notification icon
App italiani.it
Tutto il meglio di italiani.it sul tuo telefono
Installa

La storia del monachello, un racconto tutto italiano. I nostri borghi, i boschi italiani, i meandri più nascosti del nostro bel Paese, pullulano, nel vero senso del termine, di antiche leggende. Racconti spesso dal fascino ricco di emozioni tutti da riscoprire. Sono centinaia le storie, ormai quasi tutte assorbite dall’oblio, che caratterizzano la nostra italianità.

Le fiabe del focolare, un libro tutto da leggere

I boschi della Sila rappresentano un contenitore straordinario di resoconti, le cosiddette fiabe del focolare, tramandante oralmente dalle generazioni. E’ proprio il focolare il vero libro, non scritto, di un tempo ormai tramontato, un tempo che vogliamo far assaporare nuovamente ai nostri lettori in tutte le sue sfumature.

Monachello - Nella foto un bosco con la luna di notte.
Il bosco nel cuore della notte

Durante i rigidi inverni, il nonno intorno al tepore del camino  raccontava di aneddoti, spesso pregni di mistero e nello stesso tempo di fascino. Il “monachello” è sicuramente una delle leggende più conosciute in tutta Italia. Con sfaccettature inconsuete, questo racconto, viaggia, ancora oggi, su tutto l’altopiano. Troviamo alcune tracce di questa storia anche in Trentino, ovviamente con diverse versioni di racconto e anche in Norvegia e Svezia.

C’era una volta la leggenda del monachello

Un piccolo essere infestava le abitazioni in pietra e i boschi italiani. Secondo alcune ricostruzioni, si trattava di un bambino con un lungo vestito da monaco e un cappello, presumibilmente, a punta sulla testa. La leggenda colloca questa creatura nelle fredde notti invernali e nel buio delle ore notturne. Urla, dispetti, strani rumori, sono questi i pilastri della nostra avventura nel mondo delle fiabe italiane.

Monachello - esterno e scale di una casa silana
Una casa colonica silana

Urla, dispetti e strani rumori

Il “monachello” usciva di notte per arrecare timore e paura nelle famiglie e nei borghi. I racconti parlano di uno strano cappello, una sorta di portafortuna, e nello stesso tempo di disgrazia. Per le persone intraprendenti poter accaparrarsi questo cappello, molto forte nella simbologia, rappresentava la possibilità di ottenere facili ricchezze. Ovviamente gli episodi della suggestione sono la formula vincente di queste informazioni, inquadrate in contesti, in location mozzafiato, tutte da scoprire. Il viaggio nel mondo delle fiabe continua da Nord a Sud.

Il monachello, la leggenda del folletto dei boschi ultima modifica: 2020-10-07T15:00:00+02:00 da Omar Falvo

Commenti