Arriva un’altra soddisfazione, per “È stata la mano di Dio” di Paolo Sorrentino. Il film con Toni Servillo – già premiato con il Leone d’argento – Gran premio della giuria alla Mostra del Cinema di Venezia – ha ricevuto ora due nomination ai BAFTA.

“È stata la mano di Dio”, le nomination ai BAFTA

“È stata la mano di Dio” ha ricevuto ben due candidature agli Oscar inglesi: Miglior Film non in Lingua Inglese e Miglior Casting. Nella prima prestigiosa categoria sfiderà:

  • “Drive My Car” di Ryûsuke Hamaguchi
  • “Madres paralelas” di Pedro Almodóvar
  • “Petite Maman” di Céline Sciamma
  • “La persona peggiore del mondo” di Joachim Trier

La cerimonia si terrà il 13 marzo 2022 presso la Royal Albert Hall di Londra, e sarà condotta da Rebel Wilson. Per Paolo Sorrentino si tratta di un riconoscimento davvero prestigioso, arrivato dopo il Leone d’argento e dopo che – l’esordiente Filippo Scotti – ha vinto il premio Marcello Mastroianni. Selezionata per rappresentare l’Italia agli Oscar 2022 nella sezione del miglior film internazionale, la pellicola gareggerà ora anche nel Regno Unito.

È stata la mano di Dio - La rosa dei candidati al Miglior Film non in Lingua Inglese
La rosa dei candidati al Miglior Film non in Lingua Inglese – Foto tratta dalla pagina Twitter dei BAFTA

Visibile su Netflix dal 15 dicembre scorso, “È stata la mano di Dio” racconta la storia e la crescita di Fabietto nella Napoli degli anni Ottanta. Decisamente autobiografico, il film ha nel cuore il legame tra il protagonista e Diego Armando Maradona (lo stesso legame che unisce Paolo Sorrentino al Pibe de Oro). Così come accaduto al regista, anche Fabietto dovrà affrontare una tragedia familiare che gli cambierà la vita per sempre. Con la nomination ai BAFTA, il regista napoletano si conferma nome d’oro dell’industria cinematrografica italiana. Come già, ai tempi de “La Grande Bellezza“, Oscar al miglior film straniero nel 2014, si era intuito.

“È stata la mano di Dio”, il film di Sorrentino nominato ai BAFTA ultima modifica: 2022-02-04T16:15:56+01:00 da Laura Alberti

Commenti

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x