notification icon
App italiani.it
Tutto il meglio di italiani.it sul tuo telefono
Installa

Tra i luoghi più suggestivi e poco conosciuti del Lazio c’è sicuramente il “borgo fantasma” di Celleno, situato in provincia di Viterbo e distante circa un’ora e mezza di macchina da Roma. Una vera e propria perla che si affaccia sul Lago di Bolsena, annoverata tra i borghi più belli d’Italia. La parte antica si ritrova nella strada del vino della Teverina, posizione strategica che in passato è stata motivo di tante attenzioni.

Celleno, il “borgo fantasma” del Lazio

Il fascino di Celleno è suggestivo e irresistibile, tanto da farlo rientrare nella lista delle 25 “incredibili città fantasma d’Italia” stilata dal The Telegraph. Il borgo laziale si affaccia sul Lago di Bolsena. Si trova in corrispondenza di un crocevia di paesini da non perdere, tra cui il celebre Civita di Bagnoregio.

La storia di Celleno inizia nel XIII secolo a.C, con l’insediamento prima degli Etruschi, poi dei Romani. Il nome della città viene dal latino “cella”, che significa “grotta”. Il borgo sorge su una roccia di tufo. Nel corso della sua storia è stato colpito da diversi disastri naturali. Tra i più importanti un terribile terremoto nel 1931 che ne ha causato gran parte della distruzione. Viene annoverato tra le “città fantasma” perché di fatto è un borgo abbandonato, quantomeno per quanto riguarda la sua parte originaria, quella che contiene i resti dell’antico castello e il reticolato di viuzze che lo circondano.

Il nuovo borgo di Celleno fu ricostruito nelle vicinanze nel corso degli anni ’30 e oggi conta poco meno di 1.500 abitanti. Il borgo laziale è posto sotto la tutela del FAI (Fondo Ambiente Italiano) ed è considerato uno dei più incantevoli della regione.

celleno castello wiki
Castello Orsini a Celleno – Valerio Orlandini, CC0, via Wikimedia Commons

Cosa vedere

Il borgo di Celleno, come detto, si trova in provincia di Viterbo. È raggiungibile da Roma in auto, con circa un’ora e mezza di viaggio. Il paesino è una meta molto suggestiva per una gita fuori porta, le attrazioni principali sono il Castello Orsini, che domina ciò che resta del borgo antico, la Chiesa di San Rocco e L’acqua Forte, sorgenti d’acqua dal sapore molto ferruginoso. Tutto il borgo è composto da stradine e case di tufo, incantevole disposizione che ha attirato l’attenzione anche dei turisti stranieri.

Il castello degli Orsini rappresenta il cuore del borgo antico e in passato era sede del palazzo comunale. La Chiesa di San Rocco è la più importante costruzione religiosa di Celleno e si trova anch’essa nel borgo antico che sorgeva intorno al Castello. L’impianto è stato sottoposto a un’importante opera di restaurazione tra il 2001 e il 2002. Altri punti d’interesse nel paese laziale sono il Convento di San Giovanni Battista, e le Chiese di San Carlo e San Donato.

Un appuntamento da non perdere a Celleno è la famosa Festa delle Ciliegie, evento che si tiene solitamente nel mese di giugno e che offre diverse attività sul territorio. La festa è un’occasione importante per provare i diversi piatti culinari, tutti ovviamente a base di ciliegie, che vengono preparati, e per conoscere meglio il territorio di uno dei borghi più incantevoli del Lazio.

Fonte fotografia in evidenza: Castello Celleno – Vitmalinovsky – Opera propria CC BY-SA 3.0

Celleno, alla scoperta del borgo fantasma ultima modifica: 2021-10-16T15:30:00+02:00 da Claudio Cafarelli

Commenti

Subscribe
Notificami
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x