notification icon
App italiani.it
Tutto il meglio di italiani.it sul tuo telefono
Installa

Siamo in Sicilia. Siamo in una terra nuovamente scelta da un importante marchio della moda italiana. Gli stilisti “Dolce e Gabbana” hanno deciso, lo scorso anno, di ambientare ancora una volta una loro campagna pubblicitaria nell’Isola. Ancora una volta si, perché, la Sicilia è spesso al centro delle loro collezioni, grazie al calore, ai colori, e ai sapori che la caratterizzano. E per la campagna pubblicitaria per la primavera estate è stato scelto il comune di Palazzolo Acreide, in provincia di Siracusa.

I portatori del santo e la modella per Dolce e Gabbana
Uno scatto della campagna di Dolce e Gabbana con i portatori del santo

Insieme a Milano, presente con gli altri scatti del fotografo Branislav Simoncik. Perché Palazzolo Acreide? Perché i due famosi stilisti hanno scelto un fotografo di Palazzolo, Salvo Alibrio. E’ nato così l’incontro tra D&G e Alibrio e la volontà di ambientare la campagna nel Sud Est dell’Isola. Per saperne di più abbiamo incontrato Salvo Alibrio, che a soli 31 anni si sta già affermando con il suo lavoro. Mantenendo sempre la serenità e la semplicità che caratterizzano il suo modo di essere.

Dolce & Gabbana, la storia e le tradizioni della Sicilia

Le riprese per la campagna pubblicitaria si sono svolte lo scorso luglio, come racconta il fotografo palazzolese. Dopo un incontro con i due stilisti, Alibrio, ha realizzato alcuni sopralluoghi nei posti più caratteristici di Palazzolo. Luoghi scelti da lui, anche perché, come ci ha raccontato, ha mantenuto quel filo conduttore, che caratterizza spesso le sue fotografie. Alibrio, infatti, realizza anche scatti di feste tradizionali siciliane. Da quelle che appartengono a Palazzolo, e dedicate ai santi, a quelle che risalgono al folclore e al mistero di altre città della Sicilia. Come i “Giudei” di San Fratello, arrivati per l’occasione a Palazzolo e immortalati nella collezione maschile.

I modelli di Dolce e Gabbana in un quartiere di Palazzolo
Uno scatto al quartiere Lenza della campagna Dolce e Gabbana

“Per questo è stata inserita una festa religiosa tipica di Palazzolo – racconta Alibrio – con gli scatti realizzati inscenando la processione del santo, con i portatori della statua e le modelle”. E poi ancora le foto davanti alla chiesa dell’Annunziata, con le suore di spalle, poi davanti alla chiesa della Madonna delle Grazie, con il caratteristico gregge di pecore. Scena non del tutto inusuale in queste zone. E ancora gli scatti realizzati nel quartiere della Lenza, o vicino alla balconata di palazzo Caruso.

La chiesa della Madonna delle Grazie con la modella di Dolce e Gabbana
Il gregge caratteristico davanti alla chiesa della Madonna delle Grazie

Tra i protagonisti degli scatti per Dolce & Gabbana anche tanti palazzolesi

La particolarità di questa campagna pubblicitaria è poi la scelta dei protagonisti. Molti ricordano quanto fosse blindatissimo il set in quei giorni di luglio dello scorso anno. Ma ad essere immortalati in quelle foto, che stanno facendo il giro del mondo, ci sono anche tanti palazzolesi. Giovani e meno giovani, gli anziani che giocano nei circoli, le donne che recitano il rosario. Il barbiere. I bambini.

La campagna di Dolce e Gabbana a Palazzlo
Uno scatto della campagna di Dolce e Gabbana a Palazzolo

“E proprio per la collezione bambini – aggiunge Alibrio – è stato fatto un casting con la produzione a Palazzolo. E tra i piccoli scelti per fare i modelli ci sono dei giovanissimi di Palazzolo”. Ogni contesto è stato scelto in base agli abiti e il risultato è sorprendente. “Sin dall’inizio – aggiunge il fotografo – la gente, gli amici, la mia famiglia, mi hanno supportato. Ho visto il paese entusiasta di questa esperienza”. E sicuramente queste foto saranno importanti per far conoscere ancora di più il comune Ibleo.

Modernità e tradizione in D&G e Alibrio

Milano e Sicilia, quindi, colore e bianco e nero, modernità e tradizione. A sottolinearlo è la casa di moda in una nota spiegando le nuove collezioni. Gli opposti si incontrano nella Campagna PE 2020 Donna e Uomo ambientata nei due luoghi chiave di Dolce&Gabbana che, con le loro atmosfere e i loro diversi scenari, fanno da sfondo agli scatti. L’isola di principale fonte di ispirazione di Domenico Dolce e Stefano Gabbana è accostata alla città dove tutto ebbe inizio. Immortalata da Salvo Alibrio, la Campagna ADV ambientata in Sicilia, a Palazzolo Acreide, è realizzata in bianco e nero, rievocando l’atmosfera, i simboli e le tradizioni dell’isola.

Il fotografo Salvo Alibrio
Il fotografo di Palazzolo Salvo Alibrio

Esaltato dalla profondità delle inquadrature e dalla saturazione del bicolore, il DNA Dolce&Gabbana emerge dagli scatti della campagna con tutta la storia, i valori e le suggestioni a cui rimanda. Scenari di vita quotidiana sono affiancati a tradizionali momenti di convivialità di paese, divenendo sfondo suggestivo agli abiti della collezione. E tra le super modelle ritratte da Alibrio ci sono Bianca BaltiIsabeli Bergossi Fontana e Jessica Stam.

Chi è Salvo Alibrio

Il giovane fotografo scelto da Dolce & Gabbana ha iniziato ad avere la passione per la fotografia già a nove anni. Dopo gli studi al liceo Artistico, continua la sua formazione da autodidatta. Ha partecipato a diversi concorsi fotografici e nel 2012 ottiene un riconoscimento dal National Geographic Italia. La vittoria al concorso gli ha permesso di frequentare un master di reportage all’accademia di fotografia di John Kaverdash. Ha ottenuto altri riconoscimenti e pubblicato diversi servizi fotografici su riviste come Le Figaro magazine. Ha anche realizzato mostre proprio con i suoi scatti fatti durante le feste religiose. E siamo sicuri che questo sia solo l’inizio. Deciso a restare a lavorare nella sua terra, Alibrio con determinazione sta dimostrando come poter coltivare una passione e farne un lavoro ricco di soddisfazioni.

Federica Puglisi

Autore: Federica Puglisi

Giornalista professionista dal 2009, una laurea in lettere moderne e un master nel cassetto. Questa sono io: una passione profonda per la scrittura come per l’arte in tutte le sue sfaccettature. Collaboro da anni con varie testate giornalistiche locali e nazionali e amo raccontare dei luoghi e della gente. Mi occupo di comunicazione per enti pubblici e privati, ma sono poco incline alla “mania” dei social. Se potessi tornerei alla penna e alla carta, come si faceva un tempo.
Dolce e Gabbana scelgono Palazzolo: “Esperienza unica” ultima modifica: 2020-01-22T09:00:00+01:00 da Federica Puglisi

Commenti