notification icon
App italiani.it
Tutto il meglio di italiani.it sul tuo telefono
Installa

Il suo mare con le sue spiagge, ma anche le foreste e le montagne. La Calabria è magica e anche a livello internazionale se ne sono accorti. Di recente il “National Geographic” ha consacrato la regione elencando i luoghi che vale la pena visitare almeno una volta nella vita. Una regione ricca di spettacolari coste rocciose, litorali dove si può godere di uno splendido mare, due coste, quella tirrenica e quella ionica, che sono ricche di località da conoscere. Il prestigioso mensile definisce la Calabria “un altro mondo” e “il più delizioso segreto d’Italia”.

La Calabria e i suoi tesori

E così spaziando dalla costa ionica a quella tirrenica, la Calabria terra di profumi e di colori conserva nei suoi luoghi tracce di storia, arte e natura. Si parla di clima accogliente, paesaggi incredibili tra coste rocciose alternate a litorali di sabbia fine.

La spiaggia di Tropea vista dall'alto, una delle zone più belle de la Calabria
Tropea è una delle località più visitate della Calabria – Fonte: Orizzonte blu

Ma la Calabria è anche ricca di borghi, tra foreste e montagne, cascate e laghi. Ce n’è quindi per tutti. Per chi ama la natura e le escursioni può approfittare della bella stagione per visitarla, ma anche per chi è appassionato di storia e di cultura, con i tanti musei che offre. Vi portiamo allora alla scoperta di queste bellezze.

Tropea e la costa tirrenica

Tra le prime località citate dal National Geographic e che appartengono alla costa tirrenica c’è Tropea. Situata tra i golfi di Sant’Eufenia e Gioia Tauro sulla Costa degli Dei, è divisa in due zone. Tra la parte dove vivono gli abitanti e che è quella alta e la zona Marina, meta del turismo balneare. Inoltre ha un centro medievale impreziosito da mura, porte, torri e un litorale con le spiagge di sabbia bianca. E poi si possono gustare i piatti tipici della gastronomia locale, che richiamano le antiche ricette della tradizione marinara e contadina.

La Calabria offre la possibilità di visitare i bronzi di Riace
Al museo archeologico nazionale i Bronzi di Riace Fonte: Turismo.it

Scilla e il suo nome di leggenda

Non è da meno un’altra località calabrese: Scilla. E’ uno dei borghi più caratteristici d’Italia con antichi palazzi e chiese, ma anche località balneare, tra bellezze naturali, il mare, le spiagge, i numerosi eventi e i ristoranti tipici. Si ricordano anche il bergamotto e Chianalea, il piccolo villaggio di pescatori. E poi Scilla rievoca il mito di Ulisse e le sue leggende.

E poi c’è Reggio Calabria, ponte con la Sicilia

Per chi ama l’arte tappa obbligatoria a Reggio Calabria. Qui si può visitare, infatti, il Museo archeologico nazionale dove, tra le altre meraviglie artistiche, sono custoditi i celebri Bronzi di Riace.

La veduta di Reggio Calabria e lo stretto di Messina
Reggio Calabria e il suo porto Fonte: Wikipedia

Reggio è poi importante anche per l’economia di tutta la regione e per il suo mare. Da essa si può raggiungere la Sicilia, attraverso lo Stretto di Messina.

La costa ionica e i suoi borghi

Lungo la costa ionica, nota anche come Costa dei Gelsomini, ci sono altre spiagge e zone ricche di vegetazione. Da visitare Santa Severina, tra i borghi più belli d’Italia. La località sorge su uno sperone di tufo e domina la vallata del fiume Neto. Si può anche visitare la chiesa bizantina di Santa Filomena. Sempre lungo la costa si possono ammirare Soverato, o perla dello Ionio, Riace, Isca sullo Ionio, Sant’Andrea Apostolo dello Ionio e Siderno. Tra arte e storia anche Monasterace, borgo medievale al centro del sito archeologico dell’antica città di Kaulon. E ancora Stilo, del circuito dei Borgo più belli d’Italia, con la sua chiesa bizantina del decimo secolo. Infine Gerace, borgo medievale del territorio della Locride, ricco di arte, storia e cultura con chiese bizantine, il castello normanno.  

Federica Puglisi

Autore: Federica Puglisi

Giornalista professionista dal 2009, una laurea in lettere moderne e un master nel cassetto. Questa sono io: una passione profonda per la scrittura come per l’arte in tutte le sue sfaccettature. Collaboro da anni con varie testate giornalistiche locali e nazionali e amo raccontare dei luoghi e della gente. Mi occupo di comunicazione per enti pubblici e privati, ma sono poco incline alla “mania” dei social. Se potessi tornerei alla penna e alla carta, come si faceva un tempo.
La Calabria tra mare e natura, una terra da scoprire ultima modifica: 2019-09-06T09:00:56+01:00 da Federica Puglisi

Commenti