Gravina in Puglia è una città in provincia di Bari, nel cuore dell’Alta Murgia. Le sue antichissime origini, risalenti al paleolitico, ne fanno il comune più antico della Puglia. La sua storia millenaria offre numerose attrazioni turistiche, tra cui il canyon delle gravine, formatosi nel corso dei secoli dall’azione dei corsi d’acqua che, scavando il territorio, hanno formato grandi insenature. Ciascuna di esse ospita 80 siti rupestri ed è ricca di insediamenti preistorici. La città si adagia proprio sul canyon, da cui prende il nome.

Gravina in Puglia, canyon

Un po’ di storia

Le abitazioni rupestri, scavate nella roccia, erano dei veri e propri rifugi per gli antichi abitanti della regione. Tra i siti più conosciuti, si trovano le chiese rupestri. Le più belle sono quella di San Michele delle Grotte (VIII – IX secolo), la chiesa della Madonna della Stella e la chiesa del Sepolcreto. Gravina in Puglia, nel corso dei secoli, ha visto passare diverse civiltà: greci, romani, bizantini, normanni e svevi. La storia più recente del paese è collegata alla famiglia Orsini, che furono i signori del paese fino al 1816. Un discendente di questa famiglia fu Papa Benedetto XIII.

Gravina in Puglia

Le principali attrazioni turistiche

Gravina in Puglia ha molto da offrire in termini di territorio, paesaggi, monumenti e bellezze naturalistiche e architettoniche. Un’imponente costruzione da attraversare è il Ponte dell’Acquedotto (o viadotto della Madonna della Stella), costruito sul torrente Gravina, che collega le due metà della città. Costruito nel XVII secolo, è il simbolo della città e dello straordinario paesaggio dell’altopiano della Murgia. Distrutto dal terremoto del 1722, fu ricostruito dalla famiglia Orsini con funzione di acquedotto, per trasportare le acque delle sorgenti di Sant’Angelo e San Giacomo. La struttura del Ponte era inizialmente costituita da 25 archi che furono sostituiti da una spalliera in tufo dopo i danni causati dall’alluvione del 1855.

Gravina in Puglia, ponte

Percorrendo il Ponte dell’Acquedotto vero est, si raggiunge l’antico bastione medievale, l’ultimo pezzo ancora esistente delle mura della città. Dopo una leggera salita si accede al centro storico. Il castello di Gravina fu fatto costruire da Federico II appena fuori dalla città. Progettato su due livelli è a pianta rettangolare, con quattro torri e varie sale sotterranee. Nel 1456 fu gravemente danneggiato da un terremoto. Abbandonato a partire dal 1600, iniziò la sua lenta decadenza fino a raggiungere la sua quasi distruzione, probabilmente dovuta al nubifragio del 1687. Fu la potente famiglia degli Orsini a detenere la proprietà del castello fino al 1806, anno in cui passò ai Pomarici Santomasi che ne fecero dono alla città. 

borgo

Il centro storico

Il centro storico di Gravina in Puglia, fatto di strade strette e tortuose custodisce chiese, palazzi musei. E’ caratterizzato da un’area quasi circolare formata dai rioni Piaggio, Fondovico e Borgo. Uno dei luoghi più affascinanti della città è la Cattedrale di Santa Maria Assunta, del secolo XI. Non lontano, in Piazza della Repubblica, si trova il Palazzo Ducale, imponente edificio del XVII secolo, dimora della famiglia Orsini, in cui nacque Papa Benedetto XIII. Nella piazza a lui dedicata, invece, si trova il Palazzo Vescovile, edificato nel IX secolo e ricostruito nel XVI.

Gravina in Puglia, icona

Piazza Notar Domenico ospita l’antica Biblioteca Capitolare Finya, che custodisce un patrimonio librario di oltre 11mila volumi. Tra i musei da visitare, vi sono quello della Fondazione Pomarici Santomasi, il Museo Archeologico, il Museo della civiltà contadina e degli antichi mestieri, il Museo Capitolare di Arte Sacra. Molto interessante è la città sotterranea, creata nei secoli dagli abitanti di Gravina sotto gli stessi edifici. Oggi è possibile visitarla grazie all’Associazione Gravina Sotterranea. Attraverso i cunicoli, nel sottosuolo della città, si possono vedere cantine, cisterne e chiese rupestri. Da visitare è anche il Parco Nazionale dell’Alta Murgia, luogo ideale per gli escursionisti. Gravina dista solo 26 chilometri da Matera, la nota città dei Sassi.

(Foto: Gravina Puglia, Pagina Facebook)

Gravina in Puglia, l’antica città sul canyon e il suo mondo sotterraneo ultima modifica: 2023-11-01T13:47:51+01:00 da Antonietta Malito

Commenti

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x