notification icon
App italiani.it
Tutto il meglio di italiani.it sul tuo telefono
Installa

Giulia Caminito con il romanzo L’acqua del lago non è mai dolce (Bompiani) ha vinto la 59. edizione del Premio Campiello. La scrittrice ha ottenuto 99 voti sui 270 inviati dalla giuria dei 300 Lettori Anonimi. Al secondo posto Paolo Malaguti con Se l’acqua ride (Einaudi), 80 voti. Al terzo Paolo Nori con Sanguina ancora. L’incredibile vita di Fëdor M. Dostoevskij (Mondadori), 37 voti. Al quarto Carmen Pellegrino con La felicità degli altri (La nave di Teseo), 36 voti. Al quinto posto Andrea Bajani con Il libro delle case (Feltrinelli), 18 voti.

Cinquina Campiello 2021
I cinque finalisti del Campiello 2021

Dedico questo premio in particolare alle donne e alla possibilità che le donne potranno avere di leggere e di scrivere sempre e in qualsiasi parte del mondo“, questa la dichiarazione a caldo della vincitrice del Premio Campiello.

Un Gran Galà della Letteratura negli spazi dell’antico Arsenale

Cala il sipario su questa edizione 2021 del Premio letterario istituito dagli Industriali del Veneto nel 1962 e promosso e gestito dalla Fondazione Il Campiello. Quello di ieri sera è stato non solo un evento di premiazioni ma un Gran Galà delle Letteratura, trasmesso in diretta televisiva da Rai 5 e in streaming dalla piattaforma di Rai Play. La cerimonia si è svolta quest’anno nella suggestiva cornice dell’antico Arsenale di Venezia, uno dei luoghi iconici del “fare”. Qui anticamente si costruiva una nave al giorno e l’Arsenale era il cuore pulsante della città dove il Campiello è nato. Anche questo è un segno della ripartenza. A fare gli onori di casa la conduttrice Andrea Delogu, fra le più note del panorama televisivo e radiofonico italiano, al suo secondo Campiello. Con lei ha duettato il musicista (Lo Stato Sociale) e attore (Premio Biraghi 2021) Lodo Guenzi con interventi e letture.

Il ricordo dello scrittore, recentemente scomparso, Daniele del Giudice

In apertura di serata un pensiero sentito e molto speciale per chi avrebbe dovuto ricevere il Premio alla Carriera, lo scrittore Daniele Del Giudice scomparso il 2 settembre scorso. Romano, aveva scelto Venezia come sua patria di elezione. “Uno degli scrittori contemporanei più importanti”. Così lo ha ricordato il presidente della Giuria dei Letterati di quest’anno, Walter Veltroni che con Del Giudice aveva anche un profondo rapporto di amicizia. “Quello di questa sera – ha aggiunto – non è un premio alla memoria ma un riconoscimento a quello che Daniele Del Giudice ha fatto per la letteratura. Proprio qui, a Venezia, città di cui Daniele si sentiva figlio”. Sullo schermo allestito sul palcoscenico scorrevano le immagini e le parole di Del Giudice in una intervista che aveva rilasciato alla Rai.

In arrivo il nuovo Premio Campiello Junior perchè “leggere un libro aiuta a crescere”

Gli altri riconoscimenti della serata. Il Premio Giovani del Campiello 2021 è stato assegnato alla diciottenne Alice Scalas Bianco per il suo racconto Il ritratto di Parigi, storia dell’incontro a Parigi tra un padre e la giovane figlia avuta da una breve relazione molti anni prima. “Un racconto di estrema dolcezza – questa la motivazione del Premio – che mette insieme ingenuità e intelligenza e che si fa leggere fino alla fine”. Alice Scalas Bianco abita a Vigevano, in provincia di Pavia, dove ha appena finito la scuola superiore e sta per iniziare l’università. Ha scritto il suo racconto, ha spiegato, in due-tre settimane, complici il Covid e la quarantena.

Alice Scalas Bianco
Alice Scalas Bianco, vincitrice del Campiello Giovani

Menzione Speciale del gruppo Giovani di Confindustria per il miglior racconto sul tema della cultura d’impresa a Lorenzo Molinetti di Chiavenna, in provincia di Sondrio, per Fandango Cinema. Il Premio Campiello Opera Prima era già stato assegnato, in occasione della Cerimonia di Selezione della Cinquina Finalista, alla scrittrice di Adria, vive a Roma, Daniela Gambaro per l’opera Dieci storie quasi vere (Nutrimenti). Il prossimo anno ci sarà un premio in più, il Campiello Junior, riconoscimento per opere italiane di narrativa e poesia scritte per ragazzi tra i 10 e i 14 anni, all’insegna del convincimento che “leggere un libro aiuta a crescere”. Durante la cerimonia sono stati anche ricordati i cento anni dalla nascita di Mario Rigoni Stern e Andrea Zanzotto.

Nel 2022 il Premio Campiello compirà 60 anni

Davanti a un parterre di 800 invitati, protagonisti assoluti della serata sono stati i cinque finalisti, con cui Andrea Delogu ha conversato legando ad ognuno una parola chiave. Originale escamotage per parlare delle loro opere, in attesa dello spoglio delle schede dei 300 Lettori Anonimi che, come da prassi, si è svolto in diretta e ha decretato il vincitore. Comunque entusiasti tutti e cinque i finalisti, con un pizzico di nostalgia e dispiacere per la fine di questa avventura. Per i lettori e per la Fondazione, appuntamento al prossimo anno con un’edizione davvero speciale. Il Premio Campiello nel 2022 festeggerà infatti il suo sessantesimo compleanno.

(ph credit: Fondazione Premio Campiello)

Giulia Caminito vince il Premio Campiello 2021, con una dedica particolare alle donne ultima modifica: 2021-09-05T12:30:00+02:00 da Cristina Campolonghi

Commenti

Subscribe
Notificami
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
2
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x