Buffon lascia la Juventus. L’annuncio è stato dato in conferenza stampa e oggi, sabato 19 maggio, sarà l’ultima partita disputata dal capitano. Festeggerà lo scudetto, il nono della sua carriera e dirà addio alla squadra con cui ha giocato negli ultimi diciassette anni. Ventitré anni di carriera che hanno consacrato Gigi Buffon come uno dei portieri più forti della storia del calcio e uno dei calciatori più famosi di sempre. Un addio che però lascia molte porte aperte…

Gigi Buffon e l’addio alla Juventus

“Fino a 15 giorni fa ero certo di smettere, ora sono arrivate proposte molto stimolanti. Tra una settimana decido.” Così ha confessato Buffon alla stampa lasciando aperto qualche spiraglio, ma ha escluso di tornare a giocare ancora in Italia o di diventare dirigente di squadra. Nessun ripensamento anche per quanto riguarda un ritorno in Nazionale (l’ultima partita è stata quella contro l’Argentina del 23 marzo scorso). Ha ricevuto molte proposte per proseguire la sua carriera da portiere in club di alto livello all’estero, ma il futuro è ancora incerto e il calciatore non vuole sbilanciarsi.

Buffon lascia la Juventus - Gigi Buffon
Grazie per tutto, Capitano!

Lascerà il suo posto al polacco Wojciech Szczęsny, portiere di riserva in questa stagione. La fascia di capitano, invece, andrà al difensore Giorgio Chiellini. L’addio è stato accompagnato dalle parole di Andrea Agnelli, presidente della Juventus. Dettaglio non trascurabile visto lo straordinario rapporto tra i due. Gigi Buffon è il padrino di Livia Selin, figlia del presidente Andrea Agnelli e della compagna Deniz Alkalin. Un rapporto così stretto, consolidato negli anni e basato su una reciproca fiducia e una sincera amicizia.

Grazie per tutto Capitano!

Buffon lascia la Juventus e le reazioni da parte dei compagni, dei vip e degli amici non si sono fatte attendere. I social sono pieni di dediche e di omaggi. Pensieri e reazioni da chi ha condiviso lo spogliatoio con lui, ma anche da avversari. Come riporta la testata giornalistica del Milan, «Donnarumma, da molti individuato come il suo erede tra i pali della Nazionale, si è congratulato con l’estremo difensore bianconero postando una foto nelle stories di Instagram. “Immenso”, il commento del classe ’99.» O il commento di un piccolo tifoso della scuola primaria Luigi Einaudi di Cuneo «Abbiamo saputo che sabato sarà la tua ultima partita con la maglia della Juventus e volevo dirti che mi dispiace tanto».

Buffon lascia la Juventus - Champions League
24 Ottobre 2013, Santiago Bernabéu Stadium. Real Madrid CF vs Juventus FC (2-1), 2013-14 UEFA Champions League

Sabato 19 maggio, l’ultima partita con la Juve

Gigi Buffon è un calciatore da record: nove titoli nazionali. La Coppa del Mondo vinta nel 2006 in Germania e la Coppa UEFA nel 1999 con il Parma. Sei Supercoppe Italiane, cinque quelle italiane e un campionato di Serie B. Il capitano giocherà la sua ultima partita di campionato sabato pomeriggio in casa contro la squadra dell’Hellas Verona. Al termine, inizieranno i festeggiamenti per la vittoria del 34esimo scudetto. Sarà la 656esima presenza con la Juventus (Buffon è il secondo giocatore con più presenze nel club Juve dopo Alessandro Del Piero). Buffon lascia la Juventus e non sappiamo quali saranno le sue decisioni nè cosa gli riserverà il futuro, ma possiamo fargli un grande in bocca al lupo e salutare forse l’ultimo giocatore di una grande generazione italiana.

Cristina Gatto

Autore: Cristina Gatto

Mi chiamano Chinaski e come il Perozzi di Amici miei, ho quasi dimenticato che il mio nome è Cristina. Ho una passione viscerale per il cinema e per la musica, colleziono vinili e oltre i libri leggo parecchi fumetti. Amo i gatti (nomen omen). Cos’altro aggiungere? Non pedalo perché non ho voluto la bicicletta, sono irriverente, sempre pronta alla battuta, dotata di autoironia (l’altezza l’avevano terminata) e come Luciano Bianciardi spesso mi domando “chissà se riuscirò a trovare la strada di Itaca, un giorno?”

Gigi Buffon lascia la Juventus: grazie per tutto, Capitano! ultima modifica: 2018-05-19T09:30:24+00:00 da Cristina Gatto

Commenti