Sorge in Toscana nella Maremma un luogo capace ogni anno di esercitare una forte attrattiva turistica. Sormontato dal monte dell’Argentario che dall’alto sembra in qualche modo proteggerlo e vigilare su tutto. Ai lati fanno da contorno il tombolo della Gianella e quello della Feniglia, due strisce di terra che racchiudono la laguna. Stiamo parlando di Orbetello. Località da molti conosciuta per le vacanze estive è in realtà una riserva di svariate offerte.

Orbetello e le bellezze della natura

Uno dei principali motivi che portano numerose persone ad Orbetello è certamente il mare. Tra le spiagge spiccano proprio le due che racchiudono la laguna. Quella della Feniglia e quella della Giannella. Grazie ad un fondale che scivola lentamente in profondità, risultano particolarmente adatte a famiglie con bambini. Ma la laguna non è solamente uno stabilimento balneare. Qui infatti c’è un piccolo “regno” protetto, quello dell’oasi del WWF. La particolare posizione marina di Orbetello rende il  luogo punto di passaggio delle rotte migratorie degli uccelli. In particolare dei fenicotteri. Così, in determinati periodi dell’anno, il cielo e il mare si colorano per un po’ di rosa, quando i volatili dalle leggiadre forme fanno sosta nella laguna durante il loro viaggio.

Orbetello. Immagine panoramica della laguna di Orbetello dalla cima del Monte Argentario
di Luca Salvetti. World Wide Fund for Nature Italy. Commons Wikimedia

Ma la natura, nella sua più totale bellezza, merita di essere osservata da diverse prospettive. Ecco perché, oltre alla canonica visuale che si ha dalla spiaggia, è consigliato spostarsi un po’ più “in alto” e raggiungere la vetta dell’Argentario. A 273 metri proprio in cima al monte trova spazio il convento dei Passionisti. Da qui la vista diventa qualcosa di unico: a destra il Tombolo della Feniglia, a sinistra il Tombolo della Giannella e al centro la città di Orbetello contornata dalla laguna. Una panoramica dall’alto che aiuta a capire la conformazione del territorio ma soprattutto che dà allo spettatore curioso un nuovo “punto di vista”.

Curiosi siti storici

Orbetello, come tutte le città ha una storia e la sua è piuttosto antica! Testimonianza ne sono i resti delle mura etrusche. Grandi blocchi poligonali che hanno attraversato millenni e che nonostante tutto sono ancora lì, fermi ad osservare il mondo e i suoi cambiamenti! Davvero impressionante pensare che questi bastioni siano stati costruite nel IV secolo a.C.! Lasciate le mura si incappa nelle diverse piazze che caratterizzano la località. Ovviamente non possono mancare le chiese, testimonianza di particolari momenti storici, come quello spagnolo o  di importanti produzioni artistiche quale l’affresco della Scuola Senese presso la Chiesa di Santa Maria ad Portam. A seguire, il Duomo sito in piazza della Repubblica.

Orbetello. Mulino spagnolo nella laguna di Orbetello.

Ma oltre agli edifici classici ad Orbetello si distinguono costruzioni più singolari. Tra queste per esempio c’è la polveriera Guzmann. Realizzata dagli spagnoli nel 1692, era luogo di deposito per grandi tonnellate di esplosivo. La sua utilità trovò importanza in uno specifico momento storico. Nel 1860 Giuseppe Garibaldi rifornì l’esercito dei Mille proprio presso la stessa. Si racconta che conosciuto l’eroe nazionale, undici orbetani avrebbero deciso di unirsi alla sua impresa!

Il mulino spagnolo di Orbetello

Altro sito curioso è invece collocato nel mare. Conosciuto come mulino spagnolo rappresenta ad oggi l’unico esemplare rimasto dei nove che un tempo esistevano. Erano stati costruiti nel corso del 1400 all’interno della laguna con lo scopo di sfruttare la forza dell’acqua per la macina del grano. Il prodotto da lavorare veniva trasportato ai mulini attraverso i così detti “barchini”, tipiche imbarcazioni che un tempo solcavano la laguna. Il mulino oggi visibile fu ristrutturato degli spagnoli nel corso del 1600 per consentirne l’uso. Sembra dunque che Orbetello con la sua laguna possa regalare momenti molto diversi fra loro! Relax e divertimento in spiaggia, curiose gite culturali ma anche attimi di riflessione coccolati dall’incanto della natura.

Sabrina Cernuschi

Autore: Sabrina Cernuschi

Laureata in Scienze Storiche lavoro da anni nel campo della didattica culturale. Amo curiosare dietro i perché delle cose per scoprirne le origini, le storie e rimanerne entusiasta un po’ come capita ai bambini quando esplorano! Per questo prediligo scrivere articoli a tema cultura: sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo su cui indagare!
Orbetello in Toscana tra mare, curiosità e natura ultima modifica: 2019-07-08T09:00:49+02:00 da Sabrina Cernuschi

Commenti