notification icon
App italiani.it
Tutto il meglio di italiani.it sul tuo telefono
Installa

Una ripartenza forte. Il turismo potrebbe essere il settore strategico quest’estate per permettere all’Italia di rialzarsi e recuperare il tempo perduto. Secondo le prime stime è un vero e proprio boom per gli affitti turistici a breve e medio termine con Sicilia meta di gran lunga più gettonata. Nello specifico in testa a questa particolare classifica ci sono Palermo e Cefalù. Tante richieste anche per Ragusa, Noto e Ortigia.

estate - veduta di cefalù

La rinascita del turismo grazie ai vaccini e all’arrivo dei turisti stranieri

Stefano Bettanin, presidente di Property Managers Italia, associazione di categoria del turismo residenziale, ha spiegato a Il Corriere della Sera il grande sviluppo di Cefalù, un autentico hub di turismo in grado di fare concorrenza a Taormina. Una splendida notizia per il settore, messo in ginocchio dalla pandemia. I dati parlano di gravi perdite in particolare per le città d’arte con crolli di fatturato del 64% (confrontando 2019-2020) per Firenze, Venezia e Roma; mentre per Milano, sempre secondo una rilevazione dell’Osservatorio Otex, la diminuzione è stata del 54%. Rispetto alla scorsa estate però c’è la sensazione di un’inversione rilevante grazie soprattutto ai vaccini e al ritorno degli stranieri.

Bettanin spiega che il fattore vaccini è fondamentale: “Perché i numeri ci dicono che le ripercussioni economiche di una campagna vaccinale massiccia sono molto concrete. Dal nostro portafoglio stiamo rilevando molte prenotazioni da Gran Bretagna e Usa: non a caso Paesi dove le dosi di vaccino sono state somministrate a tappeto. E ora la gente, che si sente più sicura, vuole tornare a viaggiare“.

Trulli di Alberobello - una veduta dall'alto
Numerosi turisti in visita nella zona caratteristica

Puglia meta preferita in estate dagli inglesi

Tra le mete più prenotate in Italia, al secondo posto c’è la Puglia. In particolare i turisti inglesi sono attratti dalla regione e stanno prenotando moltissimo in Valle d’Itria, con in testa Alberobello. «In queste zone il tempo di permanenza media si allunga di molto, anche perché gli stranieri qui trovano prezzi più bassi rispetto ai loro Paesi e una qualità della qualità della vita decisamente più alt — spiega ancora Bettanin —. Per questo, sia per favorire la ripartenza del turismo sia per rivitalizzare molti borghi e paesini in abbandono, il governo dovrebbe approvare ad esempio sgravi fiscali per i pensionati stranieri che vengono a vivere da noi, strategia di grande successo in Portogallo».

Ciò che è certo è che il fenomeno del turismo di massa diminuirà e si cercheranno isolamento e spazi ampi a disposizione. Per questo c’è un grande ritorno del Chianti e delle Crete senesi, così come Venezia, Padova, Verona e Vicenza in particolare per le caratteristiche ville in campagna. La sensazione è che i turisti siano a caccia di esperienze autentiche per questo puntano al baglio in Sicilia o il trullo in Puglia, un posto tranquillo per stare con la famiglia. Quest’anno inoltre le richieste sono per periodi di vacanza più lunghi, anche grazie alla possibilità di fare smart working.

Sicilia e Puglia, è boom di prenotazioni per l’estate ultima modifica: 2021-04-30T12:30:00+02:00 da Claudio Cafarelli

Commenti

Subscribe
Notificami
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x