La testimonianza di Lysandra, affetta da un tumore al seno ed oggi atleta del Pink is Good Running

Lysandra Bargiggia, 38 anni, scopre di avere un cancro aggressivo e 15 giorni dopo è sotto i ferri. Conosce l’angoscia, quella vera. Passa al controattacco: chemio, radio, ormoni. E’ durissima. Finchè non inizia ad allenarsi con altre donne operate, per condividere la loro rinascita e testimoniarla a New York.

La testimonianza di Lysandra, affetta da un tumore al seno ed oggi atleta del Pink is Good Running
“Corro contro la paura”

Dalla scoperta alla lotta contro il tumore

Erano gli ultimi giorni di Gennaio. Fuori faceva freddo, quando Lysandra, dopo una lunga giornata di lavoro ed una doccia calda scoprì di avere un tumore. Una pallina sul seno destro. Il suo cuore in quell’istante si è fermato ma la sua mente restò lucida. E così prenotò subito un’ecografia.

Lo schermo mostrò i contorni del suo nodulo, non ben definiti, come quelli di una cisti ma frastagliati. Dall’esame risultò di avere un carcinoma. A 15 giorni dalla diagnosi, Lysandra si ritrovò subito in sala operatoria per la quadrantectomia.

Un tumore piccolo ma molto aggressivo e veloce che ti angoscia e terrorizza ma Lysandra si mostra una donna forte e coraggiosa. Rinuncia al lavoro per dedicarsi completamente ai suoi figli, i quali sono la sua unica forza.

Pink is Good Running, un progetto della Fondazione Veronesi

Pink is Good Running, un progetto della Fondazione Veronesi

Lysandra per combattere il suo tumore ha deciso di seguire la Fondazione Veronesi, la quale ha dato vita al progetto Pink is Good. L’obiettivo del progetto sono i 42 km della New York City Marathon. Le candidate al progetto devono essere donne operate in grado di intraprendere un percorso di allenamento.

Così Lysandra si candida e viene scelta. Da Marzo si allena tre volte a settimana con altre donne che hanno vissuto la sua stessa esperienza. Sono la sua nuova famiglia allargata. Condividono la fatica ma anche la loro rinascita. Perché si può rinascere e combattere un tumore.

Lysandra ritiene che la corsa sia vita, uno sforzo sano che ha il profumo di riscossa. 42 km e 195 metri non sono pochi, la testa fatica più delle gambe a non mollare. Ma questa grande donna è pronta ad affrontare la Maratona che si terrà a New York il 5 Novembre.

Di passo o di corsa alla PittaRosso Pink Parade

Fare attività fisica riduce il rischio di tumore al seno e diminuisce il rischio di ricadute nelle pazienti che sono già state colpite dalla malattia.

Per questo la Fondazione Veronesi è partner della PittaRosso Pink Parade, la camminata di 5 km o la corsa di 10 dove raccogliere fondi a sostegno della ricerca. La quarta edizione di svolgerà il 22 Ottobre a Milano.

 

Rossana Nardacci

Autore: Rossana Nardacci

Laurea Magistrale in Informazione, Editoria e Giornalismo presso L’Università Roma Tre.
Corso di Social Media Marketing&Social Listening presso Bloo Srl di Pescara abilitante alla professione di Social Media Manager, professione che svolgo attualmente collaborando con diverse web agency. Mi occupo principalmente di Content Marketing e Social Media Marketing per aziende e liberi professionisti, redigo testi Seo Oriented e curo le strategie per blog aziendali.
Sono Docente di corsi di Social Media Marketing per aziende e futuri professionisti

Avere un tumore e provare a combattere. Ma come? ultima modifica: 2017-10-20T09:30:01+01:00 da Rossana Nardacci

Commenti