notification icon
App italiani.it
Tutto il meglio di italiani.it sul tuo telefono
Installa

Se il 2020 sarà ricordato anche come l’anno della chiusura, la cerimonia finale del Premio Campiello ribalta lo schema che l’ha contraddistinta negli ultimi anni (si teneva al Teatro La Fenice) e si sposta in Piazza San Marco. Anno difficile ma non impossibile per questo prestigioso premio letterario voluto dagli Industriali del Veneto con lo scopo di ritagliare uno spazio per l’imprenditoria veneta nel mondo culturale italiano. Dal 1963 il Premio Campiello si è svolto in luoghi simbolo della città lagunare, dall’Isola di San Giorgio al cortile di Palazzo Ducale al Teatro la Fenice. Quest’anno il palcoscenico della serata finale, che si terrà sabato 5 settembre, sarà per la prima volta in Piazza San Marco. Un debutto che vuole essere un omaggio a Venezia. Un’occasione per condividere con i lettori e con la gente il valore di questo Premio, dei suoi autori e dei suoi libri.

Premio Campiello - locandina

I libri, appunto, i veri protagonisti di questo importante appuntamento culturale. La famosa cinquina è stata scelta da una giuria di letterati che li ha selezionati e votati tra gli oltre 200 ammessi al concorso dal comitato tecnico. Ora tocca a 300 lettori sparsi in tutto il territorio nazionale decidere a chi andrà il Premio. I giurati cambiano ogni anno e i loro nomi rimangono segreti fino alla serata finale. Lo scrutinio avverrà come sempre in diretta. Il Premio Campiello in Piazza San Marco sarà condotto dalla giornalista Cristina Parodi.

Premio Campiello - cristina parodi
Cristina Parodi

I cinque libri in gara per la serata finale

Ma lasciamo parlare i libri della cinquina. Con passi giapponesi (Einaudi), della poetessa Patrizia Cavalli, sono sedici racconti, o meglio poesie in prosa, che la stessa autrice definisce “Come una raccolta di poesie, solo che, secondo me, è più bello delle poesie”. Lo scrittore Sandro Frizziero, che in certo senso gioca in casa essendo nato a Chioggia, poco lontano da Venezia, è stato scelto per il suo Sommersione (Fazi Editore). Protagonista un anziano pescatore che, giunto quasi alla fine della sua esistenza, deve fare i conti “Con il male che ha subìto e con quello che ha fatto”, spiega l’autore. La storia è ambientata in un’isola della laguna sud.

Premio Campiello  - alcuni giornalisti in piazza
Cinquina Campiello 2020 (da sinistra a destra, Remo Rapino, Francesco Guccini, Ade Zeno, Patrizia Cavalli, Sandro Frizziero)

Trallumescuro. Ballata per un paese al tramonto (Scrittori Giunti) di Francesco Guccini, è dedicato alla terra del cantautore, il paese di Pavana tra la Toscana e l’Emilia. Storia di un mondo antico, di una civiltà contadina che non esiste più. Trallumescuro, termine magico e poetico, indica il momento del passaggio dalla luce del giorno al buio della notte, così come si dice dalle parti dell’autore. Remo Rapino, con il suo Vita, morte e miracoli di Bonfiglio Liborio (Minimum Fax) racconta l’Italia del Novecento attraverso la strana lingua di un matto del villaggio, Bonfiglio Liborio, che il secolo scorso lo ha vissuto dal 1926 (anno della sua nascita) al 2010. Chiude la cinquina del Campiello L’incanto del pesce luna (Bollati Boringhieri) di Ade Zeno, cerimoniere del Tempio Crematorio di Torino così come il protagonista del suo libro, storia macabra e inusuale.

Ad Alessandro Baricco il premio Fondazione Il Campiello 2020

Filo conduttore della serata finale del 5 settembre sarà il concetto di piazza, in senso fisico e metaforico. Una serata-racconto ideata dal regista, sceneggiatore e autore televisivo Massimo Martelli. Piazza come luogo di incontro dopo mesi di chiusura, spazio di cui i cittadini hanno desiderio di riappropriarsi. Ecco allora il salotto di Piazza San Marco. All’aperto, per semplificare i problemi legati agli eventi importanti in tempi di Coronavirus.

Alessandro Baricco
Alessandro Baricco (foto di Luigi Farrauto)

Con un valore simbolico, perché Piazza è anche spazio di apertura e incontro tra cittadini. Di qui l’iniziativa, nata quest’anno, “Con la tua libreria al Campiello in Piazza”. Le librerie di Venezia e Mestre potranno regalare ai loro lettori l’opportunità di assistere alla serata finale. Nel corso della cerimonia Alessandro Baricco ritirerà il Premio Fondazione Il Campiello 2020 che gli è stato assegnato quale riconoscimento alla sua carriera di scrittore e intellettuale. La serata sarà in diretta streaming.

Venezia: per la prima volta il Premio Campiello assegnato in Piazza San Marco ultima modifica: 2020-09-04T10:00:00+02:00 da Cristina Campolonghi

Commenti