Urbania è un piccolo borgo in provincia di Pesaro Urbino, nelle Marche. Tutt’intorno vi sono splendide colline ed è attraversato dal fiume Metauro, che protegge la cittadina su tre lati. Considerato un luogo strategico fin dall’antichità, data la sua conformazione naturale. Noto per la sua produzione di maiolica, iniziata durante il medioevo, il borgo era noto come Castel delle Ripe e in seguito Casteldurante dopo la distruzione e ricostruzione nel XIII secolo. Denominato infine Urbania nel 1636 in onore di Papa Urbano VIII.

Cosa vedere

Il centro storico di Urbania è affascinante, caratterizzato da alte mura di cinta e dal fiume Metauro che l’attraversa. L’area vanta tipici vicoli stretti, numerose chiese e botteghe specializzate nella produzione di maioliche, porcellana e ceramiche. Il cuore dell’area più antica della cittadina è senza dubbio il Palazzo Ducale. Realizzato del tutto in cotto per volere del Duca di Urbino Federico II da Montefeltro. Una struttura che ha sostituito una precedente fortificazione dei Brancaleoni. Costruito nel 1470, presenta un fronte a strapiombo sul fiume Metauro. Caratteristici i due torrioni, con all’interno una scala elicoidale in stile Martini.

Oggi all’interno vi sono la Biblioteca Comunale, la Pinacoteca, il Museo civico, l’Archivio comunale e il Museo di Storia dell’agricoltura e dell’artigianato. Da ammirare ben 40mila volumi, come la Commedia di Dante Alighieri pubblicata nel 1491. Tra le opere più interessanti vi sono due globi della metà del ‘500, uno terrestre e uno celeste.

Nei pressi del Palazzo Ducale vi è la Cattedrale di San Cristoforo Martire, patrono della città. La facciata è in laterizio e l’interno neoclassico in stile vanvitelliano. La visita prosegue lungo via Donato Bramante, strada dei negozi e delle logge. Superato il Municipio, troviamo la Chiesa di Santa Caterina che vanta interni meravigliosi. Venne eretta nel ‘500 dalla Confraternita degli Artisti. A pochi passi vi è la Chiesa dei Morti, costruita nel 1380 e dalla facciata abbellita da un bellissimo portale gotico, che introduce a quello che è noto come il cimitero delle mummie. Al suo interno 18 cadaveri deceduti tra il Medioevo e il Rinascimento, conservati grazie a delle muffe nel terreno. La visita può terminare sul Ponte del Riscatto, in onore alla Madonna del Riscatto. Qui il giovane architetto Bramante aveva fatto realizzare nel 1482 un tempietto, distrutto durante la Seconda Guerra Mondiale.

Curiosità

Tante le curiosità riguardanti il borgo di Urbania, ben noto per la produzione della maiolica. Un’antica tradizione che risale al medioevo. Le famose ceramiche vengono addirittura citate ne Il piacere di Gabriele D’Annunzio. La cittadina è stata insignita della medaglia di bronzo al valor militare per i sacrifici della popolazione nella lotta partigiana.

Come arrivare a Urbania

Arrivando da nord o sud, la strada da percorrere per raggiungere Urbania è l’autostrada A14, Bologna-Canosa. Le uscite possibili sono due:

  • Pesaro – Proseguire in direzione Urbino, deviando per Fermignano e infine Urbino
  • Fano – Proseguire in direzione Roma, deviando per Urbino. Alla prima rotonda uscire in direzione Fermignano e seguire le indicazioni per Urbino

Le stazioni ferroviarie più vicine sono Pesaro e Fano, da nord e sud. Per chi arriva da sud-ovest, invece, è Fossato di Vico. In aereo, invece, si predilige l’aeroporto di Ancona e Bologna.

Cosa mangiare a Urbania

Sono svariati i piatti tipici di Urbania, particolarmente legati al territorio. Ecco cosa provare senza alcun dubbio:

  • Astici con peperoni dolci
  • Involtini di maiale alla marchigiana
  • Minestra di ceci e maiale
  • Minestra di farro
  • Salsa al tartufo
  • Spaghetti mare e monti
  • Stoccafisso all’anconetana
  • Tajine di agnello
  • Zuppa di cicerchia

Fonte fotografia in evidenza: https://www.facebook.com/comune.urbania

Urbania, l’antica città delle maioliche tutta da scoprire ultima modifica: 2022-08-29T09:30:29+02:00 da Luca Incoronato

Commenti

Subscribe
Notificami
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
1
0
Would love your thoughts, please comment.x