notification icon
App italiani.it
Tutto il meglio di italiani.it sul tuo telefono
Installa

Antonio Cabrini è un campione, una leggenda del calcio. La sua brillante carriera lo ha portato, più volte, a conseguire i risultati più ambiti nel mondo calcistico. Vera e propria bandiera della Juventus e della Nazionale, terzino con propensione all’attacco e al gol, con una grande espressione di solidità difensiva, rimane uno dei più grandi calciatori italiani di tutti i tempi.

Il “Bell’Antonio”

Antonio Cabrini ha conquistato il pubblico dei tifosi con il suo grande talento calcistico. Come se non bastasse, anche il pubblico femminile è sempre stato dalla sua parte, non solo perché affascinato dalle sue doti calcistiche. L’innegabile bell’aspetto del calciatore, ha infatti contribuito, fin dai suoi esordi, ad accrescerne la popolarità. Il suo essere bello e amato dalle donne gli è valso il soprannome di “Bell’Antonio”. Fu il giornalista Gianni Brera ad attribuirglielo, paragonandolo al protagonista dell’omonimo film interpretato da Marcello Mastroianni. Un soprannome che, però, Cabrini ha sempre mal sopportato, preferendone un altro: il “Cabro”.

Antonio Cabrini nella Juventus

Gli esordi calcistici

Antonio Cabrini, oggi 64 anni, nasce a Cremona nel 1957. Fin da piccolo ha la passione per il calcio e a 16 anni esordisce nella Cremonese, la squadra della sua città. Qui rimane per due campionati e segna 2 gol in 29 partite. Inizialmente gioca nel ruolo di ala, poi l’allenatore Nolli gli cambia il ruolo. Con questa squadra vince il Trofeo Albertoni del ’71, il primo della sua lunga e ricca carriera.

Antonio Cabrini nella Nazionale

I successi con la Juventus e la Nazionale

Antonio Cabrini ha un talento innato, tanto da essere notato dalla Juventus che lo acquista nel 1975. Inizialmente la società lo manda a giocare per un anno nell’Atalanta, in serie B. Il 13 febbraio 1977 fa il suo esordio con la maglia bianconera. Qui il giovane calciatore si fa subito valere: colleziona 7 presenze e una rete e, cosa più importante, conquista il suo primo scudetto. La strada verso il successo è spianata: vince il campionato anche nella stagione successiva. Nello stesso anno, il 1978, fa il suo esordio nella nazionale italiana. È il 2 giugno quando, ai campionati del mondo in Argentina, entra in campo in sostituzione di Aldo Maldera. Seguono altri due scudetti con la Juventus nelle stagioni 1980-81 e 1981-82.

Antonio Cabrini, coppa del mondo

Campione del mondo

Antonio Cabrini vince, nel 1982, la Coppa del Mondo con la Nazionale di Enzo Bearzot. Al mondiale è protagonista: segna il gol del 2-1 contro l’Argentina di Maradona. Sia nella Juventus che nella Nazionale, veste la fascia di capitano, succedendo al suo compagno di squadra Gaetano Scirea. Nel 1989 passa al Bologna dove rimane fino al 1991, quando conclude la sua carriera di calciatore.

Allenatore

Continua a seguire il mondo del calcio a lui caro in una veste diversa. Prima come commentatore in tv, poi come allenatore. Allena l’Arezzo, il Crotone, il Pisa e il Novara. Nel 2008 diventa Commissario tecnico della nazionale di calcio della Siria. Nel 2012 è Commissario Tecnico dell’Italia femminile, che lascia nel 2017. Nel 2021 pubblica il libro “Ti racconto i campioni della Juventus”, scritto con Paolo Castaldi.

I trofei

Antonio Cabrini ha giocato più di 350 partite in serie A, segnando 35 reti in 15 stagioni. Con la Nazionale ha segnato 9 reti e disputato 73 partite (l’ultima nell’ottobre del 1987), 10 volte con la fascia da capitano. Nella sua carriera agonistica ha vinto tutto. Oltre al Mondiale 1982, ha al suo attivo sei scudetti, due Coppa Italia (1978-79, 1982-83), una Coppa Campioni (1984-85), una Coppa delle Coppe (1983-84), una Coppa Uefa (1976-77), una Coppa Intercontinentale (1985), una Supercoppa Europea (1985), un Mondialito per Club (1983). Ultimo riconoscimento, il Collare d’oro al merito sportivo (Roma 19 dicembre 2017). Con il suo innato talento e i numerosi traguardi raggiunti, Antonio Cabrini ha scritto alcune fra le più memorabili pagine della storia del calcio. Per gli italiani rimane uno dei calciatori più amati e indimenticati.

(Foto: Antonio Cabrini Pagina Facebook)

Tanti auguri Antonio Cabrini, campione del mondo 1982 ultima modifica: 2021-10-08T09:00:53+02:00 da Antonietta Malito

Commenti

Subscribe
Notificami
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
2
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x