Qualche settimana fa vi abbiamo parlato di R1, il robot creato dall’Istituto Italiano di Tecnologia e presentato al Maker Faire di Roma. Un robot di ultimissima generazione capace di fornire assistenza continua agli anziani e disabili.
Sempre dall’IIT, attraverso la società Movendo Technology, è nato un altro drone che in questi giorni sta catturando l’attenzione degli ingeneri di tutto il mondo: Hunova.

Hunova: il robot infermiere

Quando pensiamo ad un robot subito ci immaginiamo un insieme di valvole e circuiti assemblati per assomigliare all’uomo. Hunova tuttavia non è un’androide, e il suo aspetto tutto ci ricorderà tranne che quello umano. Si tratta infatti di una piattaforma robotizzata utilizzata per la riabilitazione neurologica, ortopedica e geriatrica. Ma in che modo?

Hunova

Hunova si avvale di una tecnologia di ultima generazione che gli permette di assistere il paziente nelle diverse fasi di cura. Il suo sistema combina perfettamente due elementi essenziali: valutazione e riabilitazione.
Una volta a bordo di Hunova, i sensori analizzano i nostri movimenti durante gli esercizi impostati. Posizione del tronco, degli arti, potenza rilasciata e ritmo sono tenuti costantemente sotto controllo, intervenendo se necessario. Hunova ci aiuterà infatti a completare tutti gli esercizi, in caso di eccessivi sforzi. Inoltre, grazie alla sua pedana mobile, sono possibili terapie per patologie riguardanti l’equilibrio o mobilizzazione articolare.
Ovviamente gli ingegneri hanno pensato anche all’aspetto mentale e motivazionale. Un pannello touchscreen ci permette di monitorare il trattamento, ma anche di accedere a dei gaming e biofeedback. In questo modo si avrà un maggior coinvolgimento nell’attività svolta, e l’esercizio risulterà meno stressante.

Già in uso

Hunova è già impiegato in diverse strutture ospedaliere. Da settimane l’Ospedale Galliera di Genova, il Santa Corona di Pietra Ligure (SV), il Centro di riabilitazione di Volterra (PI) e il Centro Riattiva di Lavagna (GE) utilizzano regolarmente la piattaforma robotica per le varie terapie. Ultimamente è stato inoltre acquistato dal Gruppo Korian che lo ha destinato alla Casa di cura Falciani di Firenze. La prima struttura di questo genere ad avvalersi delle prestazioni di Hunova per la cura degli anziani.
Dopo diversi mesi dal suo primo impiego, Hunova ha raccolto tanti giudizi positivi e il benestare di medici e fisioterapisti. Il suo lavoro si integra perfettamente con le più comuni terapie, accelerando notevolmente i processi di riabilitazione.
Un grande traguardo insomma, che testimonia l’importanza dell’eterno legame tra tecnologia e medicina.

Qui il sito della Movendo Technology

Gabriele Roberti

Autore: Gabriele Roberti

Affascinato da sempre dal Lato Oscuro della Forza, abbandona in tenera età l’idea di diventare un Sith. Da quel momento ha iniziato a dedicarsi ad altro: gli studi, il lavoro, le ragazze e i tornei a Fifa. Dopo la laurea in lettere ha iniziato a scrivere senza sosta, arrivando a vedersi pubblicato su vari siti e blog come italiani.it.
Sogna un viaggio in estremo oriente, e di provare almeno una volta tutte le cucine del pianeta. In attesa ovviamente di una chiamata da Lord Fener…

Hunova: il robot infermiere della Movendo Technology ultima modifica: 2017-03-07T08:13:21+02:00 da Gabriele Roberti

Commenti