notification icon
App italiani.it
Tutto il meglio di italiani.it sul tuo telefono
Installa

L’Italia è ricca di artigiani. Lavori dal sapore antico dove l’abilità delle mani acquista un ruolo centrale e cruciale. Esperienza, precisione e buona dose di pazienza sono le caratteristiche che un buon artigiano deve possedere. Solo così possono venire fuori dei grandi capolavori. A riguardo il Belpaese ha una lunga storia da raccontare. Dagli orafi fiorentini alle ceramiche dipinte di Vietri, Grottaglie o Caltagirone. Senza dimenticare i vetri di Murano o le grandi ricamatrici da Nord a Sud. Le nuove tecnologie e spesso anche la volontà dell’acquisto facile e chip ha creato non poche difficoltà a un settore che negli anni passati è stato un fiore all’occhiello dell’economia italiana. Fortunatamente, però, stiamo assistendo a un’inversione di tendenza.

Rispolveriamo le antiche arti

Negli ultimi anni abbiamo visto la lenta riscoperta del pregio dei lavori artigiani. L’Italia ha perso pezzi importanti del proprio artigianato, finite nella mani di aziende straniere.

Incisore - Patchwork di Sicilia la sfilata
Un momento della sfilata di Dolce & Gabbana a Milano

Grazie però alla determinazioni di alcuni “visionari”, consapevoli che per proiettarsi nel futuro bisogna avere radici profonde, oggi stiamo lentamente riscoprendo le nostre arti antiche. L’industria della moda in particolare ha deciso di riportare al centro del proprio lavoro la meraviglia del lavoro artigiano.

Stilisti e artigianato

L’ultima collezione di Dior presentata a Lecce è stato un tributo all’artigianato locale. Gli stilisti Dolce & Gabbana hanno fatto dei ricami e pizzi siciliani i protagonisti dei loro abiti. Spesso la Sicilia è stata importante location delle loro campagne pubblicitarie.

Incisore - ricamo su tela
Ricami

Durante la quarantena non è passato inosservato il loro progetto di solidarietà #DGfattoincasa. Un’iniziativa per ricreare il fascino del fatto a mano attraverso tutorial spesso realizzati in casa dai loro collaboratori.

L’incisore dalle mani di fata

Una delle figure centrali dell’artigianato italiano è l’incisore. Famosi gli incisori del vetro a Murano. Un’arte antica, ma se pensate che sia ormai tramontata vi sbagliate. Acque stavolta sono stati i grandi marchi della moda a ripensare a un ruolo per questo artigiano dalle abili mani di fata.

Incisore - Mariagrazia Mazza
L’incisore Mariagrazia Mazza

Come? Noi di italiani.it ce lo siamo fatto raccontare direttamente da un incisore. Si tratta di una giovane donna calabrese Mariagrazia Mazza che ha scoperto questa passione per caso e adesso incide per i famosi brand dell’industria del fashion.

L’incontro con un incisore per passione

Mariagrazia ci racconta che durante i suoi studi di conservazione dei beni architettonici stava preparando un esame sul restauro di vecchi testi. Per questa ragione si reca presso l’antica abitazione di un barone, grande amante dell’arte e con a disposizione una vasta biblioteca personale.

Mariagrazia Mazza mentre incide
L’incisore Mariagrazia Mazza

Mariagrazia passa lunghe giornate a imparare accanto a lui ma un giorno il suo occhio cade su una piccola macchinetta che serve per realizzare incisioni. Da lì il passo è breve. L’uomo le impartisce subito le prime lezioni sull’utilizzo e, quando finisce il lavoro dedicato ai libri, al momento di salutarsi lui le regala gli attrezzi per avviarsi a questa meravigliosa arte: l’incisione del vetro.

Incisore per la moda italiana

Mariagrazia non ha mai abbandonata questa passione che oggi è diventata la sua professione. Quando si è trasferita a Roma, dove vive col marito e uno splendido bambino, ha iniziato realizzando piccole creazioni personalizzate fino a quando qualcuno di importante l’ha notata. Sulla scia delle nuove tendenze che vogliono la personalizzazione degli accessori moda, le è stato proposto di incidere le bottiglie di profumo prodotte dai grandi marchi: Hermes, Dolce & Gabbana, Armani, Givenchy…

bottiglia incisa
Profumo Bulgari con incisione personalizzata

Libero sfogo alla fantasia, rispettando la linea del brand (l’ape per Dior, le immagini sacre di D&G o le camelie di Chanel), ma sposandola ai gusti dei clienti che chiedono un pezzo unico e personale. Se vi capita di andare a fare shopping per le vie della capitale e venite rapito da questo abile artigiano che con grande pazienza disegna sul vetro, fermatevi a osservare: se ha un caschetto scuro e unghie laccate di rosso, è sicuramente Mariagrazia.

Artigiani italiani: l’incisore riscoperto dai marchi del lusso ultima modifica: 2020-10-11T10:00:00+02:00 da Raffaella Natale

Commenti