono: Italia, Francia, Regno Unito, Spagna e Germania. I biglietti per assistere all’Eurovision 2022 di Torino saranno disponibile dal 7 aprile su TicketOne. I prezzi variano a seconda della categoria (Live Show, Jury Show e Family Show) con cifre che vanno dagli 80 ai 200 euro. Ormai tutto è quasi pronto. Mahmood e Blanco riusciranno a portare l’Italia alla sua seconda vittoria di fila? Tutto è possibile.

Foto in evidenza: © Eurovision Song Contest (pagina ufficiale Facebook).

Eurovision 2022 di Torino: Mahmood e Blanco tagliano “Brividi” ultima modifica: 2022-04-04T09:00:00+02:00 da Antonello Ciccarello

Commenti

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x