notification icon
App italiani.it
Tutto il meglio di italiani.it sul tuo telefono
Installa

Da quando ha lasciato il porto di Livorno, il 29 giugno scorso, l’Amerigo Vespucci, imponente nave scuola della Marina militare, sta solcando i mari italiani. A bordo del veliero, considerato il più bello del mondo, è in corso la campagna d’istruzione 2020 a favore degli ufficiali della prima classe dell’Accademia Navale. Giovani che in questi giorni sono messi alla prova nella navigazione a vela, in alcuni dei tratti di mare più suggestivi del Mediterraneo e del Tirreno.

L' Amerigo Vespucci, al tramonto

Dal giorno della sua partenza, e fino al prossimo 22 agosto, quando a Taranto si concluderà la tradizionale campagna d’istruzione, la nave ormeggia in diversi porti italiani, per brevi soste logistiche. Durante queste “pause”, nel rispetto della tradizione della Marina Militare, i 106 allievi (104 italiani e 2 stranieri) e i membri dell’equipaggio, danno vita alla solenne cerimonia dell’ammaina bandiera. Segue, all’imbrunire, l’illuminazione delle vele con il tricolore. Un vero e proprio spettacolo per gli occhi di quanti hanno la fortuna di ammirarlo.

L’Amerigo Vespucci e la campagna 2020 dedicata agli italiani

La campagna d’istruzione a bordo della Vespucci è fondamentale per la formazione degli allievi ufficiali. E’ qui che questi giovani sviluppano i valori di fedeltà, disciplina e senso del dovere. Nei momenti formativi lavorano insieme all’equipaggio per prendere confidenza con il vento, la corrente, la manovra delle vele e la complessità della navigazione.

L' Amerigo Vespucci, addestramenti sulla nave

Questi passaggi consentono agli ufficiali di imparare ad affrontare e superare anche le sfide più difficili che comporta la vita a bordo di una nave a vela. Al termine del primo anno di studi nell’Accademia Navale, essi ricevono il “battesimo del mare”. Quest’anno, l’attività degli allievi è dedicata agli italiani che hanno vissuto l’emergenza coronavirus. Al fine di salutare le comunità presenti lungo le coste, alle quali non è consentito di avvicinarsi alla nave, la Marina militare coglie ogni possibile opportunità di passaggio ravvicinato.

Amerigo Vespucci, bandiera

L’Amerigo Vespucci quest’anno non è accessibile al pubblico

A causa dell’epidemia, è stato annullato il giro del mondo che il veliero avrebbe dovuto percorrere. Nel rispetto delle norme anti contagio, per la prima volta nella storia, la nave non viene aperta al pubblico durante le soste in porto. Né gli allievi possono avere contatti con l’esterno. Tuttavia, la Marina Militare ne consente la visita virtuale per mezzo di un un apposito video caricato sul proprio canale Youtube.

Amerigo Vespucci, motto

Il comandante del Vespucci, Gianfranco Bacchi, guida direttamente i visitatori in questa imperdibile esperienza sul web. Il video permette di scoprire molte curiosità sulla nave e sulla storia del suo motto “Non chi comincia ma quel che persevera”, assegnato nel 1978. Si possono, inoltre, ammirare le vele, il ponte, le attrezzature marinaresche, la sala consiglio e molto altro.

Amerigo Vespucci, equipaggio

La nave più anziana della Marina Militare, ancora in servizio

L’Amerigo Vespucci, progettato insieme al gemello Cristoforo Colombo, dall’ingegnere Francesco Rotundi, fu costruito nel 1925. Il Cristoforo Colombo entrò in servizio nel 1928 e fu nave scuola fino al 1943. Al termine della Seconda Guerra Mondiale, fu ceduto all’Unione Sovietica come risarcimento danni. L’Amerigo Vespucci, varato il 22 febbraio 1931 nei cantieri di Castellammare di Stabia, ha sempre avuto lo scopo principale di fungere da “scuola galleggiante”.

L' Amerigo Vespucci in mare

Fanno eccezione gli anni 1940 (a causa degli eventi bellici), 1964, 1973 e 1997 (per lavori straordinari). Altra caratteristica del veliero è che tutti i comandi delle manovre che l’equipaggio deve eseguire, sono dati con il fischietto, detto “del nostromo”.

Il veliero ambasciatore della cultura italiana

Negli ultimi anni, all’Amerigo Vespucci è stato affidato anche il compito di ambasciatore sul mare dell’arte, della cultura e dell’ingegneria italiana. La nave vanta una lunga storia di collaborazione con l’Unicef. Inoltre, in importanti occasioni, è stata presente in molti porti del mondo. Si ricordano la 31 esima edizione dell’America’s Cup ad Auckland (2002) e le Olimpiadi del 2004, ad Atene.

Amerigo Vespucci, equipaggio sulla vela

Nella campagna d’istruzione del 2017, la nave ha rappresentato il nostro Paese e i prodotti italiani all’estero. Basti pensare alle celebrazioni del 150° anniversario della Confederazione canadese e alla Tall Ship Race, la competizione per i velieri ad alti alberi delle navi scuola di tutto il mondo. Insomma, l’Amerigo Vespucci non è solo la nave più bella del mondo, ma, da ben 89 anni, è l’orgoglio della nostra Marina militare.

(Foto: Nave Vespucci Campagna d’istruzione 2020, Pagina Facebook)

L’Amerigo Vespucci accende il mare con la magia del tricolore ultima modifica: 2020-07-14T17:00:00+02:00 da Antonietta Malito

Commenti