Il pane nero di Coimo: uno dei prodotti tipici più rinomati della Val Vigezzo e Val d’Ossola, tra Piemonte, Lombardia e Svizzera. Per Coimo, frazione del Comune di Druogno, il pane nero è emblema di eccellenza alimentare dall’antica lavorazione, infatti rientra nella categoria Pat (Prodotto agroalimentare tradizionale). Le sue origini sono antichissime, infatti già i Romani si prodigavano a produrre una particolare varietà di pane nero (panis ater). Quello attualmente diffuso nella Val d’Ossola sembra sia antico retaggio del Cristianesimo che cominciò a diffondersi in questa zona intorno al V secolo d.C.. Mangiare pane nero per i neofiti della religione cristiana voleva dire, per quel tempo, cancellare le usanze pagane.

Il pane nero di Coimo

Oggi per fare il pane nero di Coimo bastano pochi e naturali ingredienti: farina di segale integrale con una piccola aggiunta di frumento, acqua, sale e lievito madre naturale. La segale è un cereale predisposto al clima freddo, quindi riesce a crescere e a maturare anche nelle zone montane. Un tempo il pane nero si faceva anche con la farina di grano saraceno, un cereale tipico delle valli ossolane. Ha una forma tondeggiante e piatta in quanto la forza di lievitazione della pasta di segale è limitata, mentre il sapore è fragrante e deciso.

pane nero di coimo cotto al forno

Per i suoi componenti e la sua lavorazione tradizionale, ha una buona capacità di conservazione. Quello nero di Coimo è un pane rustico, dalla crosta marrone scura e dalla pasta bruna ed ogni forma pesa circa 700/800 grammi. Grazie alla presenza della segale è un prodotto ricco di fibre con proprietà antiossidanti e immunostimolanti. Inoltre impedisce l’assorbimento nell’organismo di alcuni particolari elementi, riuscendo così a mantenere nella norma i livelli ematici di glicemia e colesterolo. Le fibre hanno anche un importante effetto regolatore sull’intestino pigro. Per una sana alimentazione bisognerebbe consumare almeno 100 grammi di pane di segale al giorno per favorire salute e benessere.

La versione dolce e quella salata

Ci sono due tipi di pane nero: quello fatto con farina di segale al 90 per cent, denominato pan negar; e c’è il pane ossolano a cui si aggiungono noci ed uvetta, detto crescenzin. Il pan negar è un prodotto tipico prodotto dai panificatori di tutta l’Ossola. Si può ben dire che è il pane più antico della Val Vigezzo: un tempo era preparato solo due volte l’anno, per uso e consumo domestico ed era cotto nei forni comunitari presenti in tutti i villaggi.

pane dolce

A Coimo vi erano solo tre forni che oggi non esistono più. Il crescenzin, detto anche cardenzin o cradenzin prevede a volte anche l’aggiunta di fichi secchi oltre le noci e l’uvetta. Ottimo, quindi, per una dolce e gustosa merenda, indicata per i bambini ma che generalmente è molto richiesta ed apprezzata anche dagli adulti.

Il pane nero di Coimo, un’eccellenza di antica tradizione ultima modifica: 2021-10-12T12:30:00+02:00 da Maria Scaramuzzino
Lascia il tuo voto:
recipe image
Nome Ricetta
Il pane nero di Coimo
Nome Autore
Pubblicato il
Tempo Totale

Commenti

Subscribe
Notificami
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
2
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x