notification icon
App italiani.it
Tutto il meglio di italiani.it sul tuo telefono
Installa

È notizia di queste settimane la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del bando di gara per la costruzione del più grande centro Biotech d’Europa. Il centro sorgerà a Carini, in provincia di Palermo, per conto della Fondazione RiMED. Questa rappresenta un’occasione d’oro per l’Italia, ma soprattutto per la Sicilia, per entrare e confermarsi nel mondo della ricerca.

Il più grande centro di ricerca europeo

2020: questa è la data prefissata per il termine dei lavori. Una volta posato l’ultimo mattone si avrà a disposizione una struttura di oltre 25mila metri quadri. Al suo interno laboratori all’avanguardia, ambulatori, uffici vari, un auditorium e alloggi per il personale. Il tutto con le più moderne tecnologie per consentire ai ricercatori di lavorare nel modo più efficiente possibile. E sono proprio le opportunità lavorative che hanno attirato l’attenzione della massa. Per far funzionare al meglio la struttura si avrà bisogno infatti di una forza lavoro non indifferente. Sono previste oltre 600 assunzioni, e più della metà delle offerte saranno rivolte a studiosi e ricercatori. Ma ci sarà bisogno anche di personale amministrativo, custodi e addetti alla manutenzione. Una grande occasione quindi per stimolare il mercato del lavoro che sta vivendo, soprattutto al Sud, un periodo molto difficile.

Cos’è il RiMED?

Il centro Biotech di Carini farà parte della Fondazione RiMED. Fondazione nata nel 2005 grazie all’intesa tra il Governo italiano e l’Università di Pittsburgh. L’obiettivo era, ed è, quello di realizzare in Sicilia un centro di eccellenza per la ricerca biomedica e biotecnologica. Il tutto servendosi delle più moderne tecnologie e della lunga esperienza dell’Università americana nel campo scientifico.

Come sarà il centro della RiMED

Ma perché la Sicilia? L’Università di Pittsburgh ha individuato nell’isola il luogo ideale per la ricerca grazie a diversi fattori. In primis la sua posizione al centro del Mediterraneo che offre grandi opportunità nel campo della biologia marina. Nella regione sono inoltre presenti diverse strutture e laboratori di primissimo livello. Un esempio è quello dall’ISMETT, l’Istituto Mediterraneo per i Trapianti e Terapie ad Alta Specializzazione, realizzato sempre in collaborazione con Pittsburgh. Dall’anno della sua realizzazione (1997) l’ISMETT è considerato uno dei centri più all’avanguardia nel campo dei trapianti. E dal 2020 la Sicilia potrà contare su un’altra eccellenza come quella del centro Biotech. Con la speranza di offrire lavoro e speranza ai tanti giovani italiani, invertendo quel triste fenomeno nostrano conosciuto come fuga di cervelli.

Gabriele Roberti

Autore: Gabriele Roberti

Affascinato da sempre dal Lato Oscuro della Forza, abbandona in tenera età l’idea di diventare un Sith. Da quel momento ha iniziato a dedicarsi ad altro: gli studi, il lavoro, le ragazze e i tornei a Fifa. Dopo la laurea in lettere ha iniziato a scrivere senza sosta, arrivando a vedersi pubblicato su vari siti e blog come italiani.it.
Sogna un viaggio in estremo oriente, e di provare almeno una volta tutte le cucine del pianeta. In attesa ovviamente di una chiamata da Lord Fener…

RiMED: a Palermo un centro di ricerca da record ultima modifica: 2017-02-24T07:53:52+02:00 da Gabriele Roberti

Commenti