Sanluri è un bordo storico tra Cagliari e Oristano. Un piccolo tesoro naturale sito nella parte centro meridionale della Sardegna, divenuto celebre nel corso del Medioevo. La cittadina è bagnata dal fiume Mannu e si sviluppa intorno a un antico castello. Il centro storico è racchiuso dietro mura medievali, ma la città si è poi sviluppata anche all’esterno. Nei documenti antichi è indicata come Sellori, che è la forma abbreviata di logu de su lori, ovvero territorio del grano. Il nome è attuale è invece stato scelto in onore dell’ex patrono, san Lorenzo.

Sanluri storia

La vera storia del borgo Sanluri si sviluppa a partire dal Medioevo, grazie alla fertilità del territorio e la sua posizione strategica. A partire dal 1300 diventa un centro fortificato, sviluppatosi a partire da un piccolo villaggio attorno al castello, detto di Eleonora d’Arborea. È l’unico ancora abitabile in tutta la Sardegna.

Castello di Sanluri
Fonte: https://www.facebook.com/ComuneDiSanluri

Pietro IV d’Aragona ne prese possesso e in appena 27 giorni lo fece fortificare. Divenne poi scenario nel 1409 di uno scontro cruento tra l’esercito spagnolo e quello sardo giudicale. Ogni due anni, sul finire di giugno, vi è una rievocazione storica. Parlando di festività, a fine settembre invece vi è la Festa del Borgo, che rievoca l’atmosfera storica del luogo.

Cosa vedere a Sanluri

Il castello di Sanluri è di certo l’attrazione principale. Il piccolo borgo offre però svariati tesori. Da ammirare la Chiesa di Nostra Signora delle Grazie, realizzata sul finire del ‘700. All’elenco si aggiunge la Chiesa di San Francesco, parte del convento dei cappuccini e sito su una delle colline più alte della zona.

Il borgo di Sanluri: un tesoro nel cuore della Sardegna ultima modifica: 2022-08-12T09:30:27+02:00 da Luca Incoronato

Commenti

Subscribe
Notificami
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
2
0
Would love your thoughts, please comment.x