notification icon
App italiani.it
Tutto il meglio di italiani.it sul tuo telefono
Installa

Dare del lei è una pratica oramai quasi sconosciuta. Le nuove generazioni stanno crescendo senza l’abitudine di dare del lei a nessuno. Ed è un peccato, perché questa forma – che ha seguito quella più vecchia di dare del voi – è una possibilità in più di portare rispetto al proprio interlocutore. Chissà, forse anche la morte del lei è un influsso della lingua anglosassone, dove la distinzione tra “tu” e “lei/voi” è decaduta da molto tempo per finire in un indistinto “you”.

È vero che l’uso del tu/lei varia molto nelle varie regioni italiane. Nel Mezzogiorno ancora anche le nuove generazioni hanno la buona usanza di dare del lei agli sconosciuti (mi capita di frequente anche su instagram), mentre dalle mie parti, in Emilia-Romagna, dove tutti si sentono un po’ amici di tutti, se date del lei incontrerete occhi sgranati dalla sorpresa. Vediamo allora quando sarebbe giusto dare del lei al proprio interlocutore.

Dare del lei a una persona anziana

Non si dà del lei a una persona anziana perché ai suoi tempi usava così. Anzi, se è davvero anziana ai suoi tempi usava ancora il voi. Le si dà del lei perché in tutte le culture civilizzate l’anzianità merita rispetto. Quasi a dire: complimenti per essere arrivato fino a lì.

A chi ricopre un qualche ruolo importante

Sarebbe buona norma dare del lei anche a chiunque in quel momento ricopra un ruolo sociale superiore al nostro. Sarebbe giusto dare del lei al proprio capoufficio, al sindaco, ai politici in genere (anche se dovrebbero imparare a meritarselo), al parroco. Dare del lei in questo caso sottolinea il rispetto non tanto per la persona ma per l’istituzione che la persona rappresenta. Ecco perché se vi ferma una pattuglia dei carabinieri per strada sarebbe giusto dal loro del lei. Anche se vi fanno la multa.

Agli sconosciuti

Oramai tutti si danno del tu dal primo momento in cui si incontrano. In questo modo è stata abolita qualunque gradualità nella conoscenza e tutti sembriamo amici di vecchia data. Può sembrare bello ma a volte è una facciata fasulla. Ecco perché sarebbe bello che si tornasse a dare del lei a chi non si conosce, nell’attesa di conquistare la sua fiducia fino a poter arrivare al tu.

E tu a chi dai ancora del lei?

Paolo Gambi

Autore: Paolo Gambi

Scrittore poeta e giornalista. Autore di quasi 30 libri, metà pubblicati con il Gruppo Mondadori, metà su Amazon. È convinto che la poesia possa cambiare il mondo. Vincitore di premi giornalistici e letterari, docente di comunicazione, vive sempre in Italia. Anche quando è all’estero.
Dare del lei ha ancora un significato nell’era di internet? ultima modifica: 2020-01-09T09:00:00+01:00 da Paolo Gambi

Commenti