Milan, Inter, Fiorentina e la “lotta al contrario” per l’Europa League, Roma e Napoli al fotofinish

Dovrebbe essere una lotta serrata quella per le qualificazioni in Europa League. La Juventus viaggia verso il suo sesto scudetto consecutivo, Roma e Napoli si contendono il secondo posto tra allunghi e recuperi. Lazio e Atalanta consolidano le loro posizioni e per il sesto posto, ultimo utile per l’Europa League, vi sono Milan, Inter e Fiorentina. Queste squadre nelle ultime 3 partite hanno ottenuto rispettivamente 2, 1 e 3 punti, sui 9 disponibili. Un bottino decisamente misero per le tre compagini. In coda il Pescara è già retrocesso aritmeticamente e per il Palermo è una questione di tempo. Il terzo slot per la retrocessione al momento è occupato dal Crotone, il quale ha 4 e 5 punti di ritardo da Empoli e Genoa in una crisi senza fine. Juric, allenatore del Genoa, a fine partita si è lasciato andare in un pianto sconsolato, a testimonianza del momento difficile dei rossoblu.

Il cielo su Roma è biancazzurro!

A Roma il derby è partita molto sentita, si può dire che è “la partita dell’anno”. I giallorossi arrivano in buone condizioni, con l’obbligo di vincere per recuperare punti alla Juventus e mantenere a distanza il Napoli. Alla Lazio invece i 3 punti servono per consolidare il quarto posto. É la Lazio a portarsi in vantaggio grazie ad un buono spunto di Keita, chiamato ad ereditare la posizione di Immobile, assente per infortunio. A fine primo tempo Orsato assegna un rigore alla Roma per un presunto contatto in area tra Wallace e Strootman. I replay però rivelano che il contatto non è mai avvenuto, ed ora Strootman rischia la squalifica per simulazione. De Rossi sigla l’1-1 prima del rientro negli spogliatoi. Il secondo tempo la Lazio entra con il giusto piglio, mentre la Roma lotta in maniera disorganizzata. Di Basta e di nuovo Keita le reti per il successo biancazzurro.

L’Inter non sa più vincere, il Napoli corsaro a Milano

Inter – Napoli è stato il posticipo di giornata. Entrambe le squadre sono impegnate in una lotta qualificazione. Per il Napoli l’occasione di riagganciare la Roma è ghiotta, ma l’Inter, pur essendo in crisi di risultati, è sempre un avversario ostico. Il Napoli si presenta con la formazione tipo, nell’Inter a sorpresa Eder parte titolare, mentre in regia c’è Joao Mario e non Banega. Dopo qualche tentativo dalla distanza è Mertens a rendersi pericoloso davanti ad Handanovic. A fine primo tempo il Napoli passa in vantaggio: su cross di Insigne, Nagatomo sbaglia il controllo e favorisce Callejon alle sue spalle. Per Handanovic non c’è scampo, il Napoli passa in vantaggio. Nel secondo tempo il Napoli spreca diverse occasioni con Insigne, Mertens e Rog. La reazione dell’Inter è nei piedi di Perisic con un bel tiro al volo. Troppo poco per recuperare, il Napoli si porta a casa i 3 punti.

Le altre partite

Schick
Patrik Schick dopo il goal contro il Torino

La Juventus guadagna un punto contro una sempre ottima Atalanta, capace di recuperare nei minuti finali. Alla Juventus mancano 4 punti per laurearsi campione d’Italia. Il Milan impatta a Crotone, ma allunga sulla Fiorentina, capace di perdere sul campo del Palermo. Torino e Sampdoria si dividono la posta, da sottolineare il bellissimo goal di Schick, alla sua 11 marcatura. Il Bologna dilaga contro una spenta Udinese, grazie anche al ritorno al goal di Mattia Destro. Il Cagliari vince di misura contro il Pescara, mentre Empoli e Genoa perdono rispettivamente contro Sassuolo e Chievo. La curiosità di giornata: i primi 10 giocatori della classifica marcatori non hanno segnato in questa giornata. Dall’inizio del campionato non si era mai verificato che Belotti, Dzeko, Icardi, Higuain, Mertens e Immobile non segnassero. I principali attaccanti andati a segno sono Keita, Schick, Callejon e Destro, a dimostrazione che nel calcio tutti i giocatori sono importanti.

34° giornata di serie A

Atalanta 2 – 2 Juventus (45′ Conti, 89′ Freuler; 50′ Spinazzola (A), 83′ Dani Alves)
Torino 1 – 1 Sampdoria (78′ Iturbe; 12′ Schick)
Roma 1 – 3 Lazio (45′ De Rossi; 12′, 85′ Keita, 50′ Basta)
Bologna 4 – 0 Udinese (2′, 59′ Destro, 45′ Taider, 68′ Danilo (A) )
Cagliari 1 – 0 Pescara (23′ Joao Pedro)
Crotone 1 – 1 Milan (8′ Trotta; 50′ Paletta)
Empoli 1 – 3 Sassuolo (24′ Pucciarelli; 19′ Peluso, 34′ Matri, 57′ Duncan)
Genoa 1 – 2 Chievo (43′ Pandev; 60′ Bastien, 70′ Birsa)
Palermo 2 – 0 Fiorentina (32′ Diamanti, 90′ Aleesami)
Inter 0 – 1 Napoli (43′ Callejon)

La Classifica di Serie A

Juventus 84
Roma 75
Napoli 74
Lazio 67
Atalanta 64
Milan 59
Inter 56
Fiorentina 55
Torino 49
Sampdoria 46
Udinese 43
Chievo 41
Cagliari 41
Sassuolo 39
Bologna 38
Genoa 30
Empoli 29
Crotone 25
Palermo 19
Pescara** 14
** retrocessa in Serie B

Riccardo Contini

Autore: Riccardo Contini

Amministratore contabile nella vita, appassionato di calcio nel tempo libero. Ha frequentato corsi di match analysis e talent scout, oltre ad aver ottenuto il patentino da allenatore giovanile. Attualmente allenatore di una squadra di bimbi di 5 anni e giocatore entusiasta di Football Manager.

Lotta Champions e sesto posto, ne vedremo delle belle: la 34° giornata di Serie A ultima modifica: 2017-05-02T07:21:02+00:00 da Riccardo Contini

Commenti